Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 min
I militari torneranno a Davos
Confermato l'impiego dell'esercito per il Wef, fino al 2024
SVIZZERA
31 min
Alzheimer, nel 2050 il doppio dei malati
All'orizzonte 2050 si prevede che 315mila persone saranno affette da demenza.
SVIZZERA
1 ora
«Visioni divergenti», Thomas Heiniger lascia la presidenza della Croce Rossa
Il suo successore sarà eletto nel giugno dell'anno prossimo.
SVIZZERA
1 ora
Turismo degli acquisti presto più caro?
Chi si reca oltre confine dovrebbe pagare l'IVA a partire dai 50 franchi di acquisti al posto degli attuali 300.
SAN GALLO
2 ore
Scontro auto-monopattino, in ospedale un bambino di 8 anni
Il piccolo ha sterzato in strada dal marciapiede, collidendo con un veicolo che viaggiava nella stessa direzione.
SVIZZERA
3 ore
Su questo treno si sale solo con certificato Covid
Sul treno panoramico Glacier Express si viaggia solo se in possesso di un Covid-pass. Ma si può stare senza mascherina.
SVIZZERA
5 ore
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
11 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
12 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
13 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
15 ore
I camerieri possono essere obbligati a presentare il certificato Covid
La misura deve essere proporzionata e valutata caso per caso
ZURIGO
17 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
18 ore
Caso FIFA: l'immunità di Stefan Keller non sarà tolta
Il presidente del tribunale cantonale di Obvaldo, era incaricato di indagare sugli incontri segreti tra Michael Lauber.
BERNA
19 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
20 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
21 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
21 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
SVIZZERA
14.09.2021 - 14:170
Aggiornamento : 15:18

Covid-vaccino da ora consigliato anche per le future neomamme

La raccomandazione dell'UFSP si riferisce a chi ha già raggiunto la dodicesima settimana di gravidanza.

Gli ultimi studi hanno rilevato che le donne in gestazione hanno un rischio maggiore di incorrere in un decorso severo della malattia, spiegano gli esperti della taskforce scientifica.

BERNA - Ha luogo oggi una nuova conferenza stampa a tema Covid-19 degli esperti della taskforce scientifica. La situazione epidemiologica sembra essere migliorata nelle ultime due settimane, ritrovando una certa stabilità. Nelle ultime 24 ore nel nostro Paese sono stati registrati 1'992 nuovi contagi, mentre 11 persone, di cui una in Ticino, hanno perso la vita a causa delle malattia. I pazienti Covid occupano attualmente il 3,7% della capacità ospedaliera complessiva, proporzione che si eleva invece al 32,4% per quel che riguarda le unità di terapia intensiva. 

Infetti i giovani, meno ospedalizzazioni e decessi - Apre la conferenza stampa Patrick Mathys, Capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP, che conferma la relativa stabilizzazione di casi e ospedalizzazioni, anche se a livelli relativamente elevati. Le ospedalizzazioni sono in calo, probabilmente perché la maggior parte dei nuovi infetti sono di età giovane e molto giovane. Le cure intense sono comunque ancora molto sotto pressione, sottolinea: un terzo delle unità di terapia intensiva è occupato da pazienti affetti dal virus. Rispetto alle ondate precedenti i decessi rimangono a un livello relativamente basso.

Ancora troppo pochi vaccinati - Nelle ultime settimane la campagna vaccinale ha ripreso un ritmo sostenuto, tuttavia questa partecipazione sarebbe ancora troppo bassa per tenere sotto controllo la pandemia. Il rischio di una nuova importante ondata in autunno è quindi ancora molto concreto. 

Vaccino raccomandato per le donne in gestazione - L'UFSP raccomanda ora alle donne a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza di vaccinarsi. Recenti rilievi, spiega il Presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) Christoph Berger, hanno dimostrato che le donne incinte hanno un rischio maggiore, rispetto al normale cittadino, di sviluppare la malattia in maniera più grave. E questo potrebbe aumentare le probabilità di una morte in utero.

