Cerca e trova immobili

ZURIGOQuesto verme mette in pericolo la produzione di frutta svizzera

23.03.22 - 23:00
Arriva dal Sud America e si sta diffondendo rapidamente in Europa.
tipress
Fonte 20 Minuten/Seline Bietenhard
Questo verme mette in pericolo la produzione di frutta svizzera
Arriva dal Sud America e si sta diffondendo rapidamente in Europa.
Non ha nemici naturali e mangia lombrichi. Se non viene fermato rischia di mettere in pericolo intere colture

ZURIGO - Non appena lo tagli, entrambe le parti sopravvivono indipendentemente l'una dall'altra. Solo l'acqua saponosa, la completa distruzione o il fuoco possono ucciderlo. Si chiama Obama nungara, è originario del Sud America ed è lungo fino a sette centimetri. È una specie altamente invasiva e costituisce una seria minaccia per la biodiversità. In Francia, già due anni fa, è stato dato l'allarme dopo che ha infestato giardini e vivai in 72 dipartimenti del Paese. E si moltiplica a un ritmo vertiginoso: mille al giorno per ettaro. Esemplari ne sono già stati trovati anche in Svizzera (da due anni), in Italia, Inghilterra, Spagna, Portogallo e Belgio.

Produzione di frutta a rischio - Il problema principale di questo verme piatto è la sua alimentazione. È un predatore di lombrichi, la cui esistenza «è essenziale per la salute del terreno e quindi per l'agricoltura», spiega Marcel Liner, responsabile della politica agricola e della protezione delle Alpi di Pro Natura.

«Sono i "dipendenti" più importanti di ogni attività agricola, orticola e forestale, indispensabili per mantenere un suolo sano e fertile». È quindi molto importante prendersi cura del lombrico. «Una diffusione su larga scala del verme piatto deve essere prevenuta a tutti i costi», afferma Liner.

I lombrichi sono anche essenziali per la frutticoltura. «Come molti altri piccoli organismi, hanno un ruolo essenziale per la fertilità del suolo», afferma Beatrice Rüttimann, portavoce dell'associazione Swissfruit. Se questi mancassero, la crescita sana delle piante sarebbe compromessa. «Ed è possibile che venga messa a rischio anche la raccolta della frutta».

Estremamente resistente - Questo verme piatto è particolarmente pericoloso perché qui non ha nemici naturali. «Se trovati, devono quindi essere distrutti immediatamente per evitare che si diffondano e finiscano in altri giardini», sottolinea Isabelle Rüegg, portavoce del Dipartimento delle costruzioni del Canton Zurigo. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, l'acqua saponata o calda è il modo più efficace per combattere un'infestazione. «Misure chimiche come i pesticidi non sono disponibili o non sono approvate o hanno troppi effetti collaterali». Tagliare uno di questi vermi non lo uccide, anzi... Se ne fanno nascere due.

«È assolutamente necessario sensibilizzare l'opinione pubblica», afferma Liner di Pro Natura. Come difendersi? «Evitando l'acquisto di piante da vaso e da giardino straniere. Selezionare specie autoctone, infatti, impedisce l'introduzione di organismi indesiderati e promuove posti di lavoro Svizzera», conclude.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE