Fotolia
VAUD
25.05.2018 - 18:000

Atti sessuali con un bambino: cinque anni a una tata

È stato il piccolo a raccontare quanto gli è accaduto. I fatti si sono ripetuti per quasi tre anni e più volte alla settimana

LOSANNA - Una babysitter è stata condannata oggi a cinque anni di reclusione per atti sessuali con un bambino e atti sessuali con persona incapace di discernimento o inette a resistere. Il Ministero pubblico, che aveva chiesto dieci anni, farà ricorso.

La colpevolezza della donna di 37 anni è stata definita "pesante" dai giudici, secondo cui la responsabilità penale dell'imputata è totale. La tata dovrà anche sottoporsi ad una cura psicoterapeutica ambulatoriale. Il rischio di recidiva è stato definito "medio".

Per quasi tre anni e più volte alla settimana, la babysitter ha sottoposto ad atti sessuali il bambino di cui si occupava, costringendolo persino a penetrarla. Gli abusi sono incominciati quando il ragazzino aveva da 4 a 5 anni.

Il tribunale ha invece scartato, per mancanza di sufficienti prove, l'accusa relativa ad atti analoghi che la donna avrebbe commesso con un altro bambino. A causa della gravità degli abusi, la donna di origine brasiliana è stata arrestata immediatamente a conclusione del processo.

La vicenda era venuta a galla nel 2016, quando il bambino aveva indicato, durante un corso di educazione sessuale, di essere stato aggredito sessualmente dalla donna che si occupava di lui.
 
 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 21:54:40 | 91.208.130.85