Keystone (archivio)
L'Università di Friburgo (Pérolles)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
9 ore
Alessandra Gianella sarà la nuova Capogruppo del PLR in Gran Consiglio
La 33enne è pronta a succedere ad Alex Farinelli, neo eletto in Consiglio nazionale
LUGANO
9 ore
Medico a processo, non colpevole
Le cause della morte della paziente deceduta per embolia polmonare non sono riconducibili alla condotta del 49enne
LAVENA PONTE TRESA
10 ore
Non riesci nei tuoi studi? Puoi attaccarti al tram
Da qualche mese l’Istituto Fogazzaro ha aperto una “filiale” italiana, il Centro Atlante, a due passi dal confine e dal trenino FLP. Altro nome, stessa preside. Lo scopo: garantirsi un piano B
GIORNICO
11 ore
Dipendenti comunali, Poggi interpella il Municipio
Il nuovo ROD del Comune sarà all'ordine del giorno nella prossima seduta del legislativo
CANTONE
12 ore
ERSS 19, esercitazione positiva
Governo soddisfatto. Le attività svolte hanno confermato la preparazione degli enti incaricati di garantire la sicurezza nel nostro Cantone
LUGANO
12 ore
La lettera della vittima in aula: «Non sono più tua figlia. Addio, papà».
Maria Galliani, legale della giovane abusata dalla "coppia horror" del Bellinzonese, racconta il presente della sua assistita: «A 17 anni si è ritrovata sola. Ora sta lottando»
VIDEO
GRANCIA
13 ore
Scairolo, acqua marrone e «odore di vernice»
La situazione segnalata da un lettore. L'Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo: «Verificheremo»
LUGANO
13 ore
«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»
Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»
CANTONE
14 ore
Strade cantonali, dal Governo 165 milioni
Il Consiglio di Stato ha approvato sette crediti destinati alla conservazione del patrimonio delle strade cantonali per il quadriennio 2020-2023
CANTONE
14.03.2019 - 20:490
Aggiornamento : 15.03.2019 - 08:28

Vacanze estive più corte, gli universitari ticinesi non ci stanno

Il sondaggio effettuato dall'Associazione mantello LIDO parla chiaro: la proposta del presidente della Società degli Studenti Svizzeri Dominic E. Tschümperlin è da bocciare

LUGANO - La scorsa estate, il presidente della Società degli Studenti Svizzeri Dominic E. Tschümperlin aveva lanciato una proposta: accorciare le vacanze estive, ritenute troppo lunghe, di almeno due settimane. L’Associazione mantello LIDO (Laureandi Illustri d’Oltralpe), che raggruppa tutte le associazioni studentesche ticinesi sparse sul territorio svizzero aveva quindi deciso di proporre un sondaggio sul tema.

Un sondaggio effettuato tramite Facebook e Instagram, sma che nonostante non rappresentino strumenti statistici assoluti, forniscono dei risultati degni di attenzione. Innanzitutto, solo l’11% dei 482 votanti si è espresso a favore dell’accorciamento delle vacanze, contro l’89% di contrari. L'Associazione ha inoltre voluto investigare le ragioni che hanno spinto i partecipanti a pronunciarsi favorevoli o contrari alla tematica, stilando una lista di nove proposizioni e invitando gli studenti a votare per quelle che più facevano al caso loro.

Guadagnare qualche soldo - È emerso chiaramente che le principali motivazioni contro l’accorciamento delle vacanze estive dell’università riguardavano motivi lavorativi (stage previsto o meno dalla formazione intrapresa, volontariato, lavoro remunerato, esperienza lavorativa utile in futuro). Molti studenti sfruttano l’estate per guadagnare qualche soldo, da spendere poi durante l’anno accademico, per pesare meno sulle spalle dei genitori.

Per altri la semplice ma onesta ragione è quella di far vacanza e “tirare il fiato”, nonché la possibilità di effettuare corsi estivi di qualsiasi genere (lingue o altro). Un’altra fetta di partecipanti si è espressa contraria alla riduzione delle vacanze poiché, per gli studenti dei Politecnici federali, la pausa intersemestrale sarebbe ancora più corta (a seconda della facoltà, infatti, gli esami terminano a fine agosto e l’università riprende a metà settembre). C’è inoltre chi è contrario perché d’estate deve scrivere lavori o preparare esami, visto che in molte università le sessioni di recupero sono a fine agosto.

Distribuire meglio il lavoro - Fra i favorevoli, un’esigua parte dei votanti, c’è chi vorrebbe che il carico lavorativo venisse meglio distribuito all’interno dei semestri, prolungando ad esempio il semestre primaverile. Ci sono invece tre partecipanti che desidererebbero avere più tempo per la preparazione degli esami e che sarebbero pronti a sacrificare qualche settimana di vacanza per trasformarla in settimana di studio. Fanalino di coda, con un solo voto, la motivazione "Mi annoio d’estate", ragione citata in primis dal Presidente della Società degli Studenti Svizzeri. 

Commenti
 
Galium 8 mesi fa su tio
Trovo penosi i commenti paternalisti di chi non ha idee valide per risolvere i problemi di questi studenti. Proposte come quella della riduzione delle vacanze sono solo demagogia pura.
jena 8 mesi fa su tio
... vedrete che bello quando sarete costretti a lavorare...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 05:56:21 | 91.208.130.85