tipress
CANTONE
10.01.2019 - 10:310

Mendrisiotto e Basso Ceresio sperimenteranno la mobilità sostenibile

Lunedì 14 gennaio sarà presentato un progetto pilota in tal senso

BELLINZONA - Dopo aver lanciato e sostenuto con successo diversi progetti nell’ambito della mobilità (dallo sviluppo dell’applicazione Mobalt in collaborazione con la Città di Mendrisio e la Confederazione, al coordinatore regionale per la mobilità aziendale), la regione del Mendrisiotto e Basso Ceresio si appresta ora a candidarsi quale “Regione di sperimentazione transfrontaliera” per una mobilità vivibile, compatibile con l’uomo e l’ambiente.

Il Dipartimento del territorio, congiuntamente all’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisotto e Basso Ceresio ERS-MBC e alla Commissione regionale dei trasporti CRTM, presenteranno lunedì un nuovo progetto pilota in tal senso.

Con l’avvio del nuovo progetto, congiuntamente al Programma di agglomerato di terza generazione PAM3, il Mendrisiotto si proietta concretamente verso il futuro grazie a soluzioni sperimentali e coraggiose, che si traducano nei fatti in una mobilità più fluida e una migliore qualità dell’aria.

La ricerca di misure si estende da subito a tutti i comparti aziendali che partecipano al programma cantonale di mobilità aziendale, come alla realtà Insubrica con l’avvio del progetto Interreg SMISTO che vede la collaborazione del Dipartimento del Territorio con la Regione Lombardia e altri partner con l’obiettivo di contenere e orientare nel migliore dei modi il traffico transfrontaliero.

Tags
mobilità
ceresio
progetto
basso
basso ceresio
mendrisiotto
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-01-21 03:05:29 | 91.208.130.86