Keystone
SVIZZERA
12.08.2021 - 20:440
Aggiornamento : 13.08.2021 - 00:16

In centinaia in marcia contro le misure anti-Covid

Però, una contro-manifestazione non si è fatta attendere

La polizia ha tenuto d'occhio la situazione, che non è mai degenerata

BERNA - La conferenza stampa di mercoledì del Consiglio federale non è piaciuta a tutti, e l'associazione Mass-Voll ha quindi indetto una manifestazione a Berna.

Al grido di «Siamo stufi!» e «Tutti a Berna», il gruppo ha così organizzato un corteo a partire dalle 19, per contestare le decisioni delle autorità.

«Ci aspettavamo che il Consiglio federale abolisse tutte le misure anti-Covid», ha raccontato Nicolas A. Rimoldi, co-presidente di Mass-Voll, al quotidiano 20 Minuten. «A maggio ci aveva promesso che tutte le misure sarebbero state abbandonate non appena fosse iniziata la fase di normalizzazione» ha poi aggiunto.

Secondo Rimoldi, è inoltre «preoccupante» l'estensione dell'obbligo del certificato Covid nei Paesi vicini. Secondo lui, «è solo questione di tempo prima che si possa andare al ristorante, all'università o nei trasporti pubblici in Svizzera solo se vaccinati, e noi vogliamo impedirlo».

In serata, comunque, si è raccolta anche una contro-manifestazione di persone che si schierano apertamente contro coloro che si lamentano delle scelte legate al Covid del Consiglio federale. Tra i cori, spicca il canto «siamo tutti antifascisti».

La polizia, allertata dal possibile conflitto, ha separato i due gruppi, mantenendo la situazione sotto controllo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 3 mesi fa su tio
Fossi nella Polizia li vaccinerei con la cerbottana come quando addormentano un elefante -;)))))
Tato50 3 mesi fa su tio
Sono i "pagherò" ;-))
don lurio 3 mesi fa su tio
Con tutti i vaccini che sono stati fatti negli sono andati a Buon Fine. Ora i NOMASK ,e queli contrari al vaccino non si fidano dai nostri professori , medici ecc... Se uno di essi si reca da Medico o magari Vanno In america a farsi farsi visitare e gli dicono di fare una colonscopia in quanto é grave o qualque cosa altro ?? speriamo che non si fidano anche in questi casi. Giusto far pagare i Tamponi e Vaccini a questa gente e se sono seri in caso di malattia lo diono così non vengono curati.
cle72 3 mesi fa su tio
L'unica cosa certa che non c'è nessuna differenza se sei vaccinato o no, si è entrambi a rischio di contrarre e infettare alla stessa misura. In Svizzera non c'è mai stata la situazione degli ospedali al collasso. Queste continue false informazioni, porteranno ad una crisi finanziaria con risultati nefasti. Nel mondo è stato provato che non c'è nessuna prova che i vaccini servono, anzi è più il contrario. Sul sito della confederazione si parla di medicamento già esistente per il covid, ma stranamente non ancora omologato dalla cricca, chissà come mai? Per buttare fuori vaccini sperimentali pochi mesi, per un possibile rimedio no! Questa farsa è scandalosa!
emib53 3 mesi fa su tio
@cle72 Trovo scandaloso invece insistere con notizie false prese da chissà dove. Ma quando la smetterete di fare disinformazione? Non uno che citi fonti verificabili e attendibili. Informati anche sulle procedure per la registrazione di un farmaco nuovo che, anche se in urgenza, richiedono parecchie verifiche. Parlare di vaccini sperimentali dopo che sono stati usati su alcuni miliardi di persone con pochissimi casi gravi di effetti collaterali, spesso non collegabili con assoluta certezza al vaccino e non tenere conto del numero di morti totali è certamente non tenere conto della realtà dei fatti.
cle72 3 mesi fa su tio
@emib53 Per notizia falsa a cosa ti riferisci al mediamento già esistente? Fatti un giro sul sito della confederazione! Si o morti ci sono stati, purtroppo, ma tutte persone già con problemi preesistenti ovvero gente vulnerabile. Ma di questi quanti morti sani? Quanti morti per effetti collaterali? In meno di sei mesi hanno testato miliardi di persone prima d iniziare a vaccinare? Non mi pare proprio. Per omologare un vaccino di solito ci vogliono anni e innumerevoli test, qui non è stato fatto! Montagnier ovvero colui che aveva scoperto HIV ha assolutamente dichiarato di non vaccinare i giovani, per non rovinare le future generazioni... Non uno qualunque! Il primario in pneumologia De Donn è stato portato al suicidio se non peggio, perché ha provato che con la semplice trasfusione di plasma da persone guarite si poteva contrastare il virus, tanti suoi pazienti curati sono guariti a costo zero, in ricerche ecc ecc. Solo una questione di soldi!!!
emib53 3 mesi fa su tio
@cle72 I vaccini hanno avuto un regolare sviluppo come altri medicamenti comprese le prove di fase tre e quattro, solo le procedure di registrazione sono state accelerate per l'urgenza. Non ho detto che sono stati provati su miliardi di persone, ma usati e quindi ora c'è la certezza che sono sicuri. lasciamo stare le terapie fantasiose , stranamente mai replicate da altri e prive di pubblicazioni serie,. Difficile da capire perché a questi personaggi credete e agli altri no. Si commenta da se l'affermazione che i morti erano tutti persone con problemi preesistenti, altra invenzione di gente che non verifica le fonti.
cle72 3 mesi fa su tio
@emib53 Considerare persone non serie, quale un premio Nobel, un primario in pneumologia. Considerare un metodo non serio, quale lavorare con il plasma da persone guarite, ovvero con anticorpi creati dal corpo umano è quanto meno discutibile, come la morte di De Donn. Le lobby farmaceutiche stanno facendo un lavoro sporco e voi li state foraggiando. Ma ognuno è libero pensatore. Io scelgo d'essere libero e vado per la mia strada.
Princi 3 mesi fa su tio
condivido , ma tanto non cambia nulla
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 17:42:51 | 91.208.130.87