Tipress
+ 1
LUGANO
26.01.2018 - 13:470
Aggiornamento : 21:29

Per tre mesi Lugano sarà «Città Aperta»

Alla vigilia della Giornata della Memoria è stato presentato Il programma dettagliato del progetto. Ad aprile verrà inaugurato un Giardino dei Giusti dedicato a quattro ticinesi al Parco Ciani

LUGANO - Alla vigilia della Giornata della Memoria la Fondazione Federica Spitzer e la Città di Lugano hanno presentato a Villa Ciani il programma dettagliato del progetto Lugano Città Aperta. Sono intervenuti Marco Borradori, Sindaco di Lugano, Roberto Badaracco, Municipale e Capodicastero Cultura, sport ed eventi, Moreno Bernasconi, Presidente della Fondazione Federica Spitzer, Viviana Kasam, co-ideatrice del progetto, Boas Erez, Rettore dell’Università della Svizzera italiana, Giancarlo Kessler, Ambasciatore svizzero in Italia e Adrian Weiss, Presidente dell’Associazione Svizzera Israele.

Un Giardino dei Giusti al Ciani - Il progetto Lugano Città Aperta proporrà, sull’arco di tre mesi, spettacoli, convegni e conferenze e culminerà con l’inaugurazione di un Giardino dei Giusti al Parco Ciani il prossimo 26 aprile, alla presenza del Consigliere federale Ignazio Cassis, del Presidente del Consiglio di Stato Claudio Zali, del Sindaco di Lugano Marco Borradori e dell’Ambasciatore italiano in Svizzera Marco Del Panta Ridolfi. Nell’ottantesimo anniversario della promulgazione delle leggi razziali in Italia, il progetto Lugano Città Aperta intende valorizzare la tradizione umanitaria di Lugano e della Svizzera italiana verso chi ha subito l’oppressione politica, la persecuzione razziale e religiosa e la negazione della libertà.

Omaggio a quattro ticinesi - Il nuovo Giardino dei Giusti al Parco Ciani, una prima in Svizzera, renderà omaggio a quattro figure ticinesi che con il loro impegno tangibile hanno contrastato l’oppressione e/o salvato la vita di chi era perseguitato. Per illustrare con ampiezza d’orizzonte la lunga tradizione umanitaria di Lugano e della Svizzera italiana, il progetto prevede convegni sulle figure dei Giusti ma anche sul contesto storico e culturale in cui essa ha preso forma. I convegni illustreranno l’opera di Guido Rivoir (impegnato per i profughi della dittatura cilena negli anni Settanta del Novecento e nella loro accoglienza nel Cantone), di Carlo Sommaruga e Anna Maria Valagussa (che offrirono protezione a numerosi ebrei perseguitati durante il secondo conflitto mondiale) e di Francesco Alberti (giornalista impegnato strenuamente nella denuncia del nazifascismo). Il contesto storico-culturale verrà approfondito in un convegno all’Istituto di studi italiani dell’Università della Svizzera italiana.

Nei prossimi mesi la Svizzera passerà all’Italia il testimone della presidenza dell’Alleanza internazionale per la memoria dell’Olocausto (IHRA): l’inaugurazione del Giardino dei Giusti di Lugano è un’opportunità per rinsaldare i vincoli di amicizia fra l’Italia e la Svizzera, che molto ha fatto per i perseguitati in fuga dal nazifascismo. Il progetto si chiuderà con un evento speciale al LAC, la sera del 26 aprile, con uno spettacolo di Viviana Kasam aperto a tutti e ispirato alle musiche composte nel campo di concentramento di Ferramonti. Nel corso della serata verrà consegnato il Premio Federica Spitzer 2018.

Il programma nel dettaglio:

Serata su Guido Rivoir:

Biblioteca Cantonale, Sala Tami
Giovedì 8 febbraio 2018, ore 18
Porgeranno un saluto: Stefano Vassere, Raffaella Castagnola
Interverranno: Emilio Barbarani, Danilo Baratti, Pietro Martinelli

Serata su Carlo Sommaruga e Anna Maria Valagussa:

Università della Svizzera italiana, Auditorium
Mercoledì 7 marzo 2018, ore 18
Porgerà un saluto: Boas Erez 
Interverranno: Cornelio Sommaruga, RenataBroggini, Pietro Montorfani

Serata su Francesco Alberti:

Biblioteca Salita dei Frati
Mercoledì 14 marzo 2018, ore 18
Porgerà un saluto: Fernando Lepori
Interverranno: Lorenzo Planzi, Alberto Lepori

Giornata di studio “Lugano al crocevia: esuli, esperienze, idee”:

Università della Svizzera italiana, Auditorium
Venerdì 20 aprile 2018, ore 10
Interverranno: Sonia Castro, Christoph Frank, Sara Garau, Giacomo Jori, Renato Martinoni, Pietro Montorfani, Carlo Piccardi, Fabio Pusterla, Elisa Signori, Nelly Valsangiacomo, Marino Viganò

Inaugurazione del Giardino dei Giusti: 

Parco Ciani giovedì 26 aprile 2018, ore 17
Interverranno: Ignazio Cassis, Claudio Zali, Marco Borradori, Moreno Bernasconi, Marco Del Panta Ridolfi, Boas Erez, Gabriele Nissim
Durante la cerimonia di inaugurazione si terrà una performance urbana a cura degli artisti Manuela Bernasconi, Sir Taki e Specialivery Serata Colorata e

Consegna del Premio Spitzer 2018:

LAC, Sala Teatro giovedì 26 aprile 2018, ore 20.30
Spettacolo di Viviana Kasam ispirato alle musiche composte nel campo di concentramento fascista di Ferramonti. Nel corso della serata avverrà la consegna del Premio Spitzer 2018.


Il progetto "Lugano Città Aperta" con tutti i dettagli sugli eventi e gli spettacoli è consultabile sui siti www.luganocittaaperta.ch e www.fondazionespitzer.ch.

Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Moga 1 anno fa su tio
Nella storia ci sono stati parecchi genocidi: gli indiani d’america, gli armeni, quelli in Russia, in Cina, in India, gli Indios del sudamerica, quelli in Africa... Per loro nessuna giornata della memoria???
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-14 08:33:19 | 91.208.130.85