Si punta ai giovani - La Confederazione vuole ora incoraggiare la vaccinazione anche tra gli adolescenti. Patrick Mathys specifica che attualmente il 40% dei ragazzi tra i 10 e i 19 anni ha ricevuto almeno una dose del preparato di Pfizer o Moderna.

In ospedale quasi solo non vaccinati - Christoph Berger sottolinea nuovamente come il 90% delle persone attualmente ospedalizzate in terapia intensiva non siano vaccinate. È vero, viene specificato, è possibile infettarsi anche da vaccinati, ma questo non è un motivo per non farlo. I vaccinati hanno meno probabilità di ammalarsi, così come di trasmettere la malattia. 

Una terza dose? - Per quel che riguarda invece un'eventuale terza dose Berger sottolinea che attualmente non si vede la necessità di vaccinazioni di richiamo per la popolazione generale, ma più che altro per gli immunosoppressi. Swissmedic continua però a sondare la situazione, e il nostro Paese ha a disposizione sufficienti dosi per consentire una campagna di vaccinazione di richiamo a vasto raggio. 

A scuola - Rudolf Hauri, Presidente dell'Associazione svizzera dei medici cantonali, prende parola sottolineando la situazione precaria delle terapie intensiva. La tracciabilità dei contatti, aggiunge, è inoltre attualmente al limite. Hauri loda l'utilizzo dei test a tappeto ripetuti nelle scuole. Questo strumento permetterebbe infatti di frenare il virus ed evitare quarantene di massa.

È il momento delle domande dei media

Il governo federale ha comprato i vaccini Johnson&Johnson?
Christoph Berger spiega che il governo federale è attualmente in trattative con Johnson & Johnson per l'acquisto di una piccola quantità di dosi del preparato. Quest'ultime sarebbero destinate a persone che non possono essere vaccinate con i vaccini mRNA, per esempio con allergie.

Perché la raccomandazione per le donne incinte arrivano solo ora?
Finora non erano disponibili dati sufficienti, sottolinea nuovamente Berger. Le cose sono nel frattempo cambiate.

Chi riceverà la terza dose?
Christoph Berger spiega che per ora la terza dose è destinata solo alle persone con una protezione immunitaria limitata. Si tratta di una categoria relativamente di nicchia. 

Come mai si consiglia il vaccino solo a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza?
Lo sviluppo di un bambino durante queste prime settimane, spiega Berger, avviene senza che una possibile infezione da Covid possa influire. Il primo trimestre è inoltre un periodo delicato, durante il quale il rischio di abortire per una donna è alto, e si vuole evitare coincidenze che possano indurre a tracciare una relazione causale. Le donne nella prima fase di gravidanza che lo desiderano possono comunque vaccinarsi.

Si sta pensando alla possibilità di somministrare una terza dose, oltre che agli immunosoppressi, anche a chi lo desidera?
La strategia attuale è far sì che il maggior numero possibile di persone venga vaccinato. Bisogna inoltre tenere conto del fatto che ci sono molti Paesi al mondo che dispongono di troppe poche dosi. 

Tra gli effetti collaterali del vaccino di Pfizer ci sono problematiche cardiache?
Nei giovani fino ai 30 anni, spiega Berger, questo vaccino può effettivamente causare un'infiammazione del miocardio, la componente muscolare del cuore. Tuttavia, il decorso della malattia è generalmente lieve. Inoltre, il rischio di malattia dopo un'infezione da Covid è più alto che dopo la vaccinazione.

Presenti alla conferenza stampa:

Patrick Mathys, Capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP

Mike Schüpbach, vicedirettore della sezione ambito giuridico 2 dell'UFSP

Christoph Berger, Presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV)

Rudolf Hauri, Medico cantonale di Zugo, Presidente dell'Associazione svizzera dei medici cantonali

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 11:40:14 | 91.208.130.85