Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
33 min
I contagi curvano verso l'alto
Altri 1478 positivi in Svizzera. Continua il trend al rialzo. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
1 ora
Crediti Covid, gli hacker rubano 130mila nomi
EasyGov sotto attacco da parte dei pirati informatici. Un enorme furto di dati
BASILEA
4 ore
Gli hacker colpiscono ancora, questa volta il Gruppo MCH
Si tratta della società che organizza eventi come Art Basel e Basel World.
SVIZZERA
5 ore
Tempesta invernale Oltralpe: venti fino a 130 km/h
La depressione è stata ribattezzata "Aurore" da Météo-France e "Hendrik" dall'Università libera di Berlino
SVIZZERA
5 ore
Alcol al volante? «Tolleranza zero»
Ci sta pensando il Parlamento dell'Unione europea. Ma la proposta trova sostenitori anche nel nostro paese
SVIZZERA/AUSTRIA
13 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
17 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
18 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
19 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
20 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
20 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
SVIZZERA
14.09.2021 - 12:260

Iniziativa sul paesaggio, il controprogetto non convince tutti

Messo in consultazione a fine aprile, il testo suscita grossi dubbi da più parti.

Per socialisti, Verdi e associazioni ambientaliste non è abbastanza restrittivo, mentre i cantoni vorrebbero un maggior margine di manovra. Il controprogetto è invece sostenuto da il Centro.

BERNA - Il controprogetto all'iniziativa popolare sul paesaggio, messo in consultazione dalla fine di aprile, suscita grossi dubbi. Per PS, Verdi e associazioni ambientaliste non è abbastanza restrittivo. I cantoni vorrebbero un maggior margine di manovra che tenga conto delle specificità regionali.

L'iniziativa "Contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio)", depositata lo scorso anno con 104'487 firme valide, intende frenare al di fuori delle zone edificabili la cementificazione di superfici naturali e terreni coltivati. In particolare la revisione proposta della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) vorrebbe che il numero di edifici e la superficie che occupano nelle zone non edificabili rimanga invariato. Con questa modifica costituzionale Confederazione e Cantoni saranno direttamente responsabili della tutela del paesaggio e della limitazione delle costruzioni.

Il controprogetto, per stabilizzare il numero di edifici e impianti, prevede principalmente contributi che coprano i costi per la demolizione di strutture inutilizzate ubicate fuori delle zone edificabili. Tali contributi saranno finanziati dai Cantoni con la partecipazione della Confederazione. La proposta governativa dà però anche ai cantoni un maggior margine di manovra che tenga conto delle rispettive particolarità.

Dalla consultazione risulta che la proposta riprende le preoccupazioni chiave dell'iniziativa sul paesaggio e che nessuno si oppone al principio a una migliore separazione delle diverse zone.

Per i promotori dell'iniziativa - Pro Natura, BirdLife, Patrimonio svizzero e la Fondazione svizzera per la protezione e la pianificazione del paesaggio - giudicano però «insufficiente» il progetto governativo.

In particolare, le nuove possibilità di costruzione e conversione concesse ai cantoni al di fuori delle zone edificabili spianerebbero la strada per costruire ancora di più. Peggio ancora, le linee guida elencate renderebbero la costruzione d'impianti in zone non edificabili ancora più attraente di prima. I cantoni potrebbero inoltre aggirare tutte le norme federali sulla conservazione del paesaggio e degli edifici fuori dalla zona edificabile che sono degni di protezione.

Su questa linea d'idee si sono espressi, fra gli altri, anche PS, Verdi, Associazione traffico e ambiente (ATA) e Federazione degli architetti paesaggisti (FSAP).

Al contrario, l'Alleanza del Centro e l'Associazione dei proprietari fondiari si rallegrano del fatto che la revisione legislativa permetta ai cantoni di «sviluppare e attuare soluzioni flessibili e su misura», che consentirebbero di tenere conto delle specificità delle zone montane e rurali.

L'UDC vuole invece che i cantoni abbiano ancora più poteri, ritenendo che il progetto di legge presenti «uno schema altamente centralizzato».

Non soddisfatti sono i governi di Grigioni, Berna, Argovia e il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB, Schweizerische Arbeitsgemeinschaft für die Berggebiete), che nel testo proposto vedono «un grande potenziale di miglioramento». Approvano, evidentemente, che i cantoni possano creare regolamenti adattati alle specificità regionali, ma ritengono «complicato e costoso» l'approccio legato a un obbligo di compensazione. Non sono ben viste nemmeno la demolizione immediata degli edifici illegali e l'introduzione di un obiettivo di stabilizzazione dell'«impermeabilizzazione del suolo».

L'approccio proposto per la pianificazione e la compensazione richiederebbe sforzi considerevoli in termini di linee guida e pianificazione spaziale, dicono. Inoltre l'obiettivo di stabilità, che si concentra principalmente sul numero di edifici indipendentemente dalle loro dimensioni, permetterebbe di costruire aziende agricole o grandi immobili residenziali senza violare l'obiettivo di stabilità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 13:07:01 | 91.208.130.86