Immobili
Veicoli

BERNAI 16 mandati di Albert Rösti: riesce a fare anche il Consigliere federale?

19.11.22 - 20:02
Quanto guadagna il 55enne? Sta pensando lui stesso di rendere pubblici i suoi compensi
20min/Simon Glauser
Fonte 20 Minuten
I 16 mandati di Albert Rösti: riesce a fare anche il Consigliere federale?
Quanto guadagna il 55enne? Sta pensando lui stesso di rendere pubblici i suoi compensi

BERNA - È considerato il favorito per la successione a Ueli Maurer, ma è uno dei personaggi politici più discussi per i suoi 16 mandati, che lo vedono impegnato in varie attività.

In un'intervista rilasciata ai giornali Tamedia, Albert Rösti ha dichiarato che sta valutando la possibilità di rivelare il proprio reddito e sembra intenzionato a farlo durante le prossime audizioni che si terranno con i vari gruppi parlamentari.

La paga di un consigliere federale: 460mila franchi all'anno. I Consiglieri federali sono pagati 460.000 franchi all'anno per il loro lavoro. Albert Rösti risponde che si tratterebbe di «una retribuzione notevolmente superiore a quella percepita finora».

Alla domanda se il candidato dell'UDC al Consiglio federale non debba lavorare ogni giorno fino a mezzanotte a causa dei suoi numerosi mandati, visto che complessivamente il suo carico di lavoro dovrebbe essere ben oltre il 100 per cento, Rösti risponde: «Naturalmente ci sono settimane in cui lavoro 60-70 ore; posso gestire tranquillamente il 150 per cento. Considero una qualifica per la carica di Consigliere federale la capacità di lavorare molto e di concentrarsi su diverse questioni. Finora nessuno si è lamentato del fatto che non posso farlo».

 Alcuni mandati prevedono solo due riunioni all'anno - Rösti è infatti sindaco, consigliere nazionale e presidente di Auto Schweiz. Gli altri mandati comportano uno sforzo «inferiore a una cifra percentuale - ha detto - e alcuni di essi prevedono solo due incontri all'anno. Tuttavia - aggiunge - è opportuno che si rendano trasparenti i propri compensi, anche se ci sono diversi altri parlamentari che possono contare sul loro segreto professionale e quindi non rendono trasparenti i loro mandati» afferma Rösti.

NOTIZIE PIÙ LETTE