DT
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
18 min
Passaggio di poteri al Rotary Club Lugano
LUGANO
29 min
«Spariscono i parcheggi per disabili e l’accesso al centro e al lago è tabù»
BELLINZONA
10 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
11 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
11 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
12 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
13 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
13 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
14 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
15 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
15 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
15 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
16 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
18 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
18 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
CANTONE
12.10.2018 - 12:580
Aggiornamento : 18:52

Arrivano le barriere per chiudere le dogane

In caso di necessità, permetteranno di chiudere i valichi secondari in tempi molto rapidi, «garantendo maggiore sicurezza e maggiore efficienza»

BELLINZONA - Lo scorso giugno il Consiglio federale, a seguito della mozione della consigliera nazionale ticinese Roberta Pantani “Chiusura notturna dei valichi secondari tra Svizzera e Italia” e considerata la problematica della criminalità transfrontaliera e della migrazione illegale con cui è confrontato il Ticino, aveva deciso di adottare alcuni provvedimenti per la protezione dei valichi secondari ticinesi.

Fra questi, il fatto di disporre in alcune dogane secondarie ritenute più sensibili, la posa di barriere che permettano di chiudere i valichi in caso di necessità, in particolare nelle regioni del Locarnese, Luganese e Mendrisiotto, le quali vanno ad aggiungersi alle tre posate durante la fase sperimentale di chiusura notturna dei valichi del 2017 (e ancora presenti) a Fornasette, Ponte Cremenaga e Novazzano Marcetto.


DT

Negli scorsi giorni, il Dipartimento del territorio ha dunque provveduto alla sistemazione della prima barriera nella regione del Luganese, presso il valico del Cassinone a Sessa. A questa posa, prossimamente ne seguiranno altre 5, presso le dogane di Arzo, Indemini, Ligornetto, Ponte Faloppia e San Pietro di Stabio.

Con questa misura si potrà come detto, in caso di necessità, intervenire con la chiusura dei valichi in tempi molto rapidi, garantendo dunque maggiore sicurezza e maggiore efficienza. L’operazione è stata interamente finanziata da Berna.

Commenti
 
vulpus 8 mesi fa su tio
Un investimento insensato da campagna elettorale. Barriere che in caso di necessità potranno essere chiuse in breve tempo: ridicolo.Ma se sono passaggi dove non c'è personale sapete dire come fareste in caso di necessità? Lo farà il postino quando fa il giro delle lettere? Aumentate il personale presente nelle zone critiche che è senz'altro più efficace. Si è visto le ultime rapine nel basso mendrisiotto. Per il momento sono cessate perché forse i rapinatori sono impegnati in altro ah ah ah,ma hanno rapinato come e quando volevano.
centauro 8 mesi fa su tio
Delle vere e proprie barriere anti intrusione o anti fuga costruite con tecnologie per chiudere in modo ermetico e antisfondamento i valichi!!!!!
Danny50 8 mesi fa su tio
Inetti ! Il parlamento ha deciso di chiudere, non di piazzare ridicole barriere. Oltre ad inetti siete anche disonesti e bastardi.
LAMIA 8 mesi fa su tio
La chiusura notturna dalle 23 alle 5 era la soluzione che doveva rimanere.
centauro 8 mesi fa su tio
@LAMIA Già, solo per creare disagi a chi vi transita spesso!!! e poi la chiusura non serve assolutamente a nulla!!!
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 06:29:30 | 91.208.130.86