ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Il salario minimo è legge
Sarà compreso tra i 19.75 e i 20.25 franchi l'ora. Il Gran Consiglio ha approvato così la norma che concretizza "Salviamo il lavoro in Ticino"
LUGANO
2 ore
Dopo la segnalazione arrivano i «massi contro i gradassi»
In via Ligaino sono comparse delle grosse pietre che impediscono i parcheggi selvaggi
VACALLO / NEGGIO
3 ore
Materiale di voto spedito in ritardo: «Il Cantone faccia coraggiosamente ammenda»
Neggio e Vacallo reagiscono alle accuse di essere responsabili dei problemi legati al voto degli svizzeri all'estero
CANTONE
3 ore
Emendamento sulla formazione professionale respinto: Pamini interroga
Il gruppo UDC chiedeva 10 milioni di franchi aggiuntivi per «il contrasto dell'effetto sostituzione» e «della difficoltà di entrata nel mondo del lavoro»
LUGANO
4 ore
«Sommersi di telefonate, i dipendenti sono spaventati»
Licenziamenti alla EFG. Nella banca c'è un clima «di paura» per un possibile smantellamento. L'allarme dell'ASIB
CANTONE
6 ore
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
6 ore
Attilio Bignasca lascia per problemi di salute
Con una lettera al Gran Consiglio il deputato leghista ha annunciato di essere costretto a rinunciare alla carica
CANTONE
6 ore
Al preventivo 2020 il Parlamento ha detto "sì"
Approvato dal Gran Consiglio con 45 voti favorevoli, 28 contrari e 4 astenuti
FOTO
CANTONE
7 ore
Un'autostrada più silenziosa, ecologica e sicura
Tra la galleria del Monte Ceneri e lo svincolo di Bellinzona Sud i lavori sono praticamente conclusi. In primavera verranno effettuati quelli all'interno del tunnel
CANTONE
7 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
7 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
GIORNICO
8 ore
A quando i contatori per l'acqua?
Donatello Poggi chiede al Municipio se abbia già discusso della tematica e se non ritenga che i tempi per la loro introduzione siano ormai maturi
FOTO E VIDEO
LUGANO
8 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
CANTONE
9 ore
Glauco Martinetti ambasciatore d'eccellenza
Il brindisi al neo-ambasciatore si è tenuto con il Merlot Quattromani 2016 "battezzato" recentemente dal consigliere nazionale Marco Romano
LUGANO
24.09.2018 - 17:590

Lugano Città del Gusto: buona la prima, si pensa alla seconda

Nelle tre location cittadine sono state coinvolte circa 15'000 persone

LUGANO - Si è chiusa ieri sera la kermesse che, per 11 giorni, ha proposto oltre 100 eventi enogastronomici nella città e nel suo distretto. In totale nelle tre location cittadine sono state coinvolte circa 15.000 persone.

Lugano Città del Gusto è stata anche una “cartolina” di grande impatto, data l’importante esposizione mediatica avuta dall’evento, sia al nord delle Alpi che in Lombardia, per i tanti turisti che l’hanno visitata in questi giorni, assicurano gli organizzatori.

«Raramente di una manifestazione si è parlato e letto così tanto in Ticino», ha dichiarato il sindaco di Lugano Marco Borradori, «una presenza così capillare di tutti i media è dovuta senza dubbio al grande valore culturale della manifestazione. Gli organizzatori hanno portato avanti il progetto con interesse, passione ed entusiasmo, e altrettanto ha fatto la Città, che è soddisfatta del buon risultato. Siamo felici di aver dato il là a qualcosa di nuovo, Lugano Città del Gusto ha tracciato una nuova via».

Richiesto un bis - Successo di pubblico per la mostra “Il gusto di ieri, oggi e domani”, ospitata a Villa Ciani, che ha visto, tra i protagonisti, anche la Compagnia Finzi Pasca e la Facoltà di Scienze Informatiche dell’USI, dosando poesia, cultura, tecnologia e storia.

