Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
14 min
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
26 min
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
46 min
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
1 ora
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
1 ora
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
2 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
SVIZZERA
3 ore
«Il turismo rischia grosso»
Legge Covid: le associazioni di categoria compatte verso il voto del 28 novembre
SVIZZERA/SPAGNA
4 ore
L'eruzione, l'evacuazione e la casa travolta. Una zurighese a La Palma
Trasferitasi da Zurigo a La Palma, una 38enne ha vissuto in prima persona la perdita della casa dei sogni
SVIZZERA
16 ore
Code a non finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SVIZZERA
17 ore
Le donne del PPD hanno una nuova Presidente
Si tratta dell'argoviese Christina Bachmann-Roth
SAN GALLO
17 ore
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
SVIZZERA
19.08.2020 - 23:000

Prestazioni sanitarie, il controllo delle finanze bacchetta l'Ufficio federale della sanità

La critica del Controllo federale delle finanze: il numero di valutazioni delle tecnologie sanitarie è molto basso

Nell'ambito della strategia Sanità2020, il Consiglio federale stimava un risparmio fino a 220 milioni di franchi all'anno eliminando (o limitando) le prestazioni obsolete. Dopo 7 anni però non è stato raggiunto alcun obiettivo.

BERNA - L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) non si avvale a sufficienza della procedura di valutazione periodica delle prestazioni rimborsate dall'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Da una verifica del Controllo federale delle finanze (CDF) è emerso che gli obiettivi di queste rivalutazioni sono stati raggiunti solo molto parzialmente, a scapito della qualità delle cure e del contenimento dei loro costi.

In gergo medico, questa procedura è chiamata valutazione delle tecnologie sanitarie (HTA). Se un trattamento o un medicinale è ritenuto inefