Immobili
Veicoli
«Fotografare il sole? Fino a qualche anno fa era impensabile per un amatore»
Giovanni Bernasconi
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino
VERZASCA
5 ore
«Chi me lo fa fare di continuare?»
Il lupo colpisce ancora: cinque pecore uccise. L'agricoltore "amatoriale" Claudio Scettrini è demoralizzato.
FOTO
TAVERNE
6 ore
Il capriolo Vedeggio se l'è vista brutta
Intervento della SPAB e del guardiacaccia a Taverne
BALERNA
8 ore
Una serata sulle aggregazioni nel Mendrisiotto
La organizza la Sezione PS Mendrisiotto e Basso Ceresio per mercoledì 1° giugno
CANTONE
9 ore
Il Luganese nel mirino dei radar
Ecco dove verranno piazzati i controlli settimana prossima
FOTO
LUGANO
10 ore
Si porta a casa la bicicletta per un franco
L'asta pubblica in Piazza della Riforma a Lugano ha permesso di raccogliere 7'777 franchi
LUMINO
11 ore
Il carnevale estivo ci sarà
Confermato l'evento tanto discusso, che avrà luogo da venerdì 24 a domenica 26 giugno.
LOSTALLO (GR)
12 ore
Incidente con la moto, 21enne ferito
È successo ieri a Lostallo. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
MENDRISIO
13 ore
La Soleggiata “sconfina” nel Luganese
Il progetto torna per la terza edizione, che avrà luogo anche al Parco Guidino di Paradiso
LOCARNO
15 ore
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
17 ore
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
17 ore
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
CANTONE
22.12.2021 - 06:050
Aggiornamento : 09:38

«Fotografare il sole? Fino a qualche anno fa era impensabile per un amatore»

I suoi scatti hanno catturato l'attenzione di diversi astrofili ticinesi.

Una passione, quella di Giovanni Bernasconi, che va avanti da circa 15 anni. E che non si è ancora estinta.

LUGANO - C'è chi agli astri si affida per porre loro dei quesiti esistenziali, e chi invece vi dedica tempo esclusivamente per osservarne l'imperituro fascino. 

Tra questi "scrutatori" si può sicuramente annoverare il signor Giovanni Bernasconi, informatico del Mendrisiotto e appassionato di astronomia. Un interesse, il suo, che coltiva da circa 15 anni, durante i quali ha messo insieme una discreta attrezzatura. Giovanni, infatti, non si limita a puntare gli occhi al cielo, ma è anche l'autore di bellissimi scatti, apprezzati dagli astrofili ticinesi e d'oltre confine.

Una passione... costosa - «Sono sempre stato attratto dalla natura, ma anche dalla tecnologia. Quello per gli astri è un amore che unisce le due cose», ci racconta. Un pezzo alla volta, Giovanni ha realizzato il suo sogno fatto di telescopi, lenti e molto altro. «Voglio sempre il meglio, ovviamente per quello che posso permettermi».

Dalla luna al sole - Ha cominciato così, partendo da astri più semplici da scrutare: «Ho iniziato principalmente con la luna. Poi con i pianeti, più semplici rispetto alle stelle. Richiedono meno ore ogni notte per arrivare al risultato, che altrimenti può necessitare di numerose sessioni in più giorni».

Fino a che non è arrivato il momento di buttare un occhio a quella enorme palle di fuoco che riscalda il nostro pianeta: «Fotografare il sole è abbastanza dispendioso, tanto che fino a pochi anni fa era molto difficile che un privato avesse le disponibilità per riuscire a farlo». Oggi la strumentazione inizia ad essere meno elitaria, seppur costosa: «Un esempio? Per evitare di danneggiare le lenti del telescopio e gli occhi, servono due filtri, in grado ad esempio di rimbalzare i raggi UV e infrarossi. Ecco, solo per i filtri ci vogliono circa 2 mila franchi». 

Il risultato di queste osservazioni è spettacolare (vedi foto allegate). Guardare al sole, d'altra parte, non è solo un passatempo. «La nostra stella ha iniziato nel 2020 il nuovo ciclo (numero 25), che dura 11 anni. Il picco dell'attività solare dovrebbe essere fra il 2024 e il 2026 - sottolinea l'amatore -, quindi attualmente si notano poche macchie e poche eruzioni. Con le nuove tecnologie si riescono a stabilire con più precisione gli eventi solari. Queste previsioni e questi studi servono a stabilire se nel prossimo futuro potrebbero capitare eventi in grado di danneggiare i satelliti artificiali e le comunicazioni sulla terra. Per questo le attività solari vengono giornalmente monitorate».

Il bisogno di aggiornarsi e di condividere - Nonostante i risultati attuali siano già soddisfacenti, la ricerca costante del miglioramento non è terminata. «Per l'anno prossimo conto di attrezzarmi con un telescopio apposito solo per i pianeti. Deve avere un'apertura molto grande e poter così catturare più dettagli».

Ovviamente, come spesso accade, la passione vuole essere condivisa. Per questo, oggi, aiutano molto i social: «Ci sono diversi gruppi in Italia attraverso i quali gli amatori possono scambiarsi opinioni, confrontarsi su attrezzature e condividere i risultati delle proprie osservazioni». Più carente sembra essere l'offerta "local": «I gruppi ticinesi sono pochi e poco attivi. Ed è un peccato, non solo perché manca la divulgazione, ma perché in realtà gli astrofili ticinesi sono tanti e sarebbe bello condividere maggiormente la nostra passione».

Attrezzatura per le riprese:

Montatura: ioptron cem70
Apo 130/900 tecnosky
Filtro D-ERF
Filtro H-Alfa Daystar Quark
Camera ASI 174mm
Programma ripresa: Sharcap
Elaborate con Autostakkert, imppg e photoshop

Giovanni Bernasconi
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 03:13:52 | 91.208.130.89