Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
I radar risparmiano (ancora) solo la Valle di Blenio
La prossima settimana i controlli della velocità mobili avranno luogo in sei distretti su otto.
FOTO
MASSAGNO
1 ora
Cade una pianta, e Massagno resta senza corrente
Questa sera un blackout ha colpito case, attività e anche i semafori. Tutto per un albero divelto in zona La Stampa
BELLINZONA
1 ora
Mamme tremende, col SUV quasi in classe
Nuove segnalazioni dalla zona delle scuole nord. Il municipale Roberto Malacrida: «Chiediamo più rispetto».
FOTO E VIDEO
MELANO
2 ore
Il vento sradica una pianta e fa cadere alcuni pannelli
A Melano un albero dalle dimensioni notevoli ha ostruito la strada Cantonale.
FOTO
BELLINZONA
3 ore
La capitale non ne può più dei vandali
Sui nuovi moduli prefabbricati delle Scuole elementari Nord sono apparse diverse scritte.
BELLINZONA
3 ore
Lavori di pavimentazione
Saranno parzialmente chiuse via Gesero, via Mordasini e via Monte Gaggio
CANTONE
4 ore
Cpi: «Una decisione scandalosa»
Abusi sessuali: la Lega tuona contro Ps e Liberali per la votazione sulla commissione d'inchiesta
LOCARNO
4 ore
«Affitto spropositato che mette a rischio il Casinò»
La casa da gioco fa la voce grossa con la locatrice Kursaal Sa
BELLINZONA
4 ore
Un video a scuola fa arrabbiare Robbiani
Lo spot per il "sì" alla limitazione «strumentalizzato» davanti agli allievi. Scatta l'interrogazione
CANTONE
5 ore
Cooperazione e sviluppo, 14 nuovi diplomati
Sono invece 16 le persone iscritte al percorso accademico di quest'anno.
FOTO
CANTONE
5 ore
È arrivato il freddo
In montagna le prime nevicate, nel Malcantone la grandine.
CANTONE
06.08.2020 - 19:230
Aggiornamento : 07.08.2020 - 08:03

No del Governo alla mascherina: «È una decisione politica»

Il dottor Garzoni si dice convinto che il Consiglio di Stato sarà disposto a introdurre l'obbligo se i numeri saliranno.

E aggiunge: «È uno strumento efficace, non limita la libertà, ognuno può decidere d'indossarla»

LUGANO - Il Governo ha detto “no”. No all'introduzione a livello cantonale dell'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi. «Vista la situazione epidemiologica attuale, una simile misura non sarebbe proporzionata», ha spiegato in conferenza stampa il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi.

Negli scorsi giorni erano stati 519 i medici a chiedere l'inasprimento delle norme per contrastare il coronavirus. Tra loro il dottor Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Luganese Moncucco, che comunque non si rammarica per la scelta del Governo. «Penso si tratti di una decisione politica - ci spiega - Il Ticino è confrontato con una situazione stabile e positiva rispetto al resto del Paese e del mondo. Il Consiglio di Stato semplicemente non se l’è sentita di farlo adesso. Dal punto di vista medico comunque ogni momento sarebbe buono...».

Gobbi ha precisato che non si tratta di un “no” di principio. «Sono convinto che il Governo sarà disposto a introdurre questo obbligo se i numeri saliranno», gli fa eco Garzoni. Che continua a sostenere l'utilizzo della mascherina come rimedio scientificamente dimostrato come efficace per ridurre il rischio di trasmissione del Covid-19. Ed esorta la popolazione a utilizzarla, anche se non vige nessun obbligo: «È uno strumento utile e a basso costo, che non ha rischi per chi la indossa».

Preoccupazione per l'autunno - La preoccupazione, comunque, è rivolta all'autunno, quando le persone torneranno a stare di più al chiuso. «Magari si potrà essere coraggiosi e prendere una decisione preventiva», aggiunge Garzoni. Coraggio che «sicuramente avrebbe dovuto avere di più Berna». Secondo il medico «è inutile delegare ai Cantoni la decisione, con le difficoltà locali d'imporre qualcosa. Avrebbe potuto essere una decisione governativa centrale. Non è come limitare la libertà della persona; indossando la mascherina uno fa tutto quello che faceva prima».

Monouso o di stoffa? - Ma è meglio la mascherina chirurgica o di stoffa? Un errore commesso oggi dall'agenzia di stampa Keystone-ATS rischia di creare confusione. «Quelle certificate possono essere un’alternativa, le altre no - taglia corto Garzoni - Non me la sento di propagare l’uso della mascherina di stoffa». E ricorda che «la mascherina va utilizzata nel modo giusto, altrimenti rischia di essere inefficace».

Assembramenti «rischiosi» - Il dottor Garzoni, infine, si esprime sulla questione "discoteche e locali pubblici". «Non è il dove, ma l'assembramento in sé che genera dei rischi. Più il numero di persone che si riunisce è alto, più diventa complesso e dispendioso il contact tracing. Oltre al costo sociale ed economico delle persone che devono poi stare in quarantena, assentandosi dal lavoro». Il fatto che sui grandi numeri il rischio di contrarre il coronavirus da un membro della famiglia è in realtà più alto rispetto al rischio di contrarlo in un pub (dati corretti dall'UFSP) «non vuol dire che non ci sia pericolo, anzi!».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-25 18:36:36 | 91.208.130.87