Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE
1 ora
Giorgio Tuti eletto per un secondo mandato al vertice dei sindacati dei ferrovieri europei
I delegati della ETF si sono riuniti in modalità digitale questa mattina
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
3 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
FOTO
CANTONE
4 ore
Gobbi in Vallemaggia per discutere (anche) di aggregazioni
Il direttore del DI ha incontrato gli esecutivi di Cevio, Bosco Gurin, Campo Vallemaggia, Cerentino e Linescio.
CHIASSO
4 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
17 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
Lugano
18 ore
Due auto coinvolte in un incidente sulla A2 in direzione Chiasso
Il sinistro è avvenuto nei pressi dell'entrata autostradale Lugano Sud
LOCARNO
19 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
20 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
CANTONE / SVIZZERA
23.08.2018 - 16:140

«Spetta all'Italia decidere come usare i ristorni»

Il Consiglio federale non intende aprire una trattativa con Roma per avere diritto di co-decisione sul modo in cui la compensazione finanziaria viene utilizzata

BERNA - Il Consiglio federale non intende aprire una trattativa con l'Italia per sondare la possibilità di un accordo volto alla realizzazione di opere infrastrutturali transfrontaliere attingendo ai ristorni dei frontalieri attivi in Ticino. Meglio far capo ai gruppi di lavoro transfrontalieri esistenti tra i due Paesi. È quanto si evince dalla risposta del Consiglio federale a una mozione del consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI) che il Governo raccomanda di respingere.

Per il Consiglio federale sussiste già la possibilità di trattare il problema sollevato dalla mozione "a livello di gruppi di lavoro transfrontalieri".

Al fine di finanziare e potenziare le infrastrutture per il trasporto pubblico tra la Svizzera e l'Italia, precisa l'esecutivo, esiste già una "Dichiarazione d'intenti concernente la cooperazione bilaterale nella realizzazione delle opere di potenziamento delle infrastrutture ferroviarie e dei servizi di trasporto ferroviario entro il 2020", firmata il 17 dicembre 2012. Entro il 2020 la dichiarazione sarà aggiornata secondo i bisogni attuali, tenendo conto anche delle opinioni del Canton Ticino.

Per attuare le politiche previste dalla dichiarazione sono già stati firmati degli accordi bilaterali e creati cinque gruppi di lavoro che includono anche rappresentanti ticinesi, si sottolinea.

Nell'ambito del Programma Traffico d'agglomerato (PTA) vi sarebbe poi la possibilità di sostenere misure infrastrutturali per la promozione della mobilità sostenibile all'estero, sia per l'agglomerato del Mendrisiotto che per quello del Luganese, a condizione che i Comuni esteri partecipino all'elaborazione di un programma di questo tipo.

Nel maggio scorso, rispondendo ad un'interpellanza dal contenuto simile inoltrata sempre da Romano, il Consiglio federale rilevava che nel quadro delle riunioni tra la Svizzera e l'Italia è previsto che i rappresentanti italiani informino i colleghi svizzeri circa l'utilizzazione dei ristorni.

Tuttavia, l'accordo non prevede alcun vincolo giuridico che autorizzerebbe le autorità svizzere ad avere diritto di co-decisione sul modo in cui la compensazione finanziaria viene utilizzata. Insomma, spetta all'Italia progettare e finanziarie le proprie infrastrutture.

I cantoni, tuttavia, secondo l'articolo 56 della Costituzione federale, hanno la facoltà, a condizioni rigorose, di concludere con l'estero trattati nei settori di loro competenza. È con le regioni e i Comuni italiani che il Ticino dovrebbe cercare il dialogo su questo tema, sottolinea il Governo nella sua risposta odierna.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
falcodellarupe 3 anni fa su tio
non sarebbe meglio se andassero tutti "foera di ball"...........o no?
Mat78 3 anni fa su tio
Ovvia risposta, le soluzioni sarebbero altre, da adottare in casa nostra...ad esempio vignetta autostradale per stranieri da CHF 200.00 l'anno, almeno si crea un fondo per rifacimento e manutenzione delle infrastrutture, specie quelle stradali...Ma sa po' mia fa'... altrimenti poi l'UE si innervosisce sulle trattative per l'accordo quadro...accordo quadro che poi fra l'altro sarà la fine della sovranità nazionale e della democrazia diretta...che dire...siamo messi proprio bene...
vulpus 3 anni fa su tio
Basta mia aveg fastidi!!!!!
seo56 3 anni fa su tio
Fosse per me ristorni “un para da ball” è l’Italia che ci dovrebbe versare un contributo per i disagi che ci creano con i frontalieri!!!
tip75 3 anni fa su tio
lecca lecca dell europa,galoppini dei soldi...
roma 3 anni fa su tio
...praticamente NO ad ogni mozione ticinese. Ora, se a Bellinzona ci fossero politici con gli attributi, il Ticino inizierebbe a muoversi per proteggere meglio i propri interessi infischiandosene della Berna federale. Alla peggio il Consiglio Federale ci invia giù l'esercito...
centauro 3 anni fa su tio
@roma Chiedilo all'ambiente imprenditoriale.......sono loro che comandano non i politici!!!! ancora non lo hai capito?!?!?!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 14:25:00 | 91.208.130.86