Immobili
Veicoli
Ti Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
5 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
7 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
9 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
11 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
BERNA
11 ore
La segretaria di Stato incontra il viceministro degli esteri russo Vladimir Titov
Al centro dell'incontro anche le questioni bilaterali in settori come l'economia e l'energia.
SVIZZERA
11 ore
«La doppia nazionalità non va revocata in caso di gravi crimini»
La Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale ha respinto un'iniziativa di Piero Marchesi
ARGOVIA
13 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
FOTO
SAN GALLO
14 ore
Slitta sul ghiaccio e impatta con un tir, tragica morte per una giovane
La ragazza è spirata fra le lamiere dopo un violento schianto a causa della carreggiata ghiacciata
BERNA
14 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
SVIZZERA
22.10.2021 - 06:390

Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia

È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.

BERNA - Se si fosse votato a inizio ottobre, l'iniziativa sulle cure infermieristiche e la legge Covid-19 sarebbero state entrambe approvate dalla maggioranza della popolazione, mentre c'è maggiore incertezza riguardo all'iniziativa sulla giustizia. È quanto emerge dal primo sondaggio della SSR, pubblicato oggi, sulle votazioni federali previste il prossimo 28 novembre.

Stando al rilevamento, condotto dall'istituto di ricerca gfs.bern, la partecipazione sarebbe stata del 41%. Un valore leggermente al di sotto della media, indica oggi la SSR SRG.

Cure infermieristiche - L'iniziativa sulle cure infermieristiche avrebbe raccolto il 78% di "sì" da parte degli intervistati, 15% di "no", mentre gli indecisi si attesterebbero al 7%.

L'iniziativa raccoglie consensi in particolare tra i Verdi (92%), ma attualmente ha il sostegno anche della maggioranza dei principali partiti, fra cui PLR e UDC. In tutte e tre le regioni linguistiche, oltre il 75% dell'elettorato voterebbe a favore.

Legge Covid-19 - Per quanto riguarda invece la modifica del 19 marzo 2021 della Legge Covid-19, il favorevoli si sarebbero attestati al 61%, contro il 36% dei contrari e il 3% di indecisi.

Come spesso accade quando si parla di misure legate al Covid-19, anche per quanto riguarda l'oggetto in votazione si assiste a una polarizzazione: il "sì" è particolarmente ampio tra i Verdi liberali (81%) e i socialisti (77%). Tra i sostenitori dell'UDC invece il 59% si è detto contrario.

Oltre a essi, pure gli intervistati che tendono a diffidare del governo e quelli che non sono vaccinati contro il coronavirus hanno respinto a maggioranza le modifiche alla legge che, tra le altre cose, crea una base legale per il certificato Covid. Tra coloro che invece non si sentono rappresentati da uno specifico partito, il 55% è a favore di tali modifiche.

Secondo l'istituto gfs.bern, il sostegno alla legge Covid 19 è più limitato tra gli under 40 che tra gli elettori più anziani. E aumenta con il livello di istruzione e il reddito familiare. Da un punto di vista regionale, il "no" è significativamente più alto nelle zone rurali.

Giustizia - Ci sono decisamente più indecisi sull'iniziativa per la giustizia, che si attestano al 15%. Il 43% avrebbe invece detto "sì", contro il 42% che intende invece respingerla. Tenendo conto del margine di errore, al momento si è praticamente in parità.

Solo tra i simpatizzanti dei Verdi (55%) e da persone provenienti da famiglie con un reddito mensile fino a 3.000 franchi (53%) l'iniziativa per la giustizia avrebbe trovato terreno fertile, mentre tra le altre file regna al momento l'incertezza.

Nel primo sondaggio della SSR sulle votazioni del prossimo 28 novembre sono stati intervistati 14'568 elettori tra il 4 e il 18 ottobre 2021. L'intervallo di errore statistico è di +/-2,8 punti percentuali. Nel complesso, il sondaggio della SSR mostra un quadro simile a quello pubblicato la settimana scorsa da 20 Minuti e Tamedia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 05:10:24 | 91.208.130.86