Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
32 min
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
47 min
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
1 ora
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
1 ora
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
1 ora
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
1 ora
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
LUGANO
2 ore
Sono loro i migliori studenti del Liceo 1
LOCARNO
4 ore
Rive invase dal legname: «Puliamo ogni mattina, ci vuole tolleranza»
RIVA SAN VITALE
4 ore
Riva accoglie i suoi campioni
LUGANO
5 ore
Caldo notturno da record sul Ceresio: 24.2 gradi
VACALLO
6 ore
«Come va l'illuminazione pubblica?»
LUGANO
6 ore
Novanta alloggi per studenti e un ristorante al posto del teatro
GAMBAROGNO
14 ore
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
15 ore
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
16 ore
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
CANTONE
19.05.2019 - 17:190

Votazioni, Verdi: «La democrazia diretta è a rischio»

«La cittadinanza è stata confrontata con tempistiche di votazione irrispettose delle numerose firme raccolte»

BELLINZONA - I Verdi del Ticino sono delusi per l’esito del voto sulla riforma fiscale federale e sull’iniziativa delle officine ed esprimono amarezza per la modalità in cui questi soggetti sono stati posti in votazione. «Da un lato si sono associati due oggetti completamente diversi impedendo al cittadino di scegliere liberamente e dall’altro la cittadinanza è stata confrontata con tempistiche di votazione irrispettose delle numerose firme raccolte. Legare tagli fiscali alle aziende al risanamento dell’AVS risulta un ricatto ai cittadini. Analogo discorso con le Officine, dove l’iniziativa andava votata in tempi brevi e non a 10 anni di distanza dal suo lancio».

RFFA - I Verdi del Ticino si rammaricano per l’esito di questa votazione. «Il fatto che tali tagli alle tasse alle grosse aziende per oltre 2 miliardi siano stati legati ad un tema importantissimo ma diametralmente diverso come l’AVS è segno di un disgregamento dei nostri valori democratici. È indispensabile qui, come altrove, agire affinché si attui una politica fiscale che riorienti l’economia verso maggiore sostenibilità».

Armi - I Verdi sono invece soddisfatti per la votazione sull’inasprimento delle norme che regolano le armi. «Ogni limitazione al possesso di armi da fuoco è da leggere in chiave positiva, sebbene questo compromesso non vada a incidere concretamente sul numero (tutt’ora decisamente eccessivo) di armi in circolazione».

Officine - Maggiori critiche arrivano per la votazione sulle Officine di Bellinzona. I Verdi commentano soprattutto la poca tempestività con cui il popolo è stato chiamato a votare. Dieci anni orsono, quando questa iniziativa andava votata, avrebbe ottenuto un plebiscito. «Sono stati aspettati però 10 anni per poter riuscire a rompere il fronte a sostegno del lavoro delle officine. Un’operazione che lascia davvero perplessi. Le conseguenze saranno pesanti sul fronte dell’occupazione con 300 posti di lavoro in meno, l’occupazione di terreno agricolo pregiato, così come una feroce speculazione edilizia non necessaria in centro a Bellinzona».

Semafori - Per quanto riguarda la votazione sui semafori del piano, i Verdi sono soddisfatti. «È giunto davvero il momento di propendere in maniera decisa verso il trasporto collettivo e verso la mobilità dolce. L’emergenza climatica impone un ripensamento totale della politica dei trasporti».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 12:59:11 | 91.208.130.86