Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
32 min
«Mi ha morso una zecca. Ora non posso più mangiare carne»
La storia di S. ticinese che ha contratto una malattia rara dopo "l'incontro" con il parassita
AGNO
7 ore
L'altra faccia del Luna Park: «Genitori aiutateci»
Le serate d'estate riservano qualche spiacevole sorpresa e il comune di Agno è confrontato con una situazione delicata.
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
«La pandemia ci ha fatto riscoprire il chilometro zero»
In Ticino come nel resto della Svizzera in molti hanno iniziato a fare la spesa in fattoria invece che al supermercato
FOTO E VIDEO
RIVIERA
11 ore
«Ecco il mio ritrovamento raro»
Il gufo reale si trovava nei pressi della palestra di Osogna. Elvis ha atteso l'arrivo della Protezione animali
CHIASSO
12 ore
Perché quel parco è praticamente inaccessibile?
Orari restrittivi e aleatori per i giardini accanto alle scuole di Chiasso, denuncia un'interrogazione.
MURALTO
12 ore
«Io, transgender, non permetto più a nessuno di ferirmi»
Kendra si è raccontata su PiazzaTicino, per aiutare chi come lei non si sente a suo agio nel corpo in cui è nato.
LOCARNO
13 ore
Mappo-Morettina brevemente chiusa, traffico in tilt sul piano
Un lieve incidente ha causato l'interruzione momentanea del traffico in entrambe le direzioni. Il tunnel è ora aperto.
FOTO
SAN VITTORE (GR)
14 ore
La nuova vita del grotto Matafontana
Il termine centrale è “bene comune”: cibo locale a prezzi contenuti, attività ricreative e aggregazione
CANTONE
14 ore
Ecco tutti i diplomati de "La Commerciale"
Consegnati gli attestati federali e i diplomi di commercio per gli allievi che hanno ultimato i loro studi quest'anno.
CANTONE
16 ore
Caldo sopportabile? È grazie al ritorno "delle Azzorre"
Quest'anno l'anticiclone proveniente dall'arcipelago nell'Atlantico sembra prevalere su quello Africano.
SVIZZERA
18.12.2018 - 16:010
Aggiornamento : 16:58

Rimborsi AutoPostale, quasi 15 milioni al Ticino

È stata firmata oggi la convenzione con Confederazione, Cantoni e Comuni. La Posta in totale risarcirà 188.1 milioni di franchi

BERNA - La convenzione tra AutoPostale con Confederazione, Cantoni e Comuni per la restituzione dei sussidi ricevuti indebitamente dal 2007, grazie a manipolazioni contabili, è stata firmata. La Posta risarcirà 188,1 milioni di franchi. Lo ha comunicato oggi l'Ufficio federale dei trasporti (UFT).

88,672 milioni andranno alla Confederazione, il resto, ossia, 99,402 milioni, a Cantoni e Comuni. Al Ticino (Comuni inclusi) ne spetteranno 14,805, ai Grigioni 20,923 milioni. Quest'ultimo cantone è il maggior beneficiario del rimborso, mentre il Ticino è terzo, appena dopo Argovia (14,887 milioni) e davanti a Zurigo (12,642 milioni).

Oltre ai 181,1 milioni di franchi, AutoPostale restituirà 17,2 milioni a titolo di «restituzione spontanea» per le irregolarità precedenti cadute in prescrizione.

La Convenzione è stata conclusa tra AutoPostale, da una parte, e l'UFT e la Conferenza dei direttori dei trasporti pubblici (CTP) dall'altra.

L'intesa copre il periodo 2007-2018, interessi compresi. La validità di questo accordo era subordinata a una condizione, ovvero che la Confederazione e almeno 18 Cantoni concludessero una convenzione individuale con AutoPostale entro il 14 dicembre scorso e che il credito complessivo vantato da questi ultimi non fosse inferiore a 50 milioni di franchi. Alla data stabilita la condizione risultava largamente adempiuta, precisa l'UFT.

Nel frattempo hanno stipulato una tale convenzione, oltre alla Confederazione, anche tutti e 24 i Cantoni interessati, Ginevra e Basilea-Città esclusi, non essendo committenti di linee di AutoPostale.

Nell'ambito dei lavori svolti in relazione ai rimborsi, la Posta ha nuovamente verificato tutti gli importi e i numerosi documenti prodotti. In questo contesto si è constatato che sette Comuni hanno complessivamente diritto alla restituzione, da parte della Posta, di altri 2,9 milioni nei settori del trasporto locale ed escursionistico. L'ex regia federale restituirà anche questo importo. Le modalità di rimborso sono attualmente allo studio e saranno convenute con i Cantoni interessati.

Lo scandalo AutoPostale era scoppiato lo scorso 6 febbraio, quando l'UFT ha reso noto di aver scoperto nell'autunno precedente, durante l'ordinaria attività di revisione del conteggio delle prestazioni, che l'azienda di trasporto della Posta, tra il 2007 e il 2015, aveva effettuato trasferimenti illeciti di utili dal traffico regionale viaggiatori (TRV) sovvenzionato ad altri settori di attività, ottenendo indebite indennità federali e cantonali.

La vicenda AutoPostale ha suscitato scalpore e un vero terremoto all'interno della Posta. Il 10 giugno la direttrice generale del "gigante giallo" Susanne Ruoff ha finito per cedere alle pressioni e ha rassegnato le dimissioni con effetto immediato, assumendosi la responsabilità di quanto avvenuto ma negando di essere stata a conoscenza delle irregolarità. Il giorno dopo, il Consiglio di amministrazione della Posta - a sua volta criticato da più parti - ha comunicato l'esonero dell'intera direzione di AutoPostale.

Il 16 giugno ha annunciato le proprie dimissioni anche il vicepresidente del Cda Adriano Vassalli, seguito dieci giorni dopo da un altro membro dell'organo di vigilanza, Susanne Blank, mentre è rimasto in sella il presidente Urs Schwaller, finito anch'egli nel mirino dei politici. Dall'inizio di novembre, Autopostale è diretta da Christian Plüss, ex quadro dirigente di Alpiq, dopo che la divisione è stata guidata ad interim da Thomas Baur.

Rimane ancora aperto il capitolo giudiziario. Lo scorso 27 febbraio il Consiglio federale ha affidato all'Ufficio federale di polizia il procedimento penale amministrativo contro la Posta, i cui uffici alla sede centrale di Berna sono stati anche oggetto di una perquisizione il 15 agosto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 07:05:45 | 91.208.130.86