ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
28 min
Gratis o a pagamento, che fine fa Estival Jazz?
Il festival luganese cambia pelle. Tra voci di chiusura e incertezze sul futuro. Ma gli organizzatori rassicurano
CONFINE
1 ora
Un fiume di solidarietà per l'ultimo addio a Giuliano
Dopo l'omelia per il frontaliere 44enne morto a Monteggio, un lungo corteo ha accompagnato il feretro al cimitero
SIGIRINO
2 ore
Mortale sull'A2, automobilista alla sbarra per omicidio intenzionale
Il 38enne è stato rinviato a giudizio per i fatti del 10 novembre 2017. Rischia una pena superiore ai cinque anni
COLLINA D'ORO
2 ore
Schianto ad Agra, fuori pericolo il 54enne
L'uomo è stato operato dai medici del Civico e, rendono noto i familiari, si riprenderà
ROVEREDO (GR)
3 ore
Lingera, piccoli incidenti non rovinano la festa
I principali interventi: trentacinque partecipanti soccorsi per abuso di alcool e un 17enne caduto da 3 metri d'altezza
CHIASSO / ITALIA
3 ore
Altre tre condanne per il tentato colpo alla Loomis
La Corte d'Appello di Milano ha inflitto pene detentive che vanno da 3 anni e 2 settimane a 4 anni e 2 mesi
SONDAGGIO
LUGANO
4 ore
Scale a mosaico in via Cattedrale?
La proposta di Giovanni Albertini trova forma nell'idea dell'artista Leonardo Pecoraro
ROVEREDO (GR)
4 ore
Lingera: 20mila presenze, 17 diffide
Per gli organizzatori, fra i promotori dell'operazione "Carnevali di sicurezza", «il bilancio è da considerarsi positivo»
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Giovani UDC, Diego Baratti rieletto nella direttiva nazionale
Il nuovo presidente nazionale è il basilese David Traschel, che succede a Benjamin Fischer
CANTONE
03.06.2019 - 14:560

ARP e giudicature di pace: la doppia priorità di Gobbi

In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario il direttore delle Istituzioni evidenzia i cantieri più importanti. E sottolinea l’importanza di una Giustizia “efficiente”

LUGANO - Uno, quello della riorganizzazione delle Autorità regionali di protezione, è un vero e proprio ginepraio. L’altro cantiere aperto concerne la giustizia di pace e la formazione delle persone, talvolta non giuristi, chiamate a giudicare. Sono queste le due priorità che il direttore del Dipartimento delle Istituzioni ha indicato stamani. L’occasione, l’inaugurazione dell’anno giudiziario 2019/20 che ha visto anche l’intervento del giudice Mauro Mini, presidente del tribunale d’appello. E se quest’ultimo ha parlato del bisogno un sistema più autonomo, il consigliere di Stato si è concentrato sui cantieri aperti nell’ambito della riforma denominata “Giustizia 2018”.  

Da un lato, dunque, la “cantonalizzazione” amministrativa delle ARP, oggi gestite a livello comunale e intercomunale. «Una riorganizzazione in corso, che - ha sottolineato Gobbi - è molto complessa e unica nel suo genere per dimensioni e che impone un’importante e precisa pianificazione in termini di risorse finanziarie, umane, logistiche, informatiche e più in generale amministrative». Dall’altro, un’altra riorganizzazione, quella della giustizia di pace e il relativo messaggio, posto lo scorso anno in consultazione, «dal quale è emersa anche, ma non solo, la necessità di chiarire la conformità alla Costituzione del sistema ticinese». Un chiarimento, ha ricordato Gobbi, che «ha dato alcune indicazioni da codificare a livello legislativo, attualmente in preparazione presso la Divisione della giustizia».

Ma il direttore del DI ha parlato anche di una Magistratura certamente indipendente, «ma non dall’efficienza».  Perché, ha ricordato, «la buona gestione e la gestione conforme alle norme in essere per l’Amministrazione cantonale, deve venire prima di qualsiasi altra cosa». E quindi ha ribadito alcune necessità già espresse in passato. «Non abbiamo da parte della Magistratura indicazioni - ha detto il consigliere di Stato - circa la durata media di evasione delle procedure presso le nostre autorità giudiziarie, tranne che presso il Tribunale cantonale delle assicurazioni. Non abbiamo dati sugli incarti prescritti. Non sembra poi ancora che vengano definiti sistematicamente degli obiettivi e degli indicatori per autorità giudiziaria da raggiungere annualmente». Da qui l’auspicio che «la Giustizia venga amministrata in tempi ragionevoli, compatibili con il mondo moderno: “Giustizia ritardata è giustizia negata”, osservava Montesquieu. Attendere anni per poter ottenere riscontro sulla bontà di una decisione comunale a livello pianificatorio, è un freno allo sviluppo economico del nostro territorio».

Commenti
 
Zarco 8 mesi fa su tio
Dare l’impressione che le leggi non siano pro delinquenti ?
SosPettOso 8 mesi fa su tio
Le ARP erano uno schifo prima, poi sono state professionalizzate senza che cambiasse nulla a livello qualitativo. Ora la cantonalizzazione... Sembra solo che si trincerino sempre di più senza voler cambiare rotta. Primissima cosa da fare anni fa è eliminare la figura dei "membri permanenti": dopo tot assurdità devono trovarsi un altro posto dove far danni (e qualcun altro disposto a pagarli), Secondo far sparire la Camera di Protezione del Tribunale d'Appello (CPTA): se c'è un ricorso va affrontato in un tribunale vero, mica nell'ufficio di un burocrate che non vuol vedere nessuno di coloro che subiranno le sue decisioni.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-16 19:41:35 | 91.208.130.89