Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
8 min
Thule richiama alcuni tendalini da camper
Il rischio? Infortunio o lesioni
SVIZZERA
10 min
I passeggeri svizzeri non sentono l'effetto Greta
Swiss non ha notato cambiamenti, ma riconosce di percepire alcune «preoccupazioni» da parte della clientela
FOTO
SVIZZERA
19 min
Prima giornata sotto il "cupolone" per i nuovi eletti
Le attività concrete prenderanno però il via solo il prossimo 2 dicembre
SVIZZERA
21 min
«Se Cassis dovesse perdere il seggio non mi aspetto una rivolta in Ticino»
La presidente dei Verdi ha annunciato la propria candidatura per il Consiglio federale. Ecco cosa ne pensa il politologo Nenad Stojanovic
SVIZZERA
2 ore
Uccise il fidanzato "Godzilla", condanna confermata
Inizialmente la donna, che invocava la legittima difesa, era stata assolta. Ma aveva sparato due colpi anche quando lui era a terra inerme
ZURIGO
3 ore
Alle porte il Black Friday, fra successo e qualche critica
In controtendenza è stato ideato il Fair Friday, un modo di fare acquisti più ragionato
SVIZZERA
3 ore
Il divieto di viaggio per i migranti non fa l'unanimità
La procedura di consultazione termina oggi, ma il disegno di legge divide i partiti: per l'UDC non è abbastanza rigido, mentre per socialisti e Verdi lo è troppo
BERNA
3 ore
Gli assegni ai figli versati nell'Ue vanno adeguati al potere d'acquisto
Accolta un'iniziativa parlamentare in tal senso di Verena Herzog (UDC)
LUCERNA
4 ore
Condannato il cavallerizzo picchiatore
Paul Estermann aveva ripetutamente maltrattato due suoi cavalli con una frusta tra il 2014 e il 2017. Multa e pene pecuniarie sospese per lui
SVIZZERA
4 ore
Disoccupati over 60, la prestazione transitoria piace
La novità è pensata per le persone che perdono il lavoro poco prima della pensione (licenziamento a partire dai 58 anni)
APPENZELLO INTERNO
4 ore
Il lupo colpisce anche ad Appenzello
Un pascolo è stato attaccato dal predatore: due pecore sono state sbranate. Altri animali sono stati feriti o risultano dispersi
BERNA
4 ore
Tiger richiama un portacandele a forma di coccodrillo
Sussiste un pericolo di incendio e ustioni
SVIZZERA
5 ore
Roche, si allungano (ancora) i tempi d'acquisto di Spark
Oggi il gruppo farmaceutico basilese ha annunciato una nuova proroga dell'offerta pubblica per dare tempo di esprimersi alle autorità britanniche e statunitensi che si occupano della concorrenza
ZURIGO
6 ore
3,5 milioni di persone ripongono fiducia nella Rega
Quale ringraziamento indirizzato a tutti i sostenitori, la Rega ha invitato la sua 3,5 milionesima sostenitrice a dare uno sguardo dietro le quinte della Guardia aerea svizzera di soccorso
SVIZZERA
6 ore
Mela indigesta: gli iPhone non piacciono più agli svizzeri
La percentuale di chi utilizza uno smartphone della Apple è in continuo calo
SVIZZERA
14.09.2018 - 14:080
Aggiornamento : 15:21

Sanità, il piano di Berset per contenere i costi

L'obiettivo è ridurre i costi della salute sul lungo periodo di centinaia di milioni di franchi

BERNA - I fornitori di prestazioni sanitarie potrebbero essere obbligati in futuro ad inviare agli assicurati una copia di ogni fattura per favorirne il controllo, mentre gli assicuratori, onde evitare un eccesso di offerta, dovrebbero poter ricorrere a livello cantonale contro le decisioni delle autorità in materia di elenchi ospedalieri, case per partorienti e case di cura.

Questi due provvedimenti fanno parte di un pacchetto - il primo - adottato oggi dal Consiglio federale e inviato in consultazione fino al 14 di dicembre.

Lo scopo di questo esercizio, ha affermato oggi davanti ai media il consigliere federale Alain Berset, è ridurre sul lungo periodo la progressione dei costi della salute di centinaia di milioni di franchi.

Generici, verso un prezzo di riferimento

Tra i provvedimenti in grado di far rallentare i costi, il responsabile del Dipartimento federale dell'Interno (DFI) ha citato il costo dei farmaci, e in particolare dei generici, il cui prezzo è fino a due volte superiore in Svizzera rispetto all'estero.

