Immobili
Veicoli

CANTONE2020? «Un anno duro per le donne»

17.01.21 - 20:23
Lo sostiene il Coordinamento donne della sinistra, riunitosi oggi in assemblea
Archivio TiPress
2020? «Un anno duro per le donne»
Lo sostiene il Coordinamento donne della sinistra, riunitosi oggi in assemblea

LUGANO - «Il 2020 è stato un anno particolarmente duro per le donne. Un anno che ha rafforzato le disuguaglianze sociali e le discriminazioni di genere. Infatti, se da una parte le donne sono state duramente colpite a livello sociale ed economico dalla pandemia, dall’altra non sono state per nulla rappresentate nei media e considerate nei tavoli di discussione».

È con queste parole che l'anno appena passato è stato ripercorso durante l'Assemblea annuale del Coordinamento donne della sinistra, tenutasi per questa volta in via virtuale.

Nei temi del giorno si è anche riflettuto sulla tematica "Donne e (post-)Covid", momento nel quale «è emersa tanta preoccupazione, paura, frustrazione e rabbia, ma anche voglia di reagire per portare delle alternative all’attuale sistema capitalista, che è la causa principale sia della pandemia, che delle conseguenze sanitarie, economiche e sociali che ne derivano», si legge in un comunicato, condiviso in serata dal Coordinamento.

In particolare, si è discusso delle crescenti discriminazioni che hanno colpito le donne, le quali hanno avuto un ruolo «fondamentale durante la crisi sanitaria», e per questo loro impegno «hanno ricevuto applausi, ma non migliori condizioni salariali o di lavoro». Al contrario, è stata esacerbata dalla pandemia anche «la violenza domestica, a causa del maggiore tempo trascorso a casa».

Inoltre, il sentimento comune delle presenti è che le «esperienze e sensibilità» delle donne «vengono sovente dimenticate dai media e dagli organi decisionali, dove prevalgono soprattutto le personalità al potere e quindi uomini». Qui un appello ai media: «di donne competenti ci sono in ogni ambito della società e vanno coinvolte».

Al termine dell'assemblea, il Coordinamento ha dato uno sguardo all'agenda 2021, «un anno importante, poiché si festeggerà il 50° anniversario del suffragio femminile in Svizzera». Il focus sarà sulla parità, sulla tematica della dissimulazione del viso («un'iniziativa alla quale bisogna opporsi»), e sulla campagna per le comunali.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO