tipress (Archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
15 min
«Che emozione girare per le strade di Lugano»
Ultima tappa del tour svizzero della testimonial dell'ente turistico nazionale
FOTO
CONFINE
30 min
Frana nel Varesotto, isolata la frazione di Orascio
La strada è ostruita da circa 600 m3 di roccia.
CANTONE
1 ora
Ritardi e soppressioni alle FFS finiscono sul tavolo del Governo
Un'interrogazione di Matteo Quadranti chiede spiegazioni sui ripetuti disagi ferroviari
FOTO
CONFINE
1 ora
Esonda il lago di Como, strade allagate
Il lungolago e piazza Cavour sono stati invasi dall'acqua. E il livello del Lario continua a crescere.
CANTONE
1 ora
La motonave ibrida ha sconfinato
Dallo scorso 2 agosto raggiunge anche il bacino elvetico del Lago Maggiore
CANTONE
1 ora
Dal Covid-19 alla parità di genere: le sfide del cinema svizzero
L'intervento del ministro della cultura Alain Berset nell'ambito del Locarno Film Festival
CANTONE
2 ore
Altri 31 contagi e un ricoverato in più
Le strutture sanitarie cantonali accolgono undici pazienti.
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Aumentano ancora i frontalieri
A fine giugno, in Ticino i lavoratori provenienti dall'Italia erano 71'586.
LUGANO
3 ore
«Nonostante la pandemia oltre 17mila franchi per i ticinesi in difficoltà»
La Fondazione Bignasca stila il bilancio del 2020
CHIASSO
4 ore
Via Bossi chiude (in parte) per il mercato
Il venerdì il tratto di strada all'altezza di piazza Indipendenza sarà sbarrato dalle 8.30 alle 14.00
LUGANO
5 ore
Pericolo di piena per il Ceresio
L'allerta di livello 3 (pericolo marcato) resterà in vigore fino alle 12 di domani
CANTONE
03.12.2019 - 10:310

L'italiano, lo mastica il 42,5% degli svizzeri

Il dato lo riporta l'OLSI nella pubblicazione di “Le lingue in Svizzera. Addendum"

di Redazione

BELLINZONA - L'Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI), ha di recente pubblicato “Le lingue in Svizzera. Addendum. Analisi dei dati dell’Indagine sulla lingua, la religione e la cultura 2014”; autori del volume sono Maria Chiara Janner, Matteo Casoni e Danilo Bruno.

Il saggio offre un’ampia e aggiornata serie di informazioni statistiche sulla realtà linguistica della Svizzera, delineando attraverso grafici e tabelle commentati, un profilo linguistico della popolazione residente nel Paese.

Il volume costituisce un addendum al libro che l’OLSI ha pubblicato nel 2016: “Le lingue in Svizzera. Analisi dei dati delle Rilevazioni strutturali 2010-12”. In questo volume gli autori hanno analizzato i dati statistici ricavati dall’Indagine sulla lingua, la religione e la cultura (ILRC), un’inchiesta su base campionaria che l’Ufficio federale di statistica (UST) ha condotto per la prima volta nel 2014.

La novità più rilevante dell’Indagine sono le domande relative alle cosiddette lingue secondarie, vale a dire le lingue che gli intervistati conoscono almeno un po’ (competenze parziali a vari livelli). Insieme alle lingue principali, le lingue secondarie formano il repertorio linguistico di un individuo; la considerazione di entrambe permette di avere una visione più completa e sfaccettata delle competenze plurilingui della popolazione. Nove decimi dei residenti in Svizzera dichiarano competenze (a livelli diversi) in una o più lingue secondarie.

Complessivamente, conosce almeno un po’ di italiano il 42.5% della popolazione: per l’8.8% di questi l’italiano è lingua principale per il 33.7% è lingua secondaria. In valori assoluti il rapporto è fra circa 598'000 parlanti nativi e circa 2'277'000 persone che dichiarano una conoscenza almeno parziale della terza lingua nazionale.

Seppure lingua minoritaria in Svizzera, lo stato di salute dell’italiano può dirsi relativamente buono dal punto di vista demografico, dominante nel suo territorio e diffuso, almeno con competenze parziali, nella popolazione. Molto più problematica è invece la situazione del romancio, con un numero esiguo di parlanti e minacciato anche nel suo territorio tradizionale. Tedesco e francese, lingue maggioritarie sono ampiamente presenti nel repertorio della popolazione: complessivamente dichiara di sapere almeno un po’ di tedesco quasi il 90% dei residenti e quasi il 75% sa un po’ di francese. L’inglese è relativamente poco diffuso come lingua principale, ma quasi il 70% dei residenti dichiara di saperlo almeno un po’. Ancora a proposito dell’italiano, l’Indagine conferma come la terza lingua nazionale sia più diffusa, per numero di parlanti, al di fuori della Svizzera di lingua italiana (Ticino e Grigionitaliano): infatti il 57.5% di chi ha l’italiano come lingua principale risiede nelle regioni non italofone del paese.

Disporre di dati statistici aggiornati è fondamentale per conoscere la situazione delle lingue in Svizzera. In un paese costituzionalmente plurilingue e in cui sono presenti anche numerose lingue dell’immigrazione, la conoscenza della realtà linguistica consente di attuare misure per promuovere e tutelare in particolare le lingue minoritarie. La presenza diffusa nella popolazione di competenze secondarie nelle lingue nazionali è un incentivo a proseguire in una politica linguistica e scolastica che mira a sostenere e rafforzare il plurilinguismo nazionale e quindi a perseguire l’obiettivo costituzionale della comprensione tra le comunità linguistiche: un principio essenziale per l’identità di un paese plurilingue. Le lingue in Svizzera. Addendum è il 18° volume della collana “Il Cannocchiale” edita dall’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana; può essere ordinato scrivendo a decs-olsi@ti.ch.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 12:54:34 | 91.208.130.89