TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
10 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
12 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
14 ore
Ecco tutti i vincitori del Premio Möbius
Il Grand Prix è stato assegnato alla piattaforma per eventi ibridi e digitali di Wyth Sagl
CANTONE
15 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
CANTONE
15 ore
Tassa sul sacco: «Mano libera ai Comuni»
Un'iniziativa parlamentare chiede maggiore autonomia per gli enti locali nello stabilire gli importi
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
17 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
20 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
21 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
LUGANO
04.03.2021 - 15:460
Aggiornamento : 18:21

Aeroporto, il Municipio ha scelto con chi prendere il volo

Licenziato il messaggio per l'autorizzazione a intavolare trattative con Amici dell'aeroporto e Marending-Artioli

Il sindaco Borradori allontana le accuse di aver favorito il gruppo Artioli: «Non è stato deciso nulla. Abbiamo scelto i due gruppi "migliori" con cui discutere». Intanto spunta un ricorso che "blocca" tutto.

LUGANO - «Nessuno di noi pensava che al concorso per l'aeroporto avrebbero partecipato sei gruppi e che ci sarebbe stata una forte contesa». Ha esordito così oggi il sindaco di Lugano, Marco Borradori, presentando il messaggio licenziato con la richiesta al Consiglio comunale per attivare le trattative con i due gruppi investitori per la gestione privata dell'aeroporto di Agno: Amici dell'Aeroporto e cordata Marending-Artioli e partners.

Nessuna preferenza - Il sindaco non nasconde che non si aspettava di «ricevere accuse di avere favorito un gruppo». E chiarisce le due fasi che hanno portato al messaggio di oggi: «Il Call for expression of interest non è un concorso pubblico, e neppure una gara. L'obiettivo era far partecipare qualcuno e permettere al Municipio di far valutare l'interesse nei confronti dell'aeroporto. Poi c'è stato il gruppo di lavoro che ha presentato un rapporto sulla base delle informazioni raccolte. Nella seconda fase l'Esecutivo ha fatto il lavoro "politico" e ha proposto di continuare la procedura con i gruppi Amici dell'aeroporto e Marending-Artioli. Il Consiglio comunale potrà ora dirci se "va bene" la nostra scelta oppure no».

Un ricorso che potrebbe diventare un problema - Ma c'è una novità, emersa lunedì, che «farà perdere un po' di tempo»: il ricorso inoltrato al Consiglio di Stato da parte del gruppo indiano Skn, uno degli esclusi. «Secondo noi non ha molto fondamento, ma ha effetto sospensivo», ha aggiunto il sindaco. Ciò che si cercherà di fare è «lavorare con i ricorrenti per vedere se c’è margine di manovra», perché il ricorso oltre a fermare tutto pone anche dei problemi di operatività.

La polemica su Artioli - L'avvio delle trattative avverrà con il gruppo Amici dell'aeroporto e il gruppo Marending-Artioli. Quest'ultimo ha però suscitato polemiche. «Noi non abbiamo dato al gruppo Artioli mandato di realizzare qualcosa, come un hangar. Non hanno carta bianca - ha precisato Borradori -. Ma abbiamo solo scelto i gruppi "migliori" per iniziare con loro trattative. Queste porteranno il Consiglio comunale e il Municipio a scegliere tra i due gruppi».

Non proprietari, ma gestori (privati) - Il sindaco non nasconde una certa soddisfazione: «Un anno fa l’aeroporto era considerato moribondo. E nonostante l’anno di pandemia siamo in linea con i risultati degli scorsi anni. Anzi, chiudiamo con un piccolo avanzo d’esercizio». L'obiettivo è che il messaggio «possa mettere un po’ di chiarezza e anche un po’ più di armonia in questa procedura che rimane difficile». Il municipale Michele Foletti, titolare del Dicastero finanze, dal canto suo sottolinea: «Noi non cerchiamo qualcuno che faccia un progetto immobiliare dell’aeroporto, ma un modello di gestione sostenibile e credibile a medio-lungo termine e rispettoso delle regole e dei criteri posti dal Municipio. È evidente che chi ha un modello di gestione ha anche necessità di fare degli investimenti a livello immobiliare. Siamo convinti che il Municipio abbia fatto la scelta giusta, ora chiediamo al Consiglio comunale di poter iniziare le trattative con questi due gruppi. Perché le proposte sono da migliorare, non sono perfette». 

La scamperà un solo "vincitore" - C'è la speranza che (qualora il Consiglio comunale dia il via libera) i due gruppi "prescelti" collaborino? «Non credo sia una via percorribile - boccia subito Foletti -. Ognuno ha la sua visione sul futuro dell’aeroporto e le due non coincidono».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 07:07:51 | 91.208.130.89