Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
2 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
4 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
5 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
BERNA
5 ore
La segretaria di Stato incontra il viceministro degli esteri russo Vladimir Titov
Al centro dell'incontro anche le questioni bilaterali in settori come l'economia e l'energia.
SVIZZERA
5 ore
«La doppia nazionalità non va revocata in caso di gravi crimini»
La Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale ha respinto un'iniziativa di Piero Marchesi
ARGOVIA
8 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
FOTO
SAN GALLO
8 ore
Slitta sul ghiaccio e impatta con un tir, tragica morte per una giovane
La ragazza è spirata fra le lamiere dopo un violento schianto a causa della carreggiata ghiacciata
BERNA
8 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
9 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
11 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
12 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
SVIZZERA
12 ore
Processo Vincenz, la difesa chiede la completa assoluzione
L'avvocato: «Senza di lui Raiffeisen non sarebbe quello che è oggi»
SVIZZERA
12 ore
Influenza aviaria, prolungate le misure su scala nazionale
L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria ha fissato il termine al prossimo 15 marzo
BERNA
14 ore
Scontro fatale, un 65enne muore alla guida del suo scooter
Per ragioni ancora da chiarire, si è schiantato contro un'automobile, riportando delle ferite molto gravi
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
17 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
1 gior
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
BERNA
19.03.2021 - 17:280
Aggiornamento : 19:41

Niente riaperture, tra critiche e inviti alla prudenza

Molti scettici, ma anche qualche favorevole alla decisione dell'Esecutivo di posticipare gli allentamenti

Economiesuisse: «Troppi tentennamenti». PLR: «Poca trasparenza». Travail.Suisse: «Prudenza e pazienza». Verdi: «Situazione tesa, restiamo cauti». Gastrosuisse: «Delusione immensa»

BERNA - Pur comprendendo in parte la prudenza del Consiglio federale di fronte alle riaperture, economiesuisse critica la decisione governativa odierna di non aprire le terrazze dei ristoranti e di mantenere l'obbligo del telelavoro.

Secondo l'organizzazione, con un approccio maggiormente basato sul rischio, si sarebbe potuto consentire almeno una riapertura delle terrazze.

La reazione di Economiesuisse contiene comunque una nota positiva: l'organizzazione giudica favorevolmente la proroga delle misure concernenti il lavoro ridotto sino a fine giugno.

PLR critico - Anche il Partito liberale-radicale guarda con un occhio critico la decisione odierna del Consiglio federale di non riaprire le terrazze dei ristoranti e di non consentire le manifestazioni a causa del peggiorare della situazione epidemiologica.

Anche se con l'adozione delle modifiche della legge Covid-19 in Parlamento si creano le basi per misure di sostegno più mirate, purtroppo il Governo non è ancora disposto a dare reali prospettive alla popolazione e alle aziende come il PLR l'aveva richiesto nel suo piano di azione dei 100 giorni, si legge in una nota odierna.

Per il partito di Petra Gössi, le strategie di test e la campagna di vaccinazione restano l'unica via da seguire per tornare al più presto alla normalità. Secondo il PLR, è ancor più incomprensibile che il Consiglio federale manchi di trasparenza su come intenda accelerare la vaccinazione nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

UDC: «Affronto alla popolazione» - Come ce lo si poteva attendere, l'UDC non usa mezzi termini di fronte alla decisione odierna del Consiglio federale di mantenere ancora chiuse le terrazze dei ristoranti e di non consentire le manifestazioni con pubblico. Si tratta di «un affronto alla popolazione e ai ristoratori».

Il partito di Marco Chiesa giudica «inaccettabile la mini-decisione odierna» dell'Esecutivo, che ha unicamente innalzato, da cinque a dieci, il limite concernente le riunioni famigliari al chiuso.

