tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
2 min
Tragedia a due passi dal Gambarogno
Una donna è deceduta mentre si trovava in riva al lago. Inutile l'intervento dei soccorritori
QUINTO
26 min
Al doppio della velocità consentita sull'A2
Un 54enne del Locarnese è stato fermato il 10 agosto in territorio di Quinto
CANTONE
52 min
Anche il Rally del Ticino si arrende al virus
La 23esima edizione della competizione è stata rimandata al giugno del 2021.
CANTONE
1 ora
A caccia di punti (e a tutto sport) con B2Mission
B2Mission fa muovere le aziende in tutta la Svizzera. Così si rafforza lo spirito di squadra e si promuove la salute
LOCARNO
1 ora
Polizia in Piazza per aver un «maggior dialogo con la popolazione»
La campagna itinerante permetterà agli agenti incontrare i cittadini di Locarno e quelli dei Comuni convenzionati.
CANTONE
1 ora
Tre nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'463. Il bilancio dei morti resta fermo a 350.
VIDEO
ONSERNONE
2 ore
Swing the World è più dolce sul Pizzo Zucchero
L'altalena di Fabio Balassi ed Elisa Cappelletti è comparsa anche in Valle Onsernone
CASTEL SAN PIETRO
3 ore
Strada chiusa per oltre cinque mesi
Via Monte Generoso, fra la piazzetta di Gorla e la zona Croce, non sarà percorribile fino a febbraio 2021
MONTEGGIO
4 ore
Assalto al portavalori: due arresti
Un italiano in manette a Chiasso, un altro in Polonia. E cinque persone indagate all'estero
CANTONE
4 ore
Rientri dai paesi a rischio: controlli più efficienti
Ora le autorità cantonali ticinesi ricevono le informazioni sui viaggiatori direttamente dal Canton Zurigo
BIBORGO
5 ore
La Val Pontirone "ostaggio" di Swisscom
Nessuna copertura di rete mobile: un'interpellanza chiede al Comune di intervenire
FOTO
LOCARNO
8 ore
«Rilanciamo l'Astrovia con un'app»
Il percorso tra la foce della Maggia e Tegna è in stato d'abbandono. Ecco le idee per rinnovarlo
BELLINZONA
8 ore
Massaggi e minacce: mobbing in ufficio
L'azienda coinvolta sarebbe molto importante. Più dipendenti si sono rivolti ai sindacati.
BELLINZONA
06.06.2018 - 14:560
Aggiornamento : 17:55

«Un buco di oltre mezzo milione ai Castelli»

La Lega attacca la gestione del patrimonio Unesco. La replica: «I castelli costano e sono gratuiti»

BELLINZONA - A poco più di 24 ore dall'inaugurazione della lussuosa suite a Castelgrande, i Castelli di Bellinzona finiscono nel mirino della sezione bellinzonese della Lega per ben due volte. Ad essere criticata in particolare è la gestione da «oltre mezzo milione di franchi di perdita». Non una voragine improvvisa, è la replica di Flavia Marone (vedi sotto): «Ma un accumulo di deficit su 18 anni».

E comunque i tre manieri sono finiti sotto tiro. Prima con l'interpellanza, in merito al “Progetto di valorizzazione dei castelli”, veniva giustificato il prematuro abbandono di Gianluca Cantarelli dal ruolo di project manager, per i «risultati nulli e deficitari».

Oggi con una nota stampa, quei sospetti sembrerebbero aver trovato conferma. Con toni accesi la Lega condanna quindi la «scriteriata gestione economica nell'amministrazione dei tre castelli cittadini da parte degli enti coinvolti».  «Per anni - prosegue la nota -, in particolare la presidenza (Marone, PPD) e la direzione (Cantarelli, PLR) dell’Organizzazione turistica regionale (OTR)  Bellinzona e Alto Ticino, hanno vantato risultati sorprendenti esaltando l’attività proposta. La realtà era probabilmente ben diversa». Nell'attesa degli accertamenti richiesti al Municipio, viene quindi chiesta "la testa" dei responsabili della presunta cattiva gestione: «dovranno passare alla cassa e rassegnare immediatamente le dimissioni». «La loro credibilità - conclude la Lega - è ormai irrimediabilmente compromessa.  Ci auguriamo che non sia il contribuente di Bellinzona a pagare per gli errori altrui».

La replica - Sul tema dovrebbe giungere a breve una risposta del Municipio. In una prima reazione a caldo l'avvocato Flavia Marone puntualizza che il "buco" denunciato dalla Lega è «in realtà un accumulo di deficit sull'arco di 18 anni». Da quando cioè i tre castelli sono entrati a far parte del patrimonio Unesco. Dunque questo prestigioso marchio non rende? le chiediamo: «I castelli costano - è la risposta di Marone - . Inoltre le persone hanno accesso all'80 per cento degli spazi dei castelli gratuitamente».

La gestione dei castelli - A complemento di questa spiegazione la presidente dell'OTR precisa che «la gestione del castelli è regolata da una convenzione sottoscritta dai tre partner, ovvero il Cantone (proprietario), la Città di Bellinzona e la stessa OTR». Una convenzione che risale al 2000 ed è stata rinnovata nel 2009. «La gestione dei castelli - prosegue Marone - presuppone il fatto di avere una contabilità, svolta in esterno, il cui controllo, secondo gli articoli della stessa convenzione, veniva fatto dall'ufficio del controlling del Dipartimento del territorio». All'interno di questa convenzione è stata inoltre istituita una commissione di supervisione composta da rappresentanti dei tre partner: nella misura di 3 membri per il Cantone (di cui uno è il presidente), 2 membri della Città e un rappresentante dell'OTR. Il compito di questa commissione era di vigilare sull'applicazione e il rispetto della convenzione da parte dell'ente gestore.

Le cifre rosse - Quali componenti sono all'origine dell'eccesso di disavanzo accumulato? Marone snocciola le cifre rosse. Da un lato ha pesato, per 172mila franchi la recente decisione, nel febbraio 2018, sull'imposizione IVA. Quindi 75mila franchi sono riconducibili ad ammortamenti inseriti nella contabilità 2017 e altri 353mila franchi sono i disavanzi della gestione corrente accumulati dal 2010 al presente. Gestione corrente su cui ha pesato, conclude Marone, «l'aumento del numero di esposizioni e il prolungamento di 4 mesi dell'apertura del castelli. Questo genera costi». Comunque, puntualizza,  «non si tratta né di malagestione né di malversazioni». Per capire cosa si è inceppato nel meccanismo contabile i tre partner hanno commissionato un audit esterno.

Il Municipio: «Nuova governance a breve» - Anche il Municipio entra nel merito, di fatto confermando le parole di Marone e precisando che l’attuale gestione dei Castelli è tema «distinto e diverso dal progetto di valorizzazione degli stessi, con l’istituzione di preposti gruppi di lavoro che, a loro volta, entro fine anno provvederanno a consegnare i rispettivi rapporti».

Viene infine resa nota l'intenzione di definire a partire dal 1.1.2019, al più tardi dal 1.1.2020, una nuova governance per la gestione dei Castelli.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-13 14:09:55 | 91.208.130.85