L’esposizione è piaciuta così tanto agli organizzatori della prossima edizione dell’evento, prevista tra il 12 al 22 settembre 2019 a Montreux, che Jean-Baptiste Piemontesi, Municipale responsabile di cultura e turismo, ha espresso la volontà di replicare il prossimo anno l’esposizione nella città vodese. «Nello spirito originario del progetto della Città del Gusto c’era l’idea di far incontrare realtà territoriali diverse per settore e competenze, riuscendo a metterle in sinergia. Questo sogno è diventato realtà anche, e non solo, nel caso della mostra» fanno sapere gli stessi organizzatori.

Laboratori del gusto - Buona anche la partecipazione del pubblico ai laboratori del gusto al Palazzo dei Congressi che ha proposto conferenze, incontri, lezioni e workshop con produttori e professionisti ticinesi che hanno potuto raccontare ai partecipanti i segreti del settore, con una formula a metà strada tra didattica e gusto. Alcuni appuntamenti hanno registrato il tutto esaurito nelle sale del Palazzo dei Congressi, come quelli a tema birra, pane, come anche l’incontro con Joan Roca, uno degli chef migliori al mondo, a Lugano per parlare di enogastronomia e turismo, un tema di grande attualità a livello internazionale.

Conferenze - Ottimi anche i risultati di pubblico del ciclo di conferenze della Fondazione CardioCentro Ticino, che è servito a fare chiarezza su molti aspetti dell’alimentazione sana. Gli incontri a cura di Slow Food Ticino e Bio Ticino hanno “colorato” la manifestazione presentando tanti prodotti rari e particolari.

Tempo di bilanci, ma anche occasione per guardare già al futuro, visto che nonostante il passaggio del testimone a Montreux, Lugano resterà Città del Gusto, con nuovi progetti per il 2019.

«Dobbiamo ringraziare in primis la Città di Lugano che ci ha supportato e sostenuto fin dall’inizio del progetto», dichiara Dany Stauffacher, presidente del Comitato organizzativo di Lugano Città del Gusto, «bisogna inoltre ricordare il grande contributo delle aziende private che hanno creduto nel progetto finanziandolo per l’80%. Senza di loro, un programma così ambizioso e di qualità non sarebbe stato possibile. Ora si guarda già avanti: la rete che siamo riusciti a costruire non andrà persa, e da parte nostra cercheremo di concentrarci sui temi che sono stati trainanti in questa edizione».

Infine, ciliegina sulla torta della manifestazione è stato il «grandissimo successo» della rassegna “Polpet-ti amo!”, che ha coinvolto 45 ristoranti di Lugano e del suo distretto. Nelle più rosee aspettative di Lugano Città del Gusto, c’era il desiderio di poter contribuire, nel suo piccolo, al rilancio della piazza gastronomica locale. E, in effetti, la polpetta ha fatto centro nei cuori gourmet dei luganesi. Questo piatto popolare e rivisitato da ogni chef con estro personale, ha raggiunto numeri record: sono state servite quasi 10.000 porzioni di polpette da quando è iniziata “Polpet-tiamo!”. Guido Sassi, noto ristoratore della piazza luganese, ha dichiarato: «È stata un’idea vincente, quella della polpetta, e ha creato un indotto non trascurabile: sono contento che una manifestazione come Lugano Città del Gusto abbia saputo coinvolgere anche la categoria dei ristoratori in modo attivo».

«E se il caldo della coda estiva ha tenuto un po’ lontani i visitatori dal Villaggio del Gusto al Centro Esposizioni, ha favorito i ristoranti del distretto, molti dei quali continueranno a proporre polpette nei loro menù, dato il grande riscontro di pubblico» assicurano infine gli organizzatori.

Guarda le 3 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 23:21:26 | 91.208.130.89