Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
VAUD
1 ora
Auto esce di strada e prende fuoco, morto un 21enne
Il giovane stava viaggiando sulla strada cantonale fra La Coudre VD e L'Isle, quando per ragioni non ancora note ha perso il controllo del veicolo
SVIZZERA
1 ora
Accordo di libero scambio per Trump, clima per Sommaruga
La presidente della Confederazione ha detto di voler discutere non solo di economia, ma anche di clima e buoni uffici
SVIZZERA
2 ore
Eccesso di velocità in servizio: «I poliziotti non vanno puniti»
La Commissione dei Trasporti del Consiglio Nazionale ha approvato un'iniziativa parlamentare di Christian Lüscher che chiedeva una valutazione diversa in situazioni d'emergenza
BERNA
2 ore
Il sole di gennaio sconfigge la nebbia
Questo mese è già entrato nella storia del canton Berna: è stato il più soleggiato dall'inizio delle misurazioni, nel 1886
GRIGIONI
3 ore
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
SVIZZERA
4 ore
I migranti vulnerabili non vanno in Italia, Quadri non ci sta
«Il Tribunale amministrativo federale sabota l'accordo di Dublino» secondo il consigliere nazionale leghista
SAN GALLO
4 ore
Carcere, multa e terapia stazionaria per l'ex dipendente dell'asilo
L'uomo è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali e di aver diffuso materiale pedopornografico su internet
FOTO E VIDEO
BERNA
4 ore
Rogo alla Vigilia di Natale: «Difetto tecnico o candela accesa?»
Le cause dell'incendio che a dicembre ha devastato la chiesa di Herzogenbuchsee non sono ancora state chiarite. I danni ammontano a diversi milioni di franchi
BERNA
4 ore
Globus chiude due negozi, persi 85 posti di lavoro
La catena di grandi magazzini, per la quale Migros è alla ricerca di un acquirente, chiuderà due punti vendita nel Canton Berna
VAUD
4 ore
Losanna supera i 146'000 abitanti: «È record»
Il capoluogo vodese ha fatto registrare un aumento di 544 persone nel 2019
SVIZZERA
19.11.2018 - 14:170

Rimborsi per il materiale medico: «C'è margine»

Nel 2011 Mister prezzi aveva richiesto adeguamenti del sistema. Una revisione di legge è in corso

BERNA - Le spese legate al rimborso del materiale medico da parte dell'assicurazione malattia di base sono aumentate notevolmente negli ultimi anni. Per arginare tale fenomeno è in corso una revisione di legge. La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati (CdG-S) vede un potenziale di miglioramento, precisa una nota odierna dei servizi parlamentari.

L'elenco delle attrezzature mediche rimborsate dalla cassa malattia di base è nel mirino delle critiche da anni, in particolare a causa dell'elevato livello dei prezzi rispetto a quelli praticati all'estero. Già nel 2011 Mister prezzi aveva richiesto adeguamenti del sistema.

Nel dicembre 2015, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha avviato una revisione dell'elenco per adeguare ogni posizione all'evoluzione del mercato e dei prezzi. La revisione dovrebbe concludersi entro la fine del 2019. L'elenco comprende 55'000 prodotti che vanno dagli apparecchi per inalazione e respirazione al materiale per medicazioni o prodotti per diabetici e per l'incontinenza.

In un rapporto pubblicato lunedì scorso, la CdG-S ha segnalato diversi problemi inerenti questa revisione e formulato cinque raccomandazioni al Consiglio federale. In particolare, viene criticato il tempo perso prima che la revisione della legge venisse considerata prioritaria dall'UFSP.

Divergenze sui risparmi - Il documento cerca inoltre di valutare i risparmi potenziali associati alla revisione della lista. Mentre l'UFSP stima in 10 milioni di franchi le potenziali economie, Santesuisse - istanza che raggruppa gli assicuratori - parla addirittura di 100 milioni.

La CdG-S non si dice in grado di decidere tra le stime prudenti dell'UFSP e quelle più ottimiste degli assicuratori. Tuttavia, tende a favore di un risultato più vicino ai calcoli di Santesuisse.

A suo parere, l'importo potrà essere quantificato solo al termine della revisione. Ritiene essenziale che in futuro sia attuato un monitoraggio dei costi. Chiede al governo federale quindi di fare in modo che ciò avvenga e di fare il punto sugli effetti della revisione all'inizio del 2020.

La qualità dei dati di cui dispone l'UFSP per analizzare le cause del fortissimo aumento dei costi è insufficiente, osserva il rapporto. I miglioramenti devono essere attuati rapidamente. Il campo di applicazione dell'elenco deve essere chiaramente delimitato e scrupolosamente rispettato da tutte le parti interessate, secondo la CdG-S.

Abusi da evitare - Per evitare abusi, come l'applicazione di spese non presenti nella lista o una fatturazione superiore al prezzo di mercato, i senatori chiedono un migliore monitoraggio dei centri di consegna. La legge dovrebbe inoltre porre maggiormente l'accento sulla responsabilità degli assicuratori e, se necessario, specificare le possibili sanzioni nei loro confronti.

Il governo dovrebbe assicurarsi che la fissazione degli importi massimi di rimborso sia basata su procedure armonizzate e criteri oggettivi. Tali importi dovrebbero essere pubblicati costantemente sul sito web dell'UFSP.

Aspetti da chiarire - Per quanto riguarda il confronto con i prezzi praticati all'estero, l'UFSP li esegue in modo coerente secondo la commissione. Tuttavia, alcuni aspetti legati alla specificità del mercato svizzero devono ancora essere chiariti.

La CdG-S domanda al Consiglio federale di garantire che il sistema sia regolarmente aggiornato non appena la revisione sarà terminata. Essa riconosce tuttavia che non sarebbe realistico effettuare una revisione completa ogni anno o definire una frequenza di riesame uniforme per tutti i prodotti dell'elenco.

Il Consiglio federale dovrebbe reagire al rapporto entro il 28 gennaio. Al termine della revisione, la CdG-S eseguirà un'analisi sull'ammontare degli importi risparmiati e sulla creazione di un sistema di monitoraggio.

Commenti
 
nordico 1 anno fa su tio
Il governo dovrebbe assicurarsi ..... domanda al Consiglio federale di garantire che il sistema sia regolarmente aggiornato ..... chiedono un migliore monitoraggio ....... I miglioramenti devono essere attuati ..... essenziale che in futuro sia attuato un monitoraggio ...... una revisione dell'elenco per adeguare ..... non si dice in grado di decidere tra le stime ...... // Ma insomma, a Berna c'è qualcuno che lavora oppure i funzionari aspettano che arrivi la fine del mese (o la pensione) ?
MrBlack 1 anno fa su tio
8 anni per “vedere che c’è un margine di miglioramento”. Bravi, lavoro fantastico. Ora riposate un po’...
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 19:34:30 | 91.208.130.86