Keystone
VAUD
12.11.2020 - 13:350
Aggiornamento : 18:05

Attivista antispecista alla sbarra a Nyon

La 30enne Virginia Markus deve rispondere di furto di 42 animali e di presa illegale d'immagini in un mattatoio.

LOSANNA - L'attivista antispecista Virginia Markus è comparsa oggi davanti alla giustizia a Nyon (VD) per diverse azioni, tra cui il furto di una quarantina di animali. La ginevrina 30enne è accusata anche di aver ottenuto foto illegali in un mattatoio a Rolle (VD).

Tra i reati contestati all'attivista figurano, tra le altre cose, furto, violazione della sfera segreta o privata mediante apparecchi di presa d'immagini, coazione, violazione di domicilio e impedimento di atti dell'autorità. L'imputata riconosce l'integralità dei fatti.

La Procura ha chiesto una pena pecuniaria sospesa di 120 aliquote giornaliere da 30 franchi ciascuna e una multa di 300 franchi per appropriazione semplice (e non furto). L'avvocato della difesa ha dal canto suo chiesto l'assoluzione e, in caso di condanna, una sospensione della sanzione pecuniaria per aver agito con un «movente onorevole».

Una notte, nel marzo 2018, ha rubato 18 capre dai mattatoi "Le Carre" di Rolle. Di queste, 17 sarebbero ancora vive ma l'attivista non vuole fornire informazioni su dove siano. Un anno prima si era introdotta in questi stabilimenti per installare telecamere nascoste che riprendevano l'attività all'interno. Le immagini acquisite illegalmente, che rivelavano una macellazione senza stordimento, sono state pubblicate su internet e in seguito riprese dalla RTS. Nell'aprile 2019 Virginia Markus ha poi rubato 24 polli da un allevamento a Vernayaz (VS).

La giustizia ritiene che la donna abbia anche partecipato, nel 2018 ad Aubonne, a una catena umana che ostacolava la circolazione nell'ambito di una manifestazione antispecista non autorizzata. Nello stesso anno, avrebbe preso parte all'occupazione del centro per la lavorazione della carne Bell di Oensingen (SO), insieme ad altri 130 militanti.

L'attivista ritiene che solo tali azioni possono spingere a un cambiamento nella società. Secondo Markus, inoltre, i furti di animali sono "liberazioni". Il processo, per la 30enne, rappresenta un'occasione per diffondere le sue idee e davanti alla corte questa mattina si sono radunate alcune decine di sostenitori animalisti. Il verdetto è atteso per il prossimo 19 novembre.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 03:55:49 | 91.208.130.86