I ticinesi abbracciano il Giro d'Italia

CANTONEI ticinesi abbracciano il Giro d'Italia

29.05.21 - 15:00
La penultima tappa della corsa ha colorato di rosa le strade del Locarnese e del Bellinzonese
Ti-Press (Samuel Golay)
I ticinesi abbracciano il Giro d'Italia
La penultima tappa della corsa ha colorato di rosa le strade del Locarnese e del Bellinzonese
Il Giro d'Italia non faceva tappa nel nostro cantone dal 2015.

BRISSAGO - Sei anni dopo l'ultima volta - era il 27-28 maggio 2015; in quell'occasione la tappa si era conclusa a Lugano e il giorno dopo la corsa aveva il ripreso il via da Melide -, il Giro d'Italia, nella sua penultima tappa dell'edizione 2021, ha sconfinato oggi in Ticino, tingendo di "rosa" le nostre strade.

Il passaggio dei ciclisti ha attirato come di consueto tanti appassionati ai bordi del percorso, di 164 chilometri, che separa Verbania e l'arrivo sull'Alpe Motta. I primi a dare il benvenuto al folto "gruppone" - come si vede dalle immagini giunte in redazione - sono stati gli abitanti di Brissago, primo "traguardo" in terra ticinese.

La pedalata è proseguita quindi, nell'ordine, attraverso Ascona, Locarno, Muralto, Minusio, Tenero, Gordola, Riazzino, Cugnasco, Gudo, Sementina, Monte Carasso, Carasso, Galbisio, Arbedo, Castione e Lumino, per poi avventurarsi nel Grigioni italiano, alla volta del passo del San Bernardino, per un "tappone" di montagna a cinque stelle.

Disagi alla circolazione
A fare da contraltare all'entusiasmo degli appassionati di ciclismo in queste ore sono stati invece i disagi alla circolazione - inevitabili e ampiamente segnalati già negli ultimi giorni dalle autorità - che hanno toccato sia gli spostamenti privati che quelli sui mezzi pubblici, dovuti alle chiusure temporanee di alcuni tratti stradali, e che potranno durare fino alle 16 circa.

COMMENTI
 
Ro 1 anno fa su tio
Lo sport più bello del mondo su questo non ci piove. Solo che ieri ho rabbrividito quando ho osservato che il 90 % degli appassionati sulle salite erano senza mascherina e con una distanza inesistente. La contraddizione sta che il governo italiano, nel nome dell'onorevole Speranza, vuole che facciamo i tamponi per andare da loro anche se siamo vaccinati. Mi sa che di questo passo solo i ricchi potranno recarsi in Italia e noi qui rinchiusi come se fossimo degli appestati anche se vaccinati. Ora da non credere.
Viperus 1 anno fa su tio
È ora di finirla con questa fobia delle maschere, non se ne può più. I media vi hanno fin troppo terrorizzati vedo...
pillola rossa 1 anno fa su tio
Lockdown cognitivo
Genchi 67 1 anno fa su tio
Cosa abbracciamo il giro! Tutti possono entrare in Svizzera e noi non possiamo andare in Italia.Per favore non facciamo i fenomeni pensando di essere i più furbi e invece ci facciamo prendere in giro da una nazione che è alla deriva.Complimenti
NOTIZIE PIÙ LETTE