TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA
11.12.2018 - 11:090

CO2: Iniziativa delle Alpi chiede limiti per i camion

Secondo uno studio un camion oggi emette praticamente ancora lo stesso quantitativo di CO2 come 25 anni fa

BERNA - Quanto alle emissioni di CO2 dei camion, non si è mosso nulla: le emissioni di CO2 d’un camion sono ancora praticamente le stesse che nel 1990. È quanto risulta da uno studio dell’ufficio di pianificazione ambientale KBP pubblicato oggi. Jon Pult, Presidente dell’Iniziativa delle Alpi, precisa: «La Svizzera deve finalmente introdurre limiti per il CO2 anche per i camion. Mentre l’UE punta a severi valori-limite per i TIR, nel nostro paese, nella corrente revisione della legge sul CO2, i camion sono completamente trascurati».

Lo studio, realizzato su incarico dell’Iniziativa delle Alpi, dimostra che un camion oggi emette praticamente ancora lo stesso quantitativo di CO2 come 25 anni fa. La ragione: finora non ci sono limiti per il CO2 dei veicoli commerciali pesanti. «In considerazione dei cambiamenti climatici, questo è più che uno scandalo», ha affermato Jon Pult, Presidente dell’Iniziativa delle Alpi, oggi davanti ai rappresentanti dei media a Berna. «I valori-limite per le polveri sottili e gli ossidi d’azoto del traffico stradale delle merci sono stati continuamente inaspriti. Di conseguenza le emissioni di questi inquinanti atmosferici sono diminuite di più dell’80% rispetto all’anno 1990. Per le emissioni di CO2, invece, non si è ottenuto alcun miglioramento», ha spiegato Res Isler, comproprietario dell’ufficio di pianificazione ambientale KBP.

«Non è così che si proteggono le Alpi: l’Iniziativa delle Alpi chiede che siano finalmente introdotti degli obiettivi di riduzione del CO2 emesso dai camion», ha detto Jon Pult. «È un’occasione mancata che il traffico delle merci su strada non sia considerato in Parlamento nella corrente revisione della legge sul CO2. I camion non devono essere esclusi dalla legge sul CO2. Il tempo stringe: per fermare il riscaldamento del clima e rispettare gli obiettivi di riduzione dell’accordo di Parigi, le emissioni di gas a effetto serra devono essere ridotte in tutti i settori».

«L’Empa appoggia una legislazione sul CO2 per i camion», ha detto Christian Bach, Direttore della divisione Sistemi di propulsione per veicoli all’Empa. «I camion che percorrono lunghe distanze sono molto rilevanti per le emissioni di CO2 per via dell’alto chilometraggio. Tecnologie con emissioni ridotte sono disponibili, ma senza norme di legge sono troppo care.»

Dallo studio risulta: con le tecnologie disponibili, nell’arco temporale fra il 2015 e il 2030, il consumo di carburante dei camion potrebbe essere ridotto di più di un terzo.

8 mesi fa L'alleanza UDC-PS affossa la Legge sul CO2
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-25 00:46:52 | 91.208.130.86