Foto 20Minutes / dra
+ 1
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Greta contro il WEF (su Twitter): «Non l'ho mai detto»
La giovane attivista contro il canale social ufficiale del Forum economico mondiale
GRIGIONI
8 ore
Sommaruga parla del clima, ma Trump è poco convinto
La presidente della Confederazione annuncia di voler affrontare la questione del riscaldamento globale. E l’espressione del presidente USA cambia
SVIZZERA
10 ore
«Due jumbo jet per confondere gli attentatori»
Per quale motivo il presidente americano Trump è arrivato a Zurigo con due Boeing 747-200B identici? La parola all’esperto di aviazione
GRIGIONI
10 ore
Trump: «Abbiamo fiducia al 100% nella Svizzera»
L'odierno incontro tra il presidente USA e la delegazione elvetica è durato una cinquantina di minuti. Sommaruga: «Abbiamo avuto una discussione molto aperta»
BERNA
11 ore
Investe due persone, ma non si ferma
L'incidente si è verificato oggi a Kiesen. Un ferito è stato portato in ospedale. La polizia cerca testimoni
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
VAUD
13 ore
Auto esce di strada e prende fuoco, morto un 21enne
Il giovane stava viaggiando sulla strada cantonale fra La Coudre VD e L'Isle, quando per ragioni non ancora note ha perso il controllo del veicolo
SVIZZERA
13 ore
Accordo di libero scambio per Trump, clima per Sommaruga
La presidente della Confederazione ha detto di voler discutere non solo di economia, ma anche di clima e buoni uffici
SVIZZERA
14 ore
Eccesso di velocità in servizio: «I poliziotti non vanno puniti»
La Commissione dei Trasporti del Consiglio Nazionale ha approvato un'iniziativa parlamentare di Christian Lüscher che chiedeva una valutazione diversa in situazioni d'emergenza
BERNA
14 ore
Il sole di gennaio sconfigge la nebbia
Questo mese è già entrato nella storia del canton Berna: è stato il più soleggiato dall'inizio delle misurazioni, nel 1886
SVIZZERA
02.05.2015 - 09:340
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Danni, strade chiuse e persone sgomberate a causa del maltempo

A Ginevra preoccupa il livello dell'Arve, alcuni ponti sono stati chiusi

GINEVRA - Il maltempo che nelle ultime ore ha investito la Svizzera ha provocato disagi soprattutto nel Basso Vallese. Particolarmente colpite le regioni di St-Gingolph, dove i danni sono ingenti, e di Monthey, dove per la notte sono state sfollate centinaia di persone. Altrove in Svizzera non si contano le cantine allagate e le strade invase dalle acque. Le forti precipitazioni non hanno causato feriti.

St-Gingolph, località sul Lemano a cavallo della frontiera franco-vallesana, ha particolarmente sofferto dell'episodio di maltempo: il torrente Morge, che segna il confine di Stato, la scorsa notte è straripato invadendo le strade, riempiendole di detriti. Quindici persone sono state allontanate dalle loro abitazioni, ha indicato all'ats il sindaco del comune svizzero Bertrand Duchoud, precisando che le case evacuate sono situate sulle due sponde del fiume. Le persone sfollate sono state ospitate da parenti.

Due ristoranti siti in riva al lago sono stati distrutti dalla forza degli elementi. Altri edifici sono stati danneggiati. L'esondazione della Morge ha provocato danni più ingenti sul versante svizzero. Per ora è però difficile valutarne l'entità.

Complessivamente sul posto sono intervenuti una cinquantina di pompieri, sia svizzeri che francesi, che si servono anche di ruspe. L'obiettivo è di abbassare il più possibile il letto del fiume per prevenire nuovi straripamenti. Questa sera sono infatti previste nuove precipitazioni.

A Monthey e nella vicina località di Troistorrents ieri sera circa 320 persone sono state fatte allontanare dalle loro case minacciate dal rischio di esondazione del torrente Vièze. Hanno potuto far ritorno a casa stamani. Vi è un elevato rischio di smottamento di terreno tra Troistorrents e Val-d'Illiez (VS), ha inoltre indicato lo stato maggiore in caso di catastrofe della regione.

Le inondazioni hanno pure perturbato il traffico stradale e ferroviario della regione. I treni tra Briga (VS) e St-Gingolph sono stati soppressi tra Monthey e Massongex (VS) fino a stamani.

A Ginevra la portata del fiume Arve questa mattina ha raggiunto 901 metri cubi al secondo (contro i 77 della "norma"), un flusso mai più registrato dal 1935, ha riferito François Pasquini, direttore del Servizio cantonale ginevrino dell'ecologia e dell'acqua. In alcuni punti il fiume è straripato. I pompieri sono intervenuti con 50 militi. Vari ponti sono stati chiusi alla circolazione.

Nella Svizzera tedesca le cantine e i garage allagati si contano a decine, se non a centinaia. Vari tratti stradali sono stati chiusi al traffico per breve tempo per lo straripamento di ruscelli e torrenti. I problemi maggiori sono stati registrati sul versante meridionale della catena del Giura, come nel Seeland, nell'Oberaargau e nel Giura bernesi, dove si sono registrati vari smottamenti e cadute di massi, o nella parte occidentale del canton Soletta.

Il maltempo ha avuto ripercussioni anche sul traffico fluviale sul Reno, che è stato interrotto tra Rheinfelden (AG) e la chiusa di Kembs (F) perché la portata del fiume è eccessiva. Il livello della Limmat si è alzato tanto da impedire ad alcuni battelli di circolare sotto i ponti della città di Zurigo.

In poco più di 24 ore in varie regioni della Svizzera sono caduti più di 100 litri di pioggia al metro quadrato. Il primato di questo episodio di maltempo spetta alla Dôle, montagna del Giura vodese, con 130 litri, ha indicato il servizio meteorologico Meteonews. Molta acqua anche a Grenchen (SO, 110 litri), alla Neuveville (BE, 109 litri) e a Bienne (BE, 101 litri).

Foto 20Minutes / dra
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 07:24:24 | 91.208.130.89