Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
BELLINZONA
20.04.2020 - 17:330
Aggiornamento : 18:07

Caos al TPF: «Episodi discutibili, ma niente mobbing»

L'autorità di vigilanza suggerisce tuttavia il licenziamento della segretaria generale

BELLINZONA - Non ci sono prove sufficienti che presso il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona ci siano stati casi di mobbing nei confronti di dipendenti ticinesi. È il parere della Commissione amministrativa del Tribunale federale (TF), che però riconosce come in passato si siano verificati episodi discutibili.

Suggerito un licenziamento - Pertanto l'autorità di vigilanza, in un rapporto divulgato oggi, propone una serie di misure per rimediare ai problemi emersi. La raccomandazione più seria riguarda la segretaria generale, il cui operato viene criticato e per la quale è suggerito il licenziamento.

L'organo del TF annuncia di avere chiuso la propria indagine. In questo contesto, ha ascoltato otto giudici e la stessa segretaria generale. La procedura era stata avviata il 6 gennaio per vederci chiaro su una serie di indiscrezioni giornalistiche. La stampa aveva parlato di varie violazioni, tra cui faide e lotte di potere fra giudici, abusi nelle note spese, sessismo e mobbing.

Nessun mobbing contro i ticinesi - La commissione scrive che tutti gli intervistati di lingua tedesca e francese negano che ci sia stata una forma di mobbing contro i ticinesi. Due giudici e la segretaria, tutti italofoni, avevano invece riferito dell'esistenza di molestie.

Secondo l'autorità di vigilanza però, non ci sono evidenze che ciò sia realmente accaduto. Nemmeno la mancata rielezione, annunciata lo scorso settembre, di Giorgio Bomio-Giovanascini, presidente della Corte dei reclami penali, e Claudia Solcà, presidente della Corte d'appello, possono essere attribuite a questo, ma sono da far risalire al mancato adempimento dei doveri.

Riguardo alle note spese, pure in questo caso non è stato possibile trovare prove concrete. Stando alla commissione però, il TPF deve smettere di farsi carico della partecipazione di membri del personale a eventi politici dei gruppi parlamentari e a corsi di preparazione alla pensione.

Per quel che concerne invece le molestie sessuali, la commissione taglia corto, pur ammettendo una frase infelice uscita dalla bocca del presidente della Corte penale e rivolta a una o due impiegate, invitate a «non restare incinte». L'uomo, che poi si è scusato, si era così espresso a causa della mole di lavoro nella primavera del 2018.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Cane non mangia cane! E a pagare é la solita segretaria...
tip75 1 anno fa su tio
ma quando mai si vede riconosciuto un caso di mobbing dalla legge...ridiamoci su che siamo sempre e ancora lontani da tantissimi diritti che si spacciano per uguali
Tato50 1 anno fa su tio
@tip75 Fino a quando un giorno, chi subisce il "mobbing" va in ufficio con il fucile e emette lui la sentenza. Qualche precedente c'è già stato !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 00:34:04 | 91.208.130.85