Foto Ti-Press Tatiana Scolari
LOCARNO
12.04.2016 - 14:460

«Solari trasforma il Festival del Film nella festa della birra?»

L'Associazione Locarno Viva contesta duramente la decisione del Municipio, e prevede: gli organizzatori del Pardo si mettono «in un grande pasticcio legale»

LOCARNO - Dura presa di posizione dell'Associazione Locarno Viva in merito all'assegnazione della gestione della Rotonda agli organizzatori del Festival del film Locarno. L'Associazione dichiara di aver già garantito al Municipio di Locarno 190mila franchi per l'affito degli spazi, ma con la sua decisione «il Municipio ha deciso di rinunciare a questi soldi e di regalare la Rotonda al Festival del Cinema, facendosene un baffo delle imposte dei cittadini» e «magari affinché vengano subappaltate a qualche galoppino elettorale». È la stessa Associazione a specificare, però, che gli appalti non possono essere subappaltati «agli amici degli amici», in quanto deve essere rispettata la legge sugli appalti.

Gli organizzatori del Pardo si mettono, secondo Locarno Viva, «in un grande pasticcio legale». Lo statuto del Festival, inoltre, non prevede la gestione di attività impreditoriali separate come le feste agostane alla Rotonda. «L’idea di spinare birra “per avvicinare i giovani al cinema” è infatti ridicola». Infine la possibile perdita finanziaria (in caso di pioggia per esempio) verrebbe coperta con i sussidi erogati per l’attività cinematografica. «Abbiamo subito allertato l’Ufficio federale della cultura», aggiunge Locarno Viva, che invita il Presidente del Festival Marco Solari «a non mischiare la birra con la cinematografia».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 13:42:00 | 91.208.130.85