ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
31 min
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
31 min
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
FOTO
CANTONE
7 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
7 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
FOTO E VIDEO
LUGANO
11 ore
«Stadio tutto esaurito, il calcio interessa eccome»
I bianconeri sfidano lo Young Boys negli ottavi di finale di Coppa. L'analisi del responsabile marketing Luca Pedroni.
SVIZZERA
13 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
15 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
16 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
19 ore
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
CANTONE
03.06.2019 - 14:560

ARP e giudicature di pace: la doppia priorità di Gobbi

In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario il direttore delle Istituzioni evidenzia i cantieri più importanti. E sottolinea l’importanza di una Giustizia “efficiente”

LUGANO - Uno, quello della riorganizzazione delle Autorità regionali di protezione, è un vero e proprio ginepraio. L’altro cantiere aperto concerne la giustizia di pace e la formazione delle persone, talvolta non giuristi, chiamate a giudicare. Sono queste le due priorità che il direttore del Dipartimento delle Istituzioni ha indicato stamani. L’occasione, l’inaugurazione dell’anno giudiziario 2019/20 che ha visto anche l’intervento del giudice Mauro Mini, presidente del tribunale d’appello. E se quest’ultimo ha parlato del bisogno un sistema più autonomo, il consigliere di Stato si è concentrato sui cantieri aperti nell’ambito della riforma denominata “Giustizia 2018”.  

Da un lato, dunque, la “cantonalizzazione” amministrativa delle ARP, oggi gestite a livello comunale e intercomunale. «Una riorganizzazione in corso, che - ha sottolineato Gobbi - è molto complessa e unica nel suo genere per dimensioni e che impone un’importante e precisa pianificazione in termini di risorse finanziarie, umane, logistiche, informatiche e più in generale amministrative». Dall’altro, un’altra riorganizzazione, quella della giustizia di pace e il relativo messaggio, posto lo scorso anno in consultazione, «dal quale è emersa anche, ma non solo, la necessità di chiarire la conformità alla Costituzione del sistema ticinese». Un chiarimento, ha ricordato Gobbi, che «ha dato alcune indicazioni da codificare a livello legislativo, attualmente in preparazione presso la Divisione della giustizia».

Ma il direttore del DI ha parlato anche di una Magistratura certamente indipendente, «ma non dall’efficienza».  Perché, ha ricordato, «la buona gestione e la gestione conforme alle norme in essere per l’Amministrazione cantonale, deve venire prima di qualsiasi altra cosa». E quindi ha ribadito alcune necessità già espresse in passato. «Non abbiamo da parte della Magistratura indicazioni - ha detto il consigliere di Stato - circa la durata media di evasione delle procedure presso le nostre autorità giudiziarie, tranne che presso il Tribunale cantonale delle assicurazioni. Non abbiamo dati sugli incarti prescritti. Non sembra poi ancora che vengano definiti sistematicamente degli obiettivi e degli indicatori per autorità giudiziaria da raggiungere annualmente». Da qui l’auspicio che «la Giustizia venga amministrata in tempi ragionevoli, compatibili con il mondo moderno: “Giustizia ritardata è giustizia negata”, osservava Montesquieu. Attendere anni per poter ottenere riscontro sulla bontà di una decisione comunale a livello pianificatorio, è un freno allo sviluppo economico del nostro territorio».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 2 anni fa su tio
Dare l’impressione che le leggi non siano pro delinquenti ?
SosPettOso 2 anni fa su tio
Le ARP erano uno schifo prima, poi sono state professionalizzate senza che cambiasse nulla a livello qualitativo. Ora la cantonalizzazione... Sembra solo che si trincerino sempre di più senza voler cambiare rotta. Primissima cosa da fare anni fa è eliminare la figura dei "membri permanenti": dopo tot assurdità devono trovarsi un altro posto dove far danni (e qualcun altro disposto a pagarli), Secondo far sparire la Camera di Protezione del Tribunale d'Appello (CPTA): se c'è un ricorso va affrontato in un tribunale vero, mica nell'ufficio di un burocrate che non vuol vedere nessuno di coloro che subiranno le sue decisioni.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 06:31:57 | 91.208.130.86