Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
2 ore
«A causa del Covid rinuncio al lavoro che amo»
Il personale infermieristico è logorato dalla pandemia. E c'è chi getta la spugna.
GRIGIONI
8 ore
Scontro fra un 81enne automobilista e un 80enne ciclista
L'incidente è avvenuto stamattina a Davos. Il ciclista ha riportati gravi ferite.
SVIZZERA
11 ore
Giù i premi di cassa malati (anche in Ticino)
Per la prima volta dal 2008, vi sarà una diminuzione del premio medio. Berset: «Felice per le famiglie svizzere».
SVIZZERA
12 ore
Covid-19, 1'284 nuovi casi e undici decessi in Svizzera
Sono 122 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SVIZZERA
13 ore
Johnson&Johnson arriva in Svizzera
Chiunque non ha potuto (o voluto) vaccinarsi con Pfizer o Moderna avrà un'alternativa. In Ticino previste 6'000 dosi.
SVIZZERA
13 ore
I deputati vogliono presentare il "pass"
Il Nazionale è favorevole all'obbligo di certificato per entrare a Palazzo federale. Dovrebbe scattare dal 2 ottobre
SVIZZERA
13 ore
«Il vaccino ai ragazzi solo con il lasciapassare dei genitori»
Lasciare libera scelta agli under 16 è, secondo l'Associazione Amici della Costituzione, contrario alla legge.
SVIZZERA
15 ore
Il "no" rischia di rovinarci le vacanze di Natale?
Tra due mesi la Svizzera torna a votare sulla legge Covid. Le domande e le risposte più importanti
SVIZZERA
15 ore
Riuscito il referendum contro l'abolizione della tassa di bollo
Le 65'000 firme raccolte da un comitato rosso-verde saranno consegnate il 5 ottobre alla Cancelleria federale.
SVIZZERA
16 ore
«Così ti rafforzo il mercato svizzero dei capitali»
Secondo il Nazionale la riforma dovrebbe incentivare le imprese a finanziare le attività in Svizzera.
SVIZZERA
17 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
SVIZZERA
17.06.2020 - 16:360

Manifestazioni e assembramenti: «La legge è uguale per tutti?»

Le manifestazioni anti-razziste delle scorse settimane non sono andate giù a Lorenzo Quadri che interpella il Governo.

Il consigliere nazionale: «Berna interverrà affinché ai manifestanti venga imposto il rispetto delle disposizioni che valgono per tutti gli altri cittadini?»

BERNA - Le diverse manifestazioni anti-razziste tenutasi nelle scorse settimane in varie città svizzere non sono andate giù al consigliere nazionale Lorenzo Quadri che ha deciso d'interpellare il Governo sul tema. «Queste manifestazioni, oltre a essere pretestuose e strumentali - tuona il deputato leghista - si basano su una vicenda, il caso Floyd, avvenuta negli USA, quindi in una realtà per nulla paragonabile alla nostra». 

A preoccupare Quadri sono soprattutto le possibili conseguenze sanitarie che questi assembramenti potrebbero provocare e le disparità di trattamento tra i manifestanti e i cittadini comuni. «È evidentemente insostenibile - precisa Quadri - che a esercizi pubblici, organizzatori di eventi, attività economiche di ogni ordine e grado venga imposto il rispetto di disposizioni di sicurezza sanitaria che comportano importanti oneri economici e organizzativi, e che invece queste stesse disposizioni non vengano applicate ai manifestanti del Black Lives Matter. Nel caso in cui da uno di questi assembramenti dovesse partire un nuovo focolaio di contagi da coronavirus, con tutte le conseguenze del caso, qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità».

Le domande di Quadri al Governo: 

È intenzione del Consiglio federale intervenire affinché ai manifestanti del Black Lives Matter venga imposto il rispetto delle disposizioni di sicurezza sanitaria che valgono per tutti gli altri cittadini come pure per le attività economiche?

Il Consiglio federale si attiverà nei confronti delle autorità cantonali e comunali che hanno disatteso a importanti misure di sanità pubblica?

In caso contrario: come giustifica il Consiglio federale che le disposizioni di sicurezza sanitaria non si applicano ai manifestanti del Black Lives Matter? Si tratta forse di scelte ideologiche?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Ma quale legge?!
pillola rossa 1 anno fa su tio
Ma quale legge?
Tato50 1 anno fa su tio
No ! Dipende dalla "posizione" del partito. C'è chi fa e chi chiede se si può fare -;((
Evry 1 anno fa su tio
Che la legge e sopratutto la giustizia sia uguale per tutti lo mett seriament in dubbio ! Si osservi le conseguenze di certi criminali recidivi e altro ! Auguri per un giustizia uguale per tutti !
Didimon 1 anno fa su tio
Ugualmente diversa . La Svizzera ed il Ticino in particolare , con i suoi regnanti vagabondi .... Gira il mulino che porterà l'acqua alla fonte .... Il popolo vota . Il popolo suda . Ma il governo abbassa le braghe
Dioneus 1 anno fa su tio
Mamma che due scatole 'sto qua.
Tato50 1 anno fa su tio
@Dioneus Peccato che ha ragione-;(
sedelin 1 anno fa su tio
manifestazioni "pretestuose e strumentali": cosa significa? il codino non sa che cosa sia la solidarietà, lui conosce soltanto il proprio orticello che vorrebbe recintato e murato.
Tato50 1 anno fa su tio
@sedelin Il "codino" vede che per molti tutto è fattibile senza chiedere nulla (indipendentemente dal tipo di manifestazione). Altri si attengono alle regole che valgono per quasi tutti. Non dico chi sono tanto è inutile.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@sedelin Io sono contrario alle manifestazioni, la reputo una manifestazione della libertà d'espressione senza il minimo senso. Sopra tutto in Svizzera dove ci sono alternative civili per mostrare e verificare l'opinione popolare riguardo un tema (2020 anno in cui esistono le raccolte firme). Questo a prescindere di cosa dicono e vogliono i manifestanti. Il tutto è aggravato dalla presenza del coronavirus, in Ticino dovreste avere un ''brucia posteriore'' maggiore visto che siete rimasti serrati a casa per un po'. Il concetto rimane però che se ci sono delle ordinanze vanno rispettate pure se non piacciono, lo dico da persona alla quale queste restrizioni hanno dato fastidio fin dall'avvento della situazione COVID-19. Ovviamente la cosa peggiore è che protestano per cose successe a 7250 km di distanza trattandola come se ''il pericolo'' fosse sulle nostre strade e con la nostra polizia.
Duca72 1 anno fa su tio
Avrebbe avuto da dire anche per assembramenti in una manifestazione contro l’omofobia? Grandi dubbi
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 02:02:11 | 91.208.130.87