tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GLARONA
6 ore
In 54 sul pullman e il conducente ha il 3 per mille
Un vero e proprio incubo quello vissuto da una comitiva di turisti cinesi, domani processeranno il conducente (ma lui non ci sarà)
VAUD
6 ore
Uccise la moglie con l'aiuto della figlia: condanne confermate
Nuovamente riconosciuti colpevoli di assassinio un 81enne e una 41enne vodesi. Il padre: «Avete commesso un vergognoso errore giudiziario»
BERNA
7 ore
Parla il nuovo Mister FFS: «Il Ticino vittima del suo successo»
Vincent Ducrot, nuovo CEO delle FFS: «Sono un ferroviere, ascolterò i desideri dei dipendenti». Guadagnerà il 20% in meno del suo predecessore: «Non fa niente». E sul Ticino: «Treni pieni? Parliamone»
VIDEO
SVEZIA / SVIZZERA
7 ore
Consegnato il Premio Nobel agli astrofisici svizzeri Michel Mayor e Didier Queloz
Per l'occasione era presente Guy Parmelin, il consigliere federale responsabile per educazione e ricerca
VALLESE
8 ore
Due anni di prigione per Yves Allegro
L'ex tennista svizzero è stato condannato (con la condizionale) per coazione sessuale. I suoi avvocati hanno già annunciato il ricorso
FOTO
SAN GALLO
8 ore
Due feriti a causa di un incendio
I danni sono stimati in oltre centomila franchi
SVIZZERA
8 ore
Radio SRF: in settanta traslocano da Berna a Zurigo
Gli spazi lasciati liberi nella capitale federale verranno occupati da SWI swissinfo.ch e dal servizio estero della SRG SSR
SVIZZERA
9 ore
Il PS sostiene Rytz al posto di Cassis
PLR e UDC non hanno più la maggioranza in Parlamento, secondo il capogruppo al Nazionale Roger Nordmann. I Verdi liberali lasceranno libertà di voto
ZURIGO
07.02.2018 - 15:490

Torna in prigione un giovane che aveva sparato a due donne

Il Tribunale federale si è opposto alla liberazione

ZURIGO - Un giovane che nel 2005 aveva sparato dalla finestra della sua camera a Rüti (ZH), ferendo due donne, dovrà tornare dietro le sbarre in attesa che sia presa una decisione sul suo eventuale internamento. In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale (TF) si oppone alla liberazione.

Il pomeriggio del 13 dicembre 2005, il giovane, allora ventenne e originario della Svizzera orientale, aveva sparato 41 colpi di fucile d'assalto contro l'edificio di fronte. Gran parte dei proiettili avevano attraversato la finestra di un ufficio in cui lavorava una donna di 45 anni, rimasta gravemente ferita al cuore e ai polmoni. Un'altra donna, di 20 anni, era stata colpita al braccio sinistro.

Nel corso del suo processo, l'imputato aveva indicato di aver agito intenzionalmente, allo scopo di finire in prigione per ricevere vitto e alloggio a buon mercato. Il ragazzo aveva anche ammesso di essere appassionato di giochi di guerra e di fumare regolarmente spinelli.

Nel 2007, il Tribunale cantonale di Zurigo lo aveva condannato a 12 anni di reclusione, ma aveva rifiutato di pronunciare l'internamento chiesto dal pubblico ministero. Un ricorso contro quest'ultima decisione era fallito presso il TF nel 2011. Da allora, il giovane è sottoposto ad un trattamento terapeutico stazionario.

Nel 2017, in previsione della liberazione del carcerato, che considera tuttora come molto pericoloso, il Ministero pubblico zurighese ha presentato una domanda volta ad ottenere il suo internamento e chiesto che l'uomo sia mantenuto in detenzione per motivi di sicurezza, ma la richiesta è stata respinta dal presidente del Tribunale cantonale.

Il Ministero pubblico si è quindi rivolto alle autorità di protezione del minore e dell'adulto, che hanno ordinato il collocamento del giovane a fini di assistenza. Per mancanza di strutture adeguate, l'uomo è rimasto in un primo tempo in prigione, prima di essere liberato l'11 gennaio scorso.

Parallelamente, il Ministero pubblico ha inoltrato ricorso presso il TF contro il rifiuto di mantenere il giovane in prigione. I giudici federali hanno ora accolto l'istanza e ordinato alla giustizia zurighese di riesaminare il caso.

La Corte federale rammenta che la perizia psichiatrica sulla quale si era basato il Tribunale cantonale nel 2007 evocava un "elevato rischio di recidiva". Le osservazioni effettuate dai professionisti durante il periodo di detenzione consentono a suo avviso di corroborare il primo giudizio.

Due perizie svolte nel 2015 e 2017 menzionano in effetti un'"accentuata predisposizione omicida", oppure un "alto potenziale di violenza". Il detenuto si è inoltre dimostrato ermetico a qualsiasi cura. In simili condizioni, il TF ha deciso di accedere alla domanda del Ministero pubblico, affinché l'uomo sia collocato immediatamente in detenzione per motivi di sicurezza.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 01:53:32 | 91.208.130.86