ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
6 min
Lm Group nel mirino di un fondo scandinavo
Dall'azienda attiva nel settore dei viaggi online non arriva nessuna conferma: «Stiamo conducendo discussioni con diverse parti»
MENDRISIO
37 min
A LaFilanda si impara a giocare a Burraco
Il primo torneo è stato un successo. Il sindaco ha premiato la coppia formata da Manuela Poloni e Pinuccia Catellani-Fontana
LOCARNO
38 min
Una corsia per i bus su lungolago locarnese
L’Esecutivo comunale chiede un credito di 710’500 franchi
LUGANO
49 min
«Troppi regali ai defunti, li requisiamo»
Al cimitero di Lugano spariscono gli ornamenti funerari. Il "ladro"? È il Comune
STABIO
1 ora
Il Municipio "sponsorizza" i veicoli elettrici
I cittadini e le imprese possono ottenere un aiuto finanziario per l'acquisto di una colonnina
CANTONE
1 ora
Un corso per la gestione dei rifiuti
La formazione è rivolta principalemente ai professionisti attivi negli ecocentri comunali
LUGANO
1 ora
Contro i bulli online già alle elementari
Due ore di incontro con gli allievi di quinta durante la campagna di prevenzione "Sbullo". Per aiutarli ad affrontare i rischi in modo consapevole
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
2 ore
Auto divorata dalle fiamme sulla Cantonale
Sul posto è giunto il Corpo Pompieri di Tenero Contra, che ha provveduto a spegnere le fiamme
FOTO E VIDEO
CANTONE / ITALIA
2 ore
Compravano al Fox Town e rivendevano ai cinesi
La Guardia di Finanza ha scoperto un contrabbando di capi griffati tra il 2017 e il 2018 per un valore di 1 milione di euro, senza versamento dei dazi
FOTO
MUZZANO
3 ore
A fuoco il tetto di una casetta
L'incendio è divampato attorno alle 22.45 di domenica sera. I pompieri hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l'abitazione
LUGANO
3 ore
Campana ritorna al PPD: «Credo ancora nei nostri valori e non mollo»
L'ex responsabile della comunicazione e membro dell'Ufficio Presidenziale luganese si candida per le Comunali
RIVERA
4 ore
L'uomo che parla con i fiori da 40 anni colora il Ticino
La maggior parte dei fiori che vedete nei negozi passano dalle mani di Enrico Pelozzi. L'importatore racconta come si vince la concorrenza estera
TICINO
05.12.2011 - 09:520
Aggiornamento : 25.11.2014 - 02:19

Studenti ticinesi meno intelligenti di quelli svizzeri, ma più di quelli europei

Il DECS fornisce i risultati della più recente indagine PISA. Ticinesi ancora ultimi in Svizzera

BELLINZONA - Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) – attraverso la Divisione della scuola – annuncia che sono disponibili i risultati a livello regionale dell’indagine PISA (Programme for International Student Assessment) basata sul campione di allievi del 9° anno scolastico (ciò che corrisponde alla fine della scuola dell’obbligo).

I risultati internazionali del test PISA 2009 indicano come la Svizzera si situi al di sopra della media OCSE nei tre settori esaminati (lettura, matematica, scienze naturali). Il test si riferisce all’esito delle prove sostenute dagli allievi quindicenni . La prova principale riguardava la lettura: la media degli allievi residenti in Svizzera è stata di 501 punti mentre quella dei paesi dell’OCSE di 493. Per la matematica la media svizzera è stata di 534 (OCSE 497) mentre per le scienze naturali di 517 punti (OCSE 501).

I dati disponibili consentono un confronto fra le tre regioni linguistiche e fra i cantoni che hanno partecipato all’indagine (complessivamente 13 , Ticino compreso). L’indagine ha interessato in questi cantoni gli allievi dell’ultimo anno di scuola dell’obbligo. Quindi in Svizzera hanno partecipato al test PISA gli allievi del nono anno scolastico e in Ticino gli allievi di IV media . Complessivamente sono stati coinvolti ca. 15.800 allievi di cui ca. 1100 in Ticino.

Per la lettura – ambito principale del test PISA 2009 - la Svizzera francese (506 punti) e la Svizzera tedesca (502) precedono gli allievi della Svizzera italiana (485 punti). A detta dei ricercatori lo svantaggio di ca. 20 punti è considerato di entità ridotta e, in parte, motivato dalla più giovane età degli allievi ticinesi rispetto agli allievi degli altri cantoni (15,1 anni per il Ticino, contro i 15,9 anni della Svizzera).
In matematica la Svizzera tedesca ottiene 539 punti, la Svizzera francese 530 e la Svizzera italiana 518 . La media ticinese (518) è superiore a quella dell’OCSE (497). Per le scienze naturali: la Svizzera tedesca ha una media di 523 punti, la Svizzera francese di 500 e la Svizzera italiana di 493. In questa prova, come pure in quella di lettura, l’esito degli allievi ticinesi è leggermente inferiore alla media OCSE.

Il confronto dei risultati PISA 2009 con i dati PISA 2000 conferma una sostanziale stabilità delle prestazioni in lettura per gli allievi ticinesi; per la matematica invece si registra un leggero miglioramento (+ 9 punti) rispetto ai dati del 2003, mentre in scienze naturali vi è una contenuta diminuzione (- 8) in rapporto al 2006.

L’analisi dettagliata dei risultati in lettura mette pure in evidenza come in Svizzera la relazione tra la condizione sociale e le prestazioni in lettura degli allievi riveste ancora un ruolo determinante ed è molto variegata. Il Ticino è uno dei cantoni in cui l’effetto dell’ambiente sociale, economico e culturale è meno rilevante. Anche la differenza dei risultati conseguiti tra gli allievi autoctoni e quelli che parlano a domicilio una lingua diversa dall’italiano è assai contenuta in Ticino (7 punti di variazione), mentre è molto più forte nella Svizzera tedesca (62 punti) e nella Svizzera francese (47 punti). Analoga tendenza si registra nei risultati conseguiti in base al sesso: le ragazze ottengono un esito migliore in tutti i cantoni e in Ticino la variazione tra i risultati delle ragazze e dei ragazzi è più contenuta rispetto al resto della Svizzera.

Da queste prove emerge in termini generali come la differenza di prestazione tra gli allievi più forti e quelli più deboli risulti piuttosto contenuta in Ticino e, generalmente, inferiore rispetto ai cantoni della Svizzera tedesca.

I dati dell’indagine PISA 2009 saranno ulteriormente approfonditi da parte del Dipartimento e dei servizi preposti all’insegnamento per valutare i possibili miglioramenti da apportare all’organizzazione scolastica e ai piani di studio, oggetto attualmente di riesame anche nel contesto dell’implementazione del Concordato HarmoS, delle metodologie d’insegnamento, della formazione iniziale e continua del personale insegnante ecc.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 10:52:32 | 91.208.130.86