Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
L'inchiesta sulla "banda dei bancomat" si ferma
La procuratrice pubblica Valentina Tuoni ha firmato un decreto di sospensione, ma le indagini saranno abbandonate
FOTO
CANTONE / AUSTRALIA
2 ore
Garze e calzette ticinesi hanno raggiunto i koala
Il pacco spedito dal Ticino è arrivato in Australia. Dall’associazione: «Siete leggende. Grazie di aiutarci ad aiutarli»
LUGANO
2 ore
Quattro assunzioni e un lavoro che non esiste
L'annuncio di ricerca personale. I contatti via WhatsApp. E la firma di contratti che valgono come carta straccia. Ma l'azienda ribatte: «Presto apriremo»
CANTONE
2 ore
Consegnati i diplomi “CAS Compliance in Financial Services”
Invitato alla cerimonia il già campione del mondo di pugilato (pesi welter) Ruby Belge
LOCARNO
9 ore
Una lista “aperta” per il PPD di Locarno
Ecco i candidati alle elezioni comunali del prossimo 5 aprile. Nominato anche il nuovo presidente della sezione
CONFINE
10 ore
Discarica abusiva: «Danno ambientale gravissimo»
Rifiuti pericolosi, ma anche animali abbandonati. C'era un po' di tutto nell'area a due passi dal confine ora posta sotto sequestro, scovata grazie alla segnalazione di un malcantonese
CANTONE
13 ore
«Il confinante se ne frega e la mia vigna va in malora»
Storie di ordinario menefreghismo che mettono in ginocchio alcuni viticoltori amatoriali della Svizzera italiana. Intanto, le cantine sono sempre più piene e il prezzo dell’uva cola a picco
LUGANO
13 ore
Cerimonia carica di emozioni per GastroTicino
Le aule principali della Scuola esercenti sono state dedicate ai compianti Basilio Pedrini ed Enrico Balestra
CANTONE / SVIZZERA
02.05.2019 - 10:320

Riforma fiscale e AVS: il Governo incoraggia il "sì"

Il Consiglio di Stato ritiene che la riforma abbia «un carattere altamente strategico» per il nostro cantone

BELLINZONA - Il 19 maggio 2019 la popolazione svizzera sarà chiamata a esprimersi sulla legge federale concernente la riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS (RFFA) approvata dal Parlamento lo scorso autunno e contro la quale è stato lanciato un referendum, formalmente riuscito. Il Consiglio di Stato ritiene che la riforma abbia «un carattere altamente strategico» per il nostro cantone e, pertanto, raccomanda di accettare il progetto.

«Soluzione equilibrava» - L’oggetto sottoposto a votazione popolare offre una soluzione equilibrata a due problemi urgenti: adegua l’imposizione delle imprese affinché la Svizzera possa rispettare i nuovi requisiti internazionali e consolida la situazione finanziaria dell’AVS.

La RFFA tiene conto del dissenso espresso nel 2017 verso la riforma III dell’imposizione delle imprese – approvata in Ticino dal 50.10% dei votanti ma respinta a livello nazionale – e la riforma della previdenza per la vecchiaia. Il nuovo progetto assicura misure fiscali maggiormente equilibrate, prende in considerazione i Comuni nel quadro dell’aumento della quota dei Cantoni sulle entrate dell’imposta federale diretta e prevede un’importante compensazione sociale a favore all’AVS.

Sul piano fiscale, la riforma prevede l’abrogazione dei privilegi fiscali cantonali. In futuro, quindi, tutte le imprese saranno tassate alle stesse condizioni. Per conservare la competitività della Svizzera la RFFA prevede nuove norme fiscali accettate sul piano internazionale a sostegno delle imprese innovative e delle attività di ricerca e sviluppo. Le nuove misure, coerenti con gli obiettivi di sviluppo economico del Cantone Ticino, costituiranno un importante stimolo per le imprese già presenti sul territorio e permetteranno di offrire condizioni quadro fiscali favorevoli allo sviluppo di nuove imprese e, di riflesso, di nuovi posti di lavoro.

AVS - Le nuove norme fiscali sono integrate con delle misure per il consolidamento dell’AVS. È infatti garantito un finanziamento supplementare di 2 miliardi di franchi all’anno a favore della previdenza per la vecchiaia che permetterà di ridurre in modo significativo il deficit di finanziamento dell’AVS e di fornire un sostanziale contributo alla salvaguardia delle rendite.

Il Consiglio di Stato ritiene che il risultato delle urne influenzerà in maniera determinante sia la competitività della piazza imprenditoriale svizzera e ticinese, sia il finanziamento di prestazioni pubbliche. In caso di rifiuto della RFFA la concorrenza fiscale intercantonale aumenterebbe e l’AVS non disporrebbe delle maggiori entrate di cui necessita.

Per queste ragioni, il Consiglio di Stato raccomanda alla popolazione di accettare la nuova legge federale concernente la riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 08:00:01 | 91.208.130.85