Immobili
Veicoli
Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
11 ore
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CAPRIASCA
14 ore
Tesserete-Bidogno-Bogno: strada chiusa per tre ore e mezza
I lavori di pavimentazione stradale avranno luogo mercoledì e giovedì notte.
LUGANO
18 ore
Lugano Bike Emotions premia Nino Schurter
Il campione del mondo sarà presente sabato 28 maggio in compagnia di altri protagonisti del mountain bike svizzero.
CANTONE
18 ore
Un nuovo Comitato per l’ATTE cantonale
Otto i nuovi volti. Riconfermato quale Presidente l'uscente Giampaolo Cereghetti.
CUGNASCO GERRA
19 ore
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
CANTONE
20 ore
Alex Farinelli nel Comitato centrale dell'ACS
Il sindaco di Comano (e consigliere nazionale) prende il posto di Simone Gianini, che lascia la carica dopo 4 anni.
LUGANO
21 ore
“Famiglia in bicicletta”: la scultura che promuove le piste ciclabili
L'artista Gabriela Spector rende omaggio agli sforzi del comune di Lugano per sviluppare la mobilità dolce.
CANTONE
21 ore
In Ticino 50 nuovi casi e sei pazienti Covid in meno
I ricoverati scendono così a 37 in tutto. Nessuno è in cure intense.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
21 ore
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
BELLINZONA
21 ore
Torna "Belli di Sera"
Stasera i negozi di Bellinzona terranno aperto fino alle 21.
CANTONE
1 gior
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
BELLINZONA
10.05.2017 - 17:360
Aggiornamento : 21:58

Doccia gelata al parcheggio di Via Tatti: tariffe triplicate

Sconforto e delusione tra i lavoratori e gli studenti che ogni giorno lasciano sul posto la loro auto. Il parlamentare Raoul Ghisletta: «Chiedo lumi al Governo»

BELLINZONA – Alta tensione al posteggio di Via Tatti a Bellinzona, utilizzato quotidianamente da centinaia di impiegati e studenti. La tariffa giornaliera, dal primo di maggio, è più che raddoppiata. Si è passati da un prezzo forfettario di 6 franchi giornalieri a un sistema di scatti. Il costo adesso è di 50 centesimi per la prima ora, di 2 franchi fino a tre ore, e di 2 franchi e 50 per ogni ora supplementare. Per 10 ore di parcheggio si raggiungono dunque i 20 franchi. A segnalarlo sono gli stessi utenti del parcheggio, furiosi per l'introduzione del nuovo sistema tariffario.

La sorpresa – Emblematica a tal proposito la testimonianza di un lavoratore, che racconta quanto accaduto in una delle scorse serate. «Mi avvicino, come al solito, all'aggeggio per pagare quanto dovuto e rimango stupito nel vedermi arrivare incontro un agente di sicurezza. Il ragazzo mi guarda un po' imbarazzato e mi chiede se per caso ho lasciato lì l'auto dal mattino. Per poi spiegarmi che allora dovrò pagare una ventina di franchi. Incredulo, inserisco il biglietto. Il monitor mi segnala una spesa di 19 franchi e 50. Chiedo se non si tratti di uno scherzo e mi guardo in giro sperando di essere in una situazione da candid camera. Il ragazzo mi spiega di essere lì apposta con un marsupio a cambiare monete».

Caso non isolato – Indignata anche un'altra utente del parcheggio di Via Tatti. «Mi sono vista triplicare il costo del parcheggio rispetto al solito. Nemmeno te lo segnalano all'entrata. È scritto in piccolissimo solo sulla macchinetta. Così la gente entra e ci casca. Assurdo. Calcolate cosa può significare posteggiare qui per un mese intero. Oltre 350 franchi. Mentre prima uno se la cavava con poco più di 100 franchi. Questo significa rubare». La situazione di Bellinzona si aggiunge a quella da noi segnalata di recente al Park & Ride delle Fornaci a Pambio Noranco, dove gli utenti abbonati sono costretti a versare degli extra se parcheggiano alla sera o nei giorni festivi.

L'interrogazione – Intanto sulla questione del posteggio di Via Tatti si muove il parlamentare Raoul Ghisletta, firmatario di un'interrogazione al Governo. «Chiedo lumi sugli aumenti tariffali al posteggio di Via Tatti a Bellinzona, che colpisce parecchi studenti e dipendenti. Vi sono dipendenti con un posteggio a tariffa mensile e dipendenti o studenti che devono posteggiare pagando la tariffa oraria. Per 20 giorni lavorativi occorre pagare 340 franchi, il che è nettamente superiore all’importo stabilito dall’articolo 10 della legge in materia. Le tariffe dei posteggi scoperti sono fissate a un massimo di 150 franchi mensili».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 5 anni fa su tio
Gli studenti vanno a scuola in auto? Come sono rimasto indietro....
bubi_67 5 anni fa su tio
Questa è la sorpresa non detta della "tassa di collegamento" che abbiamo votato e accettato. Se accetteremo la "tassa sul sacco", con molta probabilità ci ritroveremo con un altro scherzetto simile.... e nüm a pagom!
Viperus 5 anni fa su tio
Volete l`auto? Pagate....
Liberopensiero 5 anni fa su tio
Prima si accetta una legge e ci si pente subito dopo quando bisogna mettere mano al portafoglio.....meditiamo bene quando andremo ad accettare anche la nuova legge sull'energia!
GI 5 anni fa su tio
Conseguenza della (non) entrata in vigore della tassa di collegamento.....??
Lore62 5 anni fa su tio
@GI Guarda che è solo una ricerca di soldi a danno dei cittadini in un economia morente come la nostra, come il "furto di collegamento" che non risolve un bel niente! il caos è peggiorato e gli incassi aumentano per la gioia dei magna magna... Nota bene che il"furto di collegamento" anche se bloccato giuridicamente, molte ditte e scuole prelevano già l'imposizione... Come scritto parecchie volte la soluzione per eliminare il caos viario c'era, senza penalizzare minimamente chi vive e lavora qui!
Pepperos 5 anni fa su tio
Ma dai....
Bär 5 anni fa su tio
Basta prendere il treno e il risparmio è assicurato... un po' di iniziativa
wlemontagne 5 anni fa su tio
@Bär si e mia nonna è una carriola ++ cmq risparmi se viaggi parecchio. Se lavori due giorni alla settimana con i prezzi che ci sono sui mezzi pubblici col cavolo che risparmi. Ma io tanto non pago vado in scooter che si può lasciare in giro con più libertà. Ormai una delle poche possibilità per girare in ticino tra divieti tasse parcheggi multe ecc ecc l'unica è andare in scooter

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 07:23:54 | 91.208.130.89