ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
20 min
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
ZURIGO
1 ora
Presto degli alloggi per anziani LGBT
Dovrebbero sorgere entro il 2025. Saranno una prima in Svizzera.
SVIZZERA
2 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
2 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
2 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
3 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
OBVALDO
18 ore
Tamponamento sull'A8, otto feriti
A essere coinvolti nell'incidente sono stati tre adulti e cinque bambine. Tutti hanno riportato ferite lievi.
CAPO VERDE
18 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
19 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
20 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
14.06.2016 - 09:560
Aggiornamento : 10:25

«Troppe restrizioni alle pubblicità sul tabacco»

Il Consiglio degli Stati ha deciso di rinviare al governo il disegno di legge proposto con 28 voti a 15

BERNA - Al Consiglio degli Stati non piacciono le restrizioni alla pubblicità per il tabacco proposte dal Consiglio federale. Con 28 voti a 15 ha deciso di rinviare al governo il disegno di legge governativo che le propone. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Il progetto di nuova Legge sui prodotti del tabacco (LPTab), approvato dal Consiglio federale lo scorso novembre, era già stato aspramente contestato nella consultazione che ha preceduto il messaggio alle Camere: ambienti sanitari, in particolare la Lega contro il cancro e la Lega polmonare, lo hanno giudicato troppo timoroso, l'industria invece troppo invasivo.

Alla Camera dei cantoni hanno prevalso gli argomenti di quest'ultima. La maggioranza ritiene "eccessive le limitazioni proposte in materia di pubblicità, sponsorizzazione e promozione delle vendite". A suo avviso, esse sono una ingerenza inaccettabile nella libertà di mercato e nulla prova "che i divieti generali di pubblicità comportino una riduzione del fumo", ha sostenuto Josef Dittli (PLR/UR) a nome della commissione.

La maggioranza giudica inoltre che la legge dia troppe competenze al Consiglio federale, "con conseguenze negative ai fini della certezza del diritto". I Cantoni, inoltre, possono continuare a emanare norme più severe della Confederazione, ha fatto notare Dittli.

La sinistra ha tentato invano di convincere i colleghi a bocciare il rinvio. "La proposta del Consiglio federale è già la legislazione più liberale d'Europa", ha sostenuto Hans Stöckli (PS/BE) invitando i colleghi a non edulcorarla maggiormente.

Il progetto governativo - che mira a vietare la pubblicità per i prodotti del tabacco sui cartelloni posti negli spazi pubblici, nei cinema, sulla carta stampata e nei media elettronici - è necessario: "studi scientifici dimostrano il legame tra pubblicità e consumo di tabacco", ha ricordato Stöckli.

È importante eliminare la pubblicità destinata ai giovani: la maggioranza dei fumatori inizia prima di avere 18 anni, l'80% prima dei 20. A tal proposito, il consigliere federale Alain Berset ha esibito un raccoglitore pieno di réclames apparse sui giornali gratuiti nelle ultime settimane. "Questo sono pubblicate nelle pagine 'People', che piacciono ai giovani, e non in quelle di politica svizzera", ha aggiunto il ministro della sanità.

La Camera ha invece approvato l'autorizzazione del commercio di sigarette elettroniche con nicotina, attualmente vietato. La maggioranza ha però giudicato "incomprensibile" che queste sigarette siano assoggettate alle stesse severe norme che valgono "per le più dannose sigarette tradizionali".

Altri punti della LPTab non sono invece stati contestati: il divieto di consegnare campioni gratuiti, i provvedimenti proposti a tutela dei bambini e dei giovani (ossia il divieto in tutta la Svizzera di vendere a minori di 18 anni prodotti del tabacco) e l'istituzione di una base legale per i test d'acquisto.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Arpac 4 anni fa su tio
Modello scandinavo. Al posto di continuare a creare tasse e tassette ad Hoc mascherate da intenti filobuonisti. Interveniamo sui generatori dei costi per la salute di tutta la collettività. Fumo ed alcol in primis. Con quei soldi avremmo un sistema sanitario ancor più efficente e potraemmo ANCHE sviluppare i trasporti pubblici. Tormentone 2015/2016.
MIM 4 anni fa su tio
@Arpac Guarda che miliardi di franchi pagati con le tasse sui tabacchi finiscono proprio dove dici tu. Se li buttassimo nella CM, ti dimezzerebbero il premio come minimo.
Arpac 4 anni fa su tio
@MIM Com'era già..? Ah si.. Non é abbastanza! possiamo fare di più!
Shion 4 anni fa su tio
Piantatela di sottovalutare questa piaga che è il tabagismo! E ormai si sa che avete bisogno di plebe dall'intelletto oscurato controllata dalle dipendenze.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 12:50:51 | 91.208.130.86