Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 min
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
44 min
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
7 ore
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
10 ore
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
11 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
11 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
13 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
15 ore
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
15 ore
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
15 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
15 ore
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CANTONE
21.01.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:09

«Perché i mesi freddi sono il periodo più infuocato dell'anno»

I numeri dicono che gli incendi nei boschi si verificano soprattutto tra inverno e primavera. Il responsabile della valutazione dei rischi: «La protezione della neve si ritira a quote sempre più alte»

BELLINZONA - «Il rischio di incendi boschivi attualmente è di grado quattro su cinque». Molto alto, quindi, come spiega l’ingegner Cristian Gobbin che ha firmato per la Sezione forestale il comunicato che sancisce da ieri, lunedì, alle 12 il “divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto in Ticino (ma anche nel Moesano, in Val Bregaglia e in Val Poschiavo).

Pericolo accentuato - Parlare di boschi che bruciano d’inverno è solo all’apparenza un’anomalia. I dati statistici in realtà dicono altro, e il cambiamento climatico ha solo accentuato una tendenza già riscontrabile da decenni. «Da questo punto di vista i mesi freddi sono in realtà il periodo più caldo dell’anno - spiega Gobbin - D’inverno nei boschi si trova molto più materiale infiammabile. Su questa base un clima con poche precipitazioni, magari caratterizzato dal favonio che secca il terreno e diminuisce l’umidità dell’aria, contribuisce ad aumentare il pericolo».

Il catasto - L’inverno può trasformarsi in inferno, come mostra la mappa con il catasto degli incendi boschivi verificatisi nel cantone (sitmap.ti.ch/sitmap2/?ct=incendi). Già al primo colpo d’occhio le aree di color blu sovrastano per dimensione e anche numero quelle segnate in rosso. Sono i roghi scoppiati nella stagione fredda. La loro caratteristica principale è quella di essere sensibilmente più vasti rispetto a quelli estivi. La mappa, spiega il responsabile della valutazione del rischio incendi, «rispecchia anche il fatto che d’estate agli incendi boschivi di origine antropica (che restano la causa principale di incendi boschivi) si aggiungono quelli innescati dai fulmini. Che sono per lo più circoscritti, dalla stessa vegetazione, attorno alla pianta colpita».

Senza protezioni - Da sempre è così, ma di recente è un po’ peggio. Le scarse precipitazioni e le temperature superiori alla norma stagionale si fanno sentire anche in questo inverno: «La quota della neve, che è la migliore protezione dalle fiamme, si sta ritirando sempre più in alto al di sopra dei 1500 metri». Latita anche un’altra protezione, pure climatica: «Le notti di gelo o brina dovrebbero mantenere umido il suolo almeno nelle prime ore della mattina. Ma con il vento anche questo effetto tende a svanire». Un’altra buona ragione per rispettare il divieto. Per i trasgressori le multe sono salate (fino a 20mila franchi). Una cifra che si moltiplica esponenzialmente se si considerano le spese per domare le fiamme accollate ai colpevoli. La scemata responsabilità vale solo per i fulmini.

Tra mesi incandescenti e fulmini raddoppiati

«Nelle condizioni attuali gli incendi di superficie di medie e grandi dimensioni si sviluppano principalmente nei mesi di marzo e aprile». È quanto spicca dall’analisi sul periodo 1970-2013 che si trova nel  “Concetto cantonale incendi di bosco 2020”, il documento più aggiornato e completo sul tema elaborato a quattro mani dalla Sezione forestale, dalla Federazione cantonale ticinese dei corpi pompieri e dall’Istituto federale di ricerca WSL. Un confronto più mirato sugli anni 1970-1990 e 1991-2013, mostra che il numero di incendi comunque quasi dimezzato. Anche l’area boschiva colpita è sensibilmente minore. «Nei mesi di febbraio, luglio e agosto - si legge ancora nello studio - abbiamo un numero importante di eventi, ma che tendenzialmente percorrono superfici limitate». Quanto alle cause, ne spicca una: «Percentualmente si può notare il notevole aumento degli incendi da fulmine che hanno visto raddoppiare la loro frequenza nei due periodi di riferimento.

Altre info su: https://www4.ti.ch/dt/da/sf/ temi/incendi-boschivi/tema/ tema/

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 07:03:00 | 91.208.130.87