ZAF/FFDUL
Roberto Pomari, Morena Ferrari Gamba e Antonio Prata.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Da consigli «scandalosi» a nessun accenno alla violenza sessuale
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" critica la difficoltà delle forze dell’ordine nell’identificare misure di prevenzione
FOTO
LUGANO
3 ore
Ragazzo aggredito da tre uomini in stazione
Due individui sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe fuggito.
CARÌ
6 ore
Leggere ferite per lo sciatore travolto dalla valanga
Si tratta di un 43enne svizzero domiciliato nel Luganese che si trovava a Carì con altre due persone.
CENTOVALLI
6 ore
Nuovo smottamento, detriti sulla strada
A Camedo il terreno cede ancora. Popolazione preoccupata e operai al lavoro.
CARÌ
7 ore
Sciatore fuori pista provoca una valanga e viene travolto
L'uomo è stato trasportato in ospedale dalla Rega
CANTONE
9 ore
Elemosina e diritti dell'uomo: «La legge va cambiata»
Fabrizio Sirica chiede l'intervento del Consiglio di Stato alla luce della condanna alla Svizzera da parte di Strasburgo
CANTONE
11 ore
«Mancano dosi del vaccino Pfizer»
Le autorità riferiscono di un ritardo nella consegna del preparato che avrà conseguenze sulla campagna vaccinale.
LUGANO
13 ore
Gestione aeroporto di Lugano-Agno: «Tutto a posto con i gruppi interessati?»
Quattro consiglieri comunali di Lugano preoccupati della situazione inviano un'interpellanza urgente in Municipio.
CANTONE
14 ore
In Ticino 52 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore
I morti per conseguenze legate al virus sono 3. Un po' meno pressione negli ospedali con 10 i ricoverati e 18 i dimessi
FOTO E VIDEO
CANTONE
16 ore
Fermata a Brogeda con 226mila franchi addosso
A incastrare una cittadina svizzera, una macchina contabanconote nel bagagliaio della macchina
CANTONE
07.10.2020 - 16:150

«Per noi riportare i film in sala era importante, anzi, imperativo»

Il Covid non ferma il Film Festival Diritti Umani di Lugano che si terrà dal 14 al 18 ottobre, ecco come sarà

Fra le novità, la nuova formula diffusa sul territorio che porterà i film in diverse città del cantone: «Un'occasione per aiutare i cinema in un momento critico»

LUGANO - Una settima edizione, quella Film Festival Diritti Umani di Lugano, giunta «con qualche patema d'animo» come conferma il presidente Roberto Pomari che ha aperto l'incontro con i media, presieduto anche da Morena Ferrari Gamba della Fondazione Diritti Umani.

L'elefante nella stanza è, ovviamente, il coronavirus che ha costretto un cambio di rotta sperimentale e coraggioso, diffuso sul territorio e non più concentrato sulle rive del Ceresio e su una parte del suo pubblico: le scuole, che quest'anno non potranno parteciparvi.

Fra le altre destinazioni delle pellicole, scelte come di consueto dai maggiori festival internazionali, saranno infatti anche le città di Mendrisio, Bellinzona e Locarno: «Penso sia la prima volta che un Festival del cinema fa una scelta del genere».

Scelta che va anche a sostegno delle sale cinematografiche: «Per loro è un momento estremamente critico, stiamo tutti cercando di capire come evolverà la realtà dei cinema, anche a fronte dell'evoluzione dello streaming».

 «È stata un'operazione non facile», continua Pomari, «siamo passati dalla rassegnazione d'inizio anno, alla speranza estiva e ancora alla doccia fredda di questi giorni. Per noi era fondamentale mantenere l'impostazione in presenza: proiezione in sala e poi discussione. Tutte le misure saranno rispettate in maniera scrupolosa e questo porterà per forza di cose a una riduzione dei posti in sala».

L'offerta della programmazione tocca temi diversi, con il filo conduttore dei diritti umani declinati in: «È un momento, questo, in cui è importante continuare a farsi delle domande. Il mondo, sta sempre e comunque bruciando», conferma Pomari.

 Le pellicole saranno 17, di cui 4 prime svizzere e una prima internazionale: «È una selezione più ristretta rispetto al solito», spiega il direttore Antonio Prata, «ma per tutti i Festival cinematografici questo è un anno particolare». 

Sulla scelta di non cedere alle lusinghe «avventurose» dell'online: «Noi la presenza in sala l'abbiamo voluta. Abbiamo scelto dei film che ci hanno portato a riflettere sull'importanza dei corpi, assenti durante la pandemia ma fondamentali per combattere per i diritti umani. Questo è stato lo spunto che ci ha ispirato il nostro lavoro di selezione».

Personaggio premiato di quest'anno sarà il regista statunitense Jason DaSilva, che ha raccontato in una trilogia cinematografica, la storia della sua battaglia quotidiana con la sclerosi multipla progressiva cronica. «Doveva essere presente al Festival ma, visto quello che sta capitando negli States per quanto riguarda la pandemia, lo ha reso impossibile», continua Prata, «lo sentiremo, però, dopo la proiezione del suo “When we walk” di domenica 18 ottobre».

Una mostra e una conferenza sulla minaccia delle bombe a grappolo

Oltre ai film, è importante ricordarlo, è prevista una mostra fotografica – allestita in Piazza Castello a Lugano fino al 19 ottobre sul delicato e attualissimo tema delle munizioni a grappolo. Sabato 17 ottobre, invece, si terrà una conferenza – su mine antiuomo e munizioni a grappolo - a cui parteciperanno Carla del Ponte, Felix Baumann, Stefano Toscano e Tibisay Ambrosini.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 01:06:24 | 91.208.130.87