ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Secondo tubo San Gottardo: iniziati i primi lavori
A sud delle Alpi nel corso del 2020 è prevista la costruzione di un silo provvisorio per il sale ad Airolo
CONFINE
1 ora
Auto nel lago, 24enne verso i domiciliari
L'interrogatorio per il giovane accusato di omicidio stradale dovrebbe tenersi tra oggi e domani
CANTONE
2 ore
Riaprono i laghetti, ma «portatevi a casa i rifiuti»
Il Dipartimento del territorio coglie l'occasione per invitare chi frequenta la natura a evitare il littering
AGNO
2 ore
Sui licenziamenti alla Mikron: «Procedure anti sociali e anti sindacali»
La denuncia dell'Organizzazione per il lavoro in Ticino: «Nessuna difesa dei dritti dei lavoratori»
CANTONE
2 ore
"Ma quale calo, gli affitti continuano ad aumentare"
La denuncia dell'Associazione inquilini: "Il problema è che sempre più alloggi appartengono a grandi gruppi immobiliari"
CANTONE
2 ore
Una visita al giorno, al massimo di mezzora
Da lunedì saranno di nuovo possibili gli incontri nelle strutture sanitarie ticinesi.
LOCARNO
2 ore
Riapre il Lido di Locarno
Dopo tre mesi di chiusura sabato si riparte, ma con delle restrizioni
FOTO
GIUBIASCO
2 ore
Lo schianto al mattino. Arriva il carro attrezzi
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite
MUZZANO
2 ore
Pontiggia lascia il Corriere del Ticino
Prepensionamento per il direttore responsabile di Muzzano
STATI UNITI/COMANO
4 ore
Minneapolis: pallottole di gomma contro Massimiliano Herber
La polizia ha esploso proiettili contro tre reporter svizzeri della SSR. Tra loro anche il giornalista ticinese
BRISSAGO
4 ore
L'8 giugno riaprono al pubblico le Isole di Brissago
Ai visitatori sarà richiesto di rispettare scrupolosamente la segnaletica relativa ai percorsi guidati
FOTOGALLERY
BEDRETTO
4 ore
Sulla Novena è ancora inverno, ma il Passo è aperto
Da stamattina Bedretto e Ulrichen sono di nuovo collegati
CANTONE
4 ore
Nuovamente un doppio zero in Ticino
Dopo il contagio registrato ieri, nelle ultime 24 ore non c'è stato alcun nuovo caso positivo
BUSENO (GR)
5 ore
Ritrovata la macchina dell'ex infermiere
La Skoda è stata abbandonata diversi giorni fa sui monti di San Carlo, nel comune di Buseno.
LUGANO
21.11.2017 - 11:240
Aggiornamento : 11:41

Mobilitazione contro la violenza sulle donne

Sabato 25 novembre in via Cattedrale Amnesty International organizza una raccolta di impronte di mani colorate su grandi lenzuola: "Mani levate contro la violenza"

LUGANO - Il 25 novembre è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, indetta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999. Da sempre Amnesty International è in prima linea a denunciare e prevenire la violenza sulle donne e le discriminazioni sistematiche di genere. Quest'anno la mobilitazione si farà in via Cattedrale, nel centro di Lugano, in collaborazione con il Gruppo DAISI (Donne Amnesty International Svizzera Italiana) e con i gruppi di studenti e docenti dei Licei di Lugano 1 e 2, e della Supsi.

“La tua mano contro la violenza!”

Mani levate in difesa delle vittime. Perché la mano di ognuno può aiutare le vittime o fermare i colpevoli. La violenza sulle donne è un fenomeno strutturale e sociale. E la risposta dev'essere altrettanto collettiva. Nasce così l’idea di un'azione altamente simbolica - una raccolta di impronte di mani colorate su grandi lenzuola - che coinvolga tutte e tutti, dai passanti alle personalità culturali, politiche e sportive.

