Tipress
ASCONA
06.03.2018 - 18:480
Aggiornamento 19:24

TUI, i comuni a secco: «Il Cantone smetta di succhiare soldi»

La reazione del sindaco Luca Pissoglio alla decisione del Tribunale federale che ha respinto i ricorsi sulle entrate della tassa sugli utili immobiliari

ASCONA - «Non commentiamo nessuna sentenza, ma sarebbe ora che il Cantone invece di continuare a succhiare i soldi dai comuni facesse dei risparmi strutturali» invece di «andare a cercare i soldi così». Con queste parole il sindaco di Ascona, Luca Pissoglio, si è espresso ai microfoni di Radio Fiume Ticino in merito alla decisione del Tribunale federale, che ha respinto i ricorsi di 19 Comuni contro la decisione del Gran Consiglio di sopprimere a partecipazione comunale alle entrate della tassa sugli utili immobiliari (TUI).

La decisione, spiega Pissoglio, priverà le casse del Borgo di una cifra pari a due milioni di franchi. «Chiaramente ricade tutto sul cittadino», ha proseguito il sindaco, spiegando che i continui riversamenti di costi hanno portato i diversi comuni a fare «fronte comune».

L’auspicio, precisa in conclusione Pissoglio, è che la Riforma 2020 possa «mettere chiarezza» in modo da stabilire che «chi paga comanda», fornendo un quadro chiaro sul quale muoversi nel corso dei prossimi anni.

9 mesi fa TUI, soppressa la partecipazione comunale
Potrebbe interessarti anche
Tags
comuni
decisione
pissoglio
soldi
sindaco
succhiare soldi
cantone
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-17 14:00:15 | 91.208.130.87