Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
32 min
Arriva la fattura... «Ma è pagabile entro oggi»
Nuovo problema con Swisscom che ammette: «Un disguido. Ma il termine di pagamento è stato prorogato»
CANTONE
34 min
Il verde alle luci rosse: «Le ragazze scalpitano, ma...»
Berna consente ai locali erotici di riaprire. Le ragazze premono, ma il settore si interroga se varrà la pena
CANTONE
7 ore
L'ultima volta in streaming del PLR
Christian Vitta ha ripercorso i "problemi" con Berna nella fase calda della pandemia
MENDRISIO
8 ore
GranCasa saluta il Ticino
La catena di arredamento italiana lascerà Mendrisio entro la fine dell’anno
CANTONE
8 ore
L’appello dei medici: «Usate la mascherina»
Tra i firmatari Franco Denti, Christian Garzoni, Mattia Lepori e il medico cantonale Giorgio Merlani
LUGANO
9 ore
La chiesa ha riaperto le porte
Una quarantina di fedeli si è recata questa mattina nella chiesa S. Antonio per la messa mattutina
BELLINZONA
11 ore
62 giorni di battaglia prima del ritorno alla vita
Il consigliere comunale Fabio Briccola è stato uno degli oltre 3'300 ticinesi colpiti dalla malattia.
BELLINZONA
11 ore
I commerci locali vogliono tornare a sorridere
Negozi aperti il 1. giugno per provare a ripartire dopo la pandemia. E un concorso lungo due mesi
CANTONE
12 ore
Lingue e Sport 2020: confermata l'offerta estiva
I corsi avranno luogo come previsto. Ed è ancora possibile iscriversi
MENDRISIO
12 ore
Non solo il Fiore di Pietra, dal sei giugno è riapertura vera
Da sabato prossimo il Monte Generoso sarà nuovamente raggiungibile con il trenino. E riapre pure il camping a Melano.
TENERO
13 ore
Vince 88mila franchi con un gratta e vinci
Ha speso solo otto franchi per un biglietto e si è ritrovata con una vincita che l’ha lasciata senza parole
CONFINE
13 ore
«La Svizzera riapra la frontiera con l'Italia»
È l'appello di esponenti leghisti della vicina penisola: «La chiusura è un ulteriore colpo al nostro turismo»
FOTO
CANTONE
14 ore
Il direttore del DECS tocca con mano l'attuale realtà scolastica
Manuele Bertoli ha fatto visita alle sedi comunali di Malvaglia e Mendrisio, e ne seguiranno altre
CANTONE / CONFINE
14 ore
L'attacco a Fontana: «Vuole tradire i frontalieri»
A lasciare sgomenti due parlamentari del PD è la richiesta di una «revisione peggiorativa» degli accordi Italia-Svizzera
ROVEREDO (GR)
15 ore
Moto completamente bruciata sull'A13
Tra Roveredo e Bellinzona-Nord l'autostrada è stata temporaneamente chiusa
CANTONE
07.06.2018 - 11:050
Aggiornamento : 13:01

Qualità dell'aria, il Cantone punta sui veicoli elettrici

Il 2017 è stato peggiore rispetto al 2016, ma negli ultimi 20 anni il trend è positivo. Il Cantone "offre" 2'000 franchi a chi compra un veicolo elettrico e 500 a chi installa una stazione di ricarica

BELLINZONA - La qualità dell’aria in Ticino non è poi così male. Resta diverso lavoro da fare ma si è sulla buona strada.  È questo il succo della conferenza stampa indetta dal Dipartimento del territorio per presentare il relativo Rapporto che si è tenuta stamattina a Bellinzona.

Il 2017 è stato peggiore rispetto al 2016 per quanto riguarda il superamento limiti di diossido di azoto, «ma non stiamo andando verso la catastrofe», assicura il direttore del DT Claudio Zali. Il trend degli ultimi 20 anni - il confronto fra un anno e l’altro è sempre complicato - è infatti comunque positivo, grazie soprattutto al rinnovo del parco veicoli, alla diminuzione dei veicoli diesel e al maggior utilizzo dei mezzi pubblici. L’aumento generale del traffico agisce invece come forza controcorrente.

Anche per gli altri indicatori della qualità dell’aria citati - ozono e polveri fini - i limiti non sempre vengono rispettati, ma in questi casi subentrano variabili indipendenti come la meteo o l’inquinamento “importato”. Anche qui il trend è in ogni caso positivo.

