ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Un nuovo milionario grazie al Joker
La schedina è stata validata nel Vallese
ZURIGO
11 ore
Presta la bicicletta alla polizia, ma era rubata
Le forze dell’ordine hanno cercato l’autore del cortese gesto su Twitter, ma nessuno si è fatto avanti
ZURIGO
13 ore
Immersione fatale, i sommozzatori recuperano un corpo nel lago
L'uomo era scomparso da mercoledì dopo un'immersione nei pressi di Horgen
ARGOVIA
15 ore
Otto incendi dolosi in pochi mesi, fermate dieci persone
L'ultimo la scorsa notte in una casa unifamiliare. A Merenschwand è mistero
GINEVRA
16 ore
Vicenda Khrapunov, arriva la richiesta di risarcimento
La famiglia vuole ottenere l'indennizzo delle spese legali e lo status di rifugiati politici
SVIZZERA
16 ore
È morto Werner Latscha, fu direttore delle Ffs
Aveva contribuito fondamentalmente al dibattito sul potenziamento della ferrovia e sull'introduzione dell'abbonamento metà prezzo
ARGOVIA
18 ore
Céline si è suicidata, i genitori portano il cyberbullismo in aula
Le possibilità che la sentenza venga rivista sono scarse. Ma è importante per la famiglia della 13enne riportare il caso in tribunale
SVIZZERA
19 ore
«Otto anni bastano per un consigliere federale»
Il presidente del PPD Gerhard Pfister propone una limitazione del mandato dei membri del governo
BERNA
20 ore
Una misteriosa ereditiera ricercata in Svizzera
Un ricco austriaco è deceduto un anno fa a Vienna lasciando un enorme patrimonio alla propria figlia illegittima che dovrebbe vivere nel canton Berna
BERNA
1 gior
Un furgone blindato assaltato anche a Berna: «Bottino da 4.5 milioni»
Il furto è avvenuto nel mese di luglio, ma è stato divulgato solo adesso. Il Tribunale Federale ha risposto picche alla richiesta di scarcerazione dell'autista, arrestato per complicità nel colpo
SVIZZERA
14.06.2016 - 09:560
Aggiornamento : 10:25

«Troppe restrizioni alle pubblicità sul tabacco»

Il Consiglio degli Stati ha deciso di rinviare al governo il disegno di legge proposto con 28 voti a 15

BERNA - Al Consiglio degli Stati non piacciono le restrizioni alla pubblicità per il tabacco proposte dal Consiglio federale. Con 28 voti a 15 ha deciso di rinviare al governo il disegno di legge governativo che le propone. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Il progetto di nuova Legge sui prodotti del tabacco (LPTab), approvato dal Consiglio federale lo scorso novembre, era già stato aspramente contestato nella consultazione che ha preceduto il messaggio alle Camere: ambienti sanitari, in particolare la Lega contro il cancro e la Lega polmonare, lo hanno giudicato troppo timoroso, l'industria invece troppo invasivo.

Alla Camera dei cantoni hanno prevalso gli argomenti di quest'ultima. La maggioranza ritiene "eccessive le limitazioni proposte in materia di pubblicità, sponsorizzazione e promozione delle vendite". A suo avviso, esse sono una ingerenza inaccettabile nella libertà di mercato e nulla prova "che i divieti generali di pubblicità comportino una riduzione del fumo", ha sostenuto Josef Dittli (PLR/UR) a nome della commissione.

La maggioranza giudica inoltre che la legge dia troppe competenze al Consiglio federale, "con conseguenze negative ai fini della certezza del diritto". I Cantoni, inoltre, possono continuare a emanare norme più severe della Confederazione, ha fatto notare Dittli.

La sinistra ha tentato invano di convincere i colleghi a bocciare il rinvio. "La proposta del Consiglio federale è già la legislazione più liberale d'Europa", ha sostenuto Hans Stöckli (PS/BE) invitando i colleghi a non edulcorarla maggiormente.

Il progetto governativo - che mira a vietare la pubblicità per i prodotti del tabacco sui cartelloni posti negli spazi pubblici, nei cinema, sulla carta stampata e nei media elettronici - è necessario: "studi scientifici dimostrano il legame tra pubblicità e consumo di tabacco", ha ricordato Stöckli.

È importante eliminare la pubblicità destinata ai giovani: la maggioranza dei fumatori inizia prima di avere 18 anni, l'80% prima dei 20. A tal proposito, il consigliere federale Alain Berset ha esibito un raccoglitore pieno di réclames apparse sui giornali gratuiti nelle ultime settimane. "Questo sono pubblicate nelle pagine 'People', che piacciono ai giovani, e non in quelle di politica svizzera", ha aggiunto il ministro della sanità.

La Camera ha invece approvato l'autorizzazione del commercio di sigarette elettroniche con nicotina, attualmente vietato. La maggioranza ha però giudicato "incomprensibile" che queste sigarette siano assoggettate alle stesse severe norme che valgono "per le più dannose sigarette tradizionali".

Altri punti della LPTab non sono invece stati contestati: il divieto di consegnare campioni gratuiti, i provvedimenti proposti a tutela dei bambini e dei giovani (ossia il divieto in tutta la Svizzera di vendere a minori di 18 anni prodotti del tabacco) e l'istituzione di una base legale per i test d'acquisto.

 

Commenti
 
Arpac 3 anni fa su tio
Modello scandinavo. Al posto di continuare a creare tasse e tassette ad Hoc mascherate da intenti filobuonisti. Interveniamo sui generatori dei costi per la salute di tutta la collettività. Fumo ed alcol in primis. Con quei soldi avremmo un sistema sanitario ancor più efficente e potraemmo ANCHE sviluppare i trasporti pubblici. Tormentone 2015/2016.
MIM 3 anni fa su tio
@Arpac Guarda che miliardi di franchi pagati con le tasse sui tabacchi finiscono proprio dove dici tu. Se li buttassimo nella CM, ti dimezzerebbero il premio come minimo.
Arpac 3 anni fa su tio
@MIM Com'era già..? Ah si.. Non é abbastanza! possiamo fare di più!
Shion 3 anni fa su tio
Piantatela di sottovalutare questa piaga che è il tabagismo! E ormai si sa che avete bisogno di plebe dall'intelletto oscurato controllata dalle dipendenze.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 04:56:22 | 91.208.130.89