L'appuntamento è sabato 25 novembre 2017 dalle 14.30 alle 17.30 davanti al Bar “La Bohème”, in via Cattedrale 6 a Lugano. L’azione proseguirà al Circolo Culturale Turba, via Cattedrale 11, fino al 10 dicembre.

Dopo la raccolta di impronte presso il bar “La Bohème”, le lenzuola saranno trasferite al Circolo per l'emancipazione culturale Turba, al numero 11 sempre di via Cattedrale a Lugano. Fino al 10 dicembre il Turba ospiterà pure la mostra “La Madre fa politica”, allestita da Amnesty International lo scorso inverno in collaborazione con gli studenti del CSIA, e dedicata al difficile percorso delle donne svizzere verso la concessione da parte degli uomini – padri, mariti, fratelli – del diritto di voto.

Sempre in quel contesto, venerdì 8 dicembre il Circolo culturale Turba propone un percorso musicale ad hoc per tematizzare la presenza delle discriminazioni verso le donne anche in un contesto alternativo e giovane come la musica elettronica.

2 donne su 5 in Svizzera, 3 casi al giorno in Ticino

Da inizio anno ci sono ogni giorno 3 interventi di polizia per violenza domestica in Ticino[1], un dato in aumento da inizio 2017. Secondo uno studio pubblicato dall'Ufficio federale di statistica, in Svizzera oltre il 40% delle donne subisce violenza fisica o psicologica nel corso della vita. Due donne su 5: Mamma, nonna, sorella, figlia e migliore amica. Due di loro sono o saranno vittime di abusi. 

Segnali e progetti politici incoraggianti

In ottobre la Consigliera Federale Simonetta Sommaruga ha presentato un pacchetto di misure per agire più efficacemente contro lo stalking e le molestie.

In maggio il Parlamento svizzero ha finalmente ratificato la Convenzione di Istanbul, il primo accordo internazionale interamente dedicato alla lotta alla violenza e alle discriminazioni di genere. È un trattato fondamentale che introduce per la prima volta canali di verifica e controllo della lotta alla violenza. Inoltre riconosce la necessità di considerare insieme la violenza fisica e sessuale, ma anche quella psicologica, le molestie e lo stalking. E obbliga i paesi ad avviare seri sforzi di prevenzione.

L'impegno contro la violenza è per tutti i giorni dell'anno

L'azione del 25 novembre darà avvio ad un'intensa fase di mobilitazione contro la violenza di genere. Dal 25 novembre al 10 dicembre (Giornata internazionale dei diritti umani) l'organizzazione delle Nazioni Unite, UNWomen, ha proclamato i “16 giorni di mobilitazione contro la violenza sulle donne”.

Una mobilitazione internazionale alla quale parteciperà anche DAISI - Donne Amnesty International Svizzera Italiana – che durante questi 16 giorni attraverso la propria pagina Facebook promuoverà l'informazione e la sensibilizzazione sulla violenza sulle donne.

Il 10 dicembre, all’interno del programma organizzato da Amnesty International in occasione della Giornata internazionale dei diritti umani, la conclusione di questa azione di sensibilizzazione con un incontro con l'Europarlamentare Elly Schlein, che discuterà diritti delle donne nel contesto migratorio e dell'importante progetto di Riforma del Trattato di Dublino (seguirà comunicato).

Prevenire la violenza e promuovere i diritti

L'obiettivo della mobilitazione di Amnesty per il 25 novembre è di sensibilizzare l'opinione pubblica, e interagire direttamente con i molti giovani che al sabato pomeriggio passano dal centro. Perché la prevenzione ha senso soprattutto in giovane età. Prevenire la violenza, le discriminazioni e gli abusi sulle donne. Ed educare al rispetto dei diritti umani, i diritti di tutte e di tutti.

Il sostegno, la punizione, le verifiche sono tutti ambiti in cui occorre migliorare, così da garantire la difesa delle vittime. L'unica misura davvero efficace è però la prevenzione. Ogni vittima è già una di troppo.

Maggiori informazioni sull'evento qui.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 14:34:13 | 91.208.130.89