Dito puntato sugli impianti stazionari - Per far in modo che i limiti vengano superati con meno frequenza è stato anche aggiornato il Piano di risanamento dell’aria, ora incentrato soprattutto sulla riduzione delle emissioni degli impianti stazionari. Per questo sono state inasprite alcune basi legali e proposte 12 misure: nove che riguardano appunto economie domestiche, industria e agricoltura, due le emissioni dei veicoli e una l’inquinamento transfrontaliero.

Promozione della mobilità elettrica - Il Dipartimento del territorio non dimentica comunque i veicoli, incentivando la mobilità elettrica, «utopica per i lunghi viaggi, realistica per i piccoli spostamenti». Per questo richiede un credito quadro di 3 milioni di franchi: 2,5 destinati agli incentivi all’acquisto di veicoli totalmente elettrici e mezzo milione per incentivi all’installazione delle stazioni di ricarica a domicilio e presso i datori di lavoro.

«L’obiettivo è raddoppiare con 1.000-1.200 unità il numero di automobili totalmente elettriche immatricolate in Ticino e di 1.000 unità le stazioni di ricarica domestica», ha spiegato Zali. «L’ammontare degli incentivi non verrà calcolato attraverso complicate tabelle», ha poi aggiunto il consigliere di Stato. Chi deciderà di acquistare un’auto elettrica beneficerà di un contributo di 2’000 franchi, con uno sconto di pari entità concesso dagli importatori, per un contributo totale di 4'000 franchi, chi installerà una stazione di ricarica riceverà 500 franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mara Athena 1 anno fa su fb
Cominciamo a chiederci da dove arriva l’elettricità per tutti ... perché non è elettricità idroelettrica (pulita) o pannelli fotovoltaici .... ?.... Che inizino fare i bus elettrici (ah già c’erano ma sono stati tolti ...)
Tato50 1 anno fa su tio
Bene; quelli non elettrici li fermiamo al portale nord del Gottardo !!!
Alex Binsacca 1 anno fa su fb
La qualità dell aria viene inquinata da chi crea leggi insensate e che spara stronzate del genere. Ma fare qualcosa di veramente utile al cittadino ticinese nooo è solo attaccarsi a stupidaggini, è meglio che ritornate all asilo a fare pittura dito magari la giornata sarebbe più creativa che ste cavolate qua e quant altro.
Antonio Kurtilas 1 anno fa su fb
Avevo un ibrida ma non ho ricevuto nessun bonus ora ho preso una solo benzina che inquina come si deve e pago anche meno ?? ( imposte di circolazione in TICINO )
Dario Germann 1 anno fa su fb
2000.- ??? E il resto che serve per aquistarne una ??? Io padre di trè figli e divorziato che faccio, mi prostituisco ??? il profitto sostituirà sempre il buon senso ....
Daniele Fantoni 1 anno fa su fb
cominciate a limitare i frontaliers..... e mettere i tir su rotaia...!!!!"poi si può discutere....!!!!!!!
Massimo D'Onofrio 1 anno fa su fb
Troppo poco!
Mirko Zxy 1 anno fa su fb
Occhio che gli incentivi in un modo o nell'altro vanno restituiti , prima o poi ???
Simone Canepa 1 anno fa su fb
Intanto hanno tolto i filobus per mettere delle discariche ambulanti...
cambiamainagota 1 anno fa su tio
quando leggo questi articoli mi chiedo se ci stanno prendendo per i fondelli. La nostra vicina Italia, tanto bistrattata, sussidia il 50% degli impianti fotovoltaici....qui per un impianto da oltre 20'000 frs si ricevono 4-5000 frs. Se si acquista un' auto elettrica (costo minimo 25000-30000 frs per una Zoe) si ricevono 2000 frs di sussidi. Siamo ridicoli, si volesse realmente "spingere" per migliorare le condizioni dell' aria minimo bisognerebbe finanziare il 50% dell' investimento del privato. Sono curioso di vedere quando ci avvicineremo al 2030 come faranno ad "obbligare" il privato a ristrutturare la propria vecchia casa per raggiungere gli obbiettivi di energia pulita 2030.....
miba 1 anno fa su tio
Alias come mettere un cerotto (misure del Cantone) ad una falla tipo quella della Costa Concordia....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 07:08:50 | 91.208.130.85