Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
22.09.2020 - 07:370

Criminalità al Nazionale, ricerca e cooperazione agli Stati

Il plenum dovrà anche affrontare il progetto per rendere più difficile l'accesso a determinate sostanze chimiche

BERNA - Riprendono stamane i lavori alle camere federali, col Consiglio nazionale (08.00-13-00) che in prima battuta affronterà, a livello di divergenze, la convenzione del Consiglio d'Europa su criminalità e terrorismo.

Nell'esaminare il dossier all'inizio della sessione, il Consiglio degli Stati aveva deciso che le organizzazioni umanitarie che agiscono in base al diritto internazionale codificato nella Convenzioni di Ginevra andrebbero esonerate dalla responsabilità penale per il sostegno alle organizzazioni terroristiche. Il Consiglio nazionale vuole sì escludere tali organizzazioni, ma nella sua versione ha menzionato esplicitamente il Comitato internazionale della Croce rossa (CICR). Per quanto attiene alla prevenzione del terrorismo, i due rami del parlamento si sono già messi d'accordo su tutta una serie di misure restrittive che potrebbero essere applicate anche a giovani e adolescenti.

Sostanze chimiche, giro di vite - Il plenum dovrà anche affrontare il progetto del governo volto a rendere più difficile l'accesso a determinate sostanze chimiche in grado di essere utilizzare per fabbricare ordigni. Il dossier era già stato approvato dagli Stati lo scorso giugno. La commissione preparatoria del Nazionale è d'accordo col limitare l'accesso dei privati a determinate sostanze chimiche, ma ha tuttavia respinto l'obbligo di segnalazione in caso di furto e sparizione. Visto che la sensibilizzazione nel settore è molto buona e i casi sospetti sono segnalati già oggi, la commissione non vede alcuna necessità di legiferare in questo senso. In futuro, per poter acquistare determinate sostanze chimiche, i privati avranno bisogno di un'autorizzazione dell'Ufficio federale di polizia. Gli agricoltori, che impiegano tali prodotti nel loro lavoro, non sottostanno a tale obbligo.

Ricerca e cooperazione - Al Consiglio degli Stati (08.15-13.00), il programma contempla il voto sulla clausola d'urgenza in merito al finanziamento supplementare - 14,2 miliardi di franchi - destinato all'assicurazione contro la disoccupazione. In seguito i "senatori" affronteranno a livello di divergenze la legge sulla promozione e la ricerca per il periodo 2021-2024 e sulla cooperazione internazionale per i prossimi 4 anni. Il menù prevede poi tutta una serie di interventi in ambito fiscale volti a stabilizzare le finanze per i prossimi anni o far fronte alle ripercussioni negative del coronavirus sull'economia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 04:50:57 | 91.208.130.85