«Cambio di rotta nella direzione sbagliata» - I ristoranti non potranno aprire né gli spazi interni né quelli esterni e «la delusione nel settore della ristorazione è immensa». Per Gastrosuisse, è «assolutamente incomprensibile» che il Consiglio federale non voglia mettere fine questo «lockdown settoriale».

L'approccio «estremamente esitante» del Consiglio federale «aggrava ulteriormente la situazione in un settore dove un'azienda su cinque ha già dovuto chiudere i battenti. E un altro 20% sarà presto costretto a fare altrettanto», scrive in una nota l'organizzazione di settore.

Solo una settimana fa, la ristorazione sperava che il Consiglio federale desse almeno una prospettiva e una sicurezza di pianificazione. «Il tira e molla del governo, che oggi ha fatto un inversione di marcia, è assolutamente deludente e tutt'altro che comprensibile», afferma il presidente di GastroSuisse, Casimir Platzer, citato nella nota.

Con gli annunci odierni, l'apertura delle aree esterne dei ristoranti slitta ad almeno la fine di aprile. «Speriamo che il Consiglio federale cambi la sua strategia e adotti un approccio ragionevole alla pandemia», dichiara Platzer. «Altrimenti, i ristoranti probabilmente non apriranno mai più».

Il presidente di Gastrosuisse considera inoltre «tragico» che i contributi a fondo perso non siano ancora arrivati e che nella sessione delle Camere federali che si è conclusa oggi non si sia trovata una maggioranza per mettere fine alle disparità di trattamento.

«Ora più test e vaccinazioni» - Per migliorare la situazione epidemiologica e creare le condizioni per nuove graduali aperture, bisogna assolutamente intensificare l'offensiva in materia di test e di vaccinazioni. È quanto sostiene l'Alleanza del Centro in una nota.

Pur deplorando che il Governo chieda ancora maggiore pazienza e perseveranza alla popolazione e alle aziende interessate dalle chiusure, il Centro (ex PPD e PBD) si rallegra tuttavia che il limite delle cinque persone venga tolto ed esteso a dieci persone. «In vista delle prossime festività pasquali, si tratta perlomeno di un piccolo barlume di speranza», in particolare per le famiglie, secondo l'Alleanza del Centro.

«Prudenza e pazienza, non c'è altra strada» - Per il sindacato Travail.Suisse, la decisioni odierne sono invece comprensibili e in linea con le richieste presentate in risposta alla consultazione. Con un'apertura lenta e graduale e un'offensiva simultanea di test e vaccinazioni, la Svizzera tornerà più rapidamente alla normalità.

Tuttavia, ribadisce il sindacato in una nota, ulteriori misure di sostegno sono urgentemente necessarie per preservare i posti di lavoro e i redditi. In particolare, Travail.Suisse accoglie con favore gli sgravi per il lavoro a orario ridotto decisi dal governo e la proroga dell'indennità del 100% per i dipendenti con salari bassi decisa dal Parlamento fino alla fine di giugno.

«Il Consiglio federale si sarebbe giocato la sua credibilità se avesse deciso altri passi di apertura di fronte alla situazione epidemiologica», afferma il presidente di Travail.Suisse, Adrian Wüthrich, citato nella nota.

Verdi e Verdi liberali: «Prudenza giustificata» - I Verdi appoggiano l'approccio prudente del Consiglio federale. In un tweet diffuso al termine della conferenza stampa, affermano che «giustamente, vista la situazione tesa, il Consiglio federale rimane cauto».

Per il partito ecologista non dovrà esservi nessun allentamento prematuro durante questa terza ondata, «altrimenti, la fine della pandemia sarà rimandata all'infinito».

Per i Verdi liberali, il Consiglio federale sta dimostrando fermezza e responsabilità. Nella situazione attuale, un ulteriore rilassamento sarebbe «una negligenza grossolana». Una terza ondata dell'epidemia da covid deve essere impedita in ogni modo, nell'interesse sia della popolazione che dell'economia, scrive il presidente Jürg Grossen in un tweet.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-28 23:25:21 | 91.208.130.87