keystone
BERNA
26.10.2020 - 15:540

Covid, Swiss Olympic: «Servono misure uniformi per lo sport»

In alcuni cantoni gli allenamenti e le gare si svolgono ancora, mentre altrove gli impianti sportivi sono già chiusi.

Questa disparità di trattamento rende impossibile lo svolgimento di campionati nazionali e porta gli atleti a doversi recare in un altro cantone per praticare il loro sport.

BERNA - Le direttive introdotte per contrastare la diffusione del Covid-19 devono essere più uniformi fra un cantone e l'altro. È quanto chiede alla Confederazione Swiss Olympic, sottolineando la difficile situazione in cui versano i vari club, le federazioni, le leghe nazionali e tutti gli sportivi di fronte a misure diverse fra una regione all'altra del Paese.

Disparità di trattamento - In alcuni cantoni gli allenamenti e le gare si svolgono ancora, mentre altrove tutti gli impianti sportivi sono già stati chiusi, ricorda l'associazione in una nota odierna, diffusa in vista della riunione di mercoledì del Consiglio federale. Questa disparità di trattamento rende impossibile lo svolgimento di campionati nazionali e porta gli atleti a doversi recare in un altro cantone per praticare il loro sport, aggiunge Swiss Olympic, sostenendo che tale situazione non è certo efficace nella lotta contro la diffusione del virus.

L'organizzazione, che è simultaneamente Comitato nazionale olimpico e Associazione delle federazioni sportive svizzere che rappresentano discipline olimpiche e no, invita pertanto i governi cantonali e le autorità federali a garantire rapidamente una regolamentazione più uniforme in tutto il Paese. Per evitare il "turismo" legato al Covid-19, l'accesso agli impianti sportivi per gli allenamenti e le competizioni dovrebbe continuare ad essere consentito su tutto il territorio nazionale, sulla base di concetti di protezione, sostiene.

«In questi tempi difficili, lo sport e il movimento sono di grande importanza non solo sotto il profilo sanitario, ma anche sociale», rileva il presidente di Swiss Olympic, Jürg Stahl, citato nel comunicato. «Gli sportivi dilettanti, e in particolare i molti bambini e i giovani atleti, devono poter vivere il loro bisogno di movimento, in modo supervisionato, anche in queste settimane».

Naturalmente le misure di protezione devono essere applicate e rispettate, ma lo sport può contare su una grande esperienza in questo ambito, viene aggiunto. Dopo il riavvio delle attività sportive, l'11 maggio, le federazioni e le organizzazioni hanno sviluppato in breve tempo oltre 200 concetti di protezione specifici e li hanno fatti convalidare da un gruppo di esperti. Secondo Swiss Olympic, queste stesse disposizioni potrebbero essere facilmente adattate alla situazione attuale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 4 sett fa su tio
...non abbiamo altra scelta se non quella di imparare a convivere con questo virus.... Diamo quindi la possibilità di praticare sport in modo responsabile.
seo56 4 sett fa su tio
Se esiste il buonsenso É ora di fermare tutti i campionati.
Roberto Oliboni 4 sett fa su fb
Sospendere i campionati e tutte le attività sportive in genere
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-24 11:13:31 | 91.208.130.87