Da qui la proposta di introdurre un sistema di prezzi di riferimento per i medicinali con brevetto scaduto. Per i medicamenti aventi il medesimo principio attivo verrà quindi fissato un prezzo massimo, ossia un prezzo di riferimento. Ciò dovrebbe permettere alle casse malattia di pagare unicamente il prezzo di riferimento, ha spiegato il presidente della Confederazione.

Berset, pur non potendo fornire cifre sulle potenziali economie, ha sostenuto che in questo campo vi è un forte potenziale di risparmio, come accaduto con i farmaci originali. «Le misure adottate a tale riguardo negli anni scorsi ci permettono di risparmiare quasi un miliardo di franchi l'anno», ha sottolineato il friburghese.

Tra le altre misure evocate dal ministro della sanità, figura anche la riduzione della quota parte per le farmacie e per gli ospedali che dispensano farmaci.

Progetti pilota per contenere costi

Un altro provvedimento giudicato promettente concerne un adeguamento della legge legge federale sull'assicurazione malattie volto a consentire lo svolgimento di progetti pilota innovativi in materia di contenimento dei costi.

Si potrebbe trattare, per esempio, di progetti che mirano a un finanziamento uniforme delle prestazioni stazionarie e ambulatoriali o di sperimentazioni nel settore delle cure integrate, ha spiegato Berset, specificando però che si terrà sempre conto dei diritti degli assicurati.

Tariffe, verso istituto nazionale

Berset ha poi annunciato misure a livello di tariffe. Per impedire stalli nei negoziati sulle tariffe, come nel caso del TARMED, il consigliere federale propone l'istituzione di un organismo nazionale che promuova prezzi forfettari a livello elvetico per migliorare l'efficienza nel settore ambulatoriale, come già avviene per il settore stazionario.

Affinché l'aumento dei costi sia contenuto entro un livello giustificabile sotto il profilo medico, i fornitori di prestazioni e gli assicuratori saranno tenuti a prevedere, in convenzioni tariffali valevoli per tutta la Svizzera, misure volte a correggere un aumento ingiustificato del volume delle prestazioni e dei costi. Tale organismo, secondo Berset, dovrebbe coinvolgere maggiormente gli attori del sistema sanitario.

Tra gli altri provvedimenti proposti dal DFI e accolti dal Governo figura anche l'obbligo per tutti i partner tariffali di trasmettere i loro dati al Consiglio federale affinché quest'ultimo possa approvare le strutture tariffali presentategli, adeguare quelle esistenti o fissarne per tutti i fornitori di prestazioni di un unico settore.

A tale riguardo, Berset ha sottolineato che sovente mancano all'amministrazione le informazioni necessarie per decidere con cognizione di causa. Queste misure dovrebbero portare ad un aumento della trasparenza a livello di costi, ha sottolineato

Il 28 marzo scorso il Consiglio federale ha approvato un programma di contenimento dei costi basato su un rapporto di esperti volto a sgravare l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. A tal scopo ha incaricato il DFI di verificare le nuove misure e di applicarle nel quadro di due pacchetti distinti, il primo entro l'autunno del 2018 e il secondo entro la fine del 2019.

Nel presentare oggi il primo pacchetto di misure, Berset ha fatto più volte riferimento al rapporto del gruppo di esperti, composto anche da specialisti stranieri. Non tutte le misure proposte nel primo pacchetto, ha ammesso, verranno accolte a braccia aperte. A seconda delle risposte ricevute in consultazione, non è improbabile che alcuni provvedimenti verranno attuati prioritariamente.

Commenti
 
siska 1 anno fa su tio
Cominci lei a dare l'esempio cercando di contener(SI) la sua entrata poi si potrebbe aggiustare...il tutto???
negang 1 anno fa su tio
Cassa malati di base unica. Meno ospedali ma con più' competenze ed albo pubblico dei medici in modo che si sappia la percentuale di successi rispetto agli interventi fatti. Andare in ospedale non significa andare in vacanza in una bella struttura. Questa può' essere bella ma mal tenuta o con scarse conoscenze igeniche di base e diventare quindi molto pericolosa per i degenti. Io preferirei essere con dei bravi medici piuttosto che in una bella struttura da dove pero' esci malconcio peggio di quando sei entrato . Il Ticino poi mi sembra molto carente sotto questo aspetto. Per le cose di base ok .. appena appena si va sul difficile ti spediscono a ZH o BE.
leopoldo 1 anno fa su tio
cosa buona e giusta sarebbe di eliminare tutti coloro che ci mangiano sopra
leopoldo 1 anno fa su tio
cosa buone e giusta sarebbe di finirla di mangiarci sopra per mantenere certi fuchi della societa
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 15:03:59 | 91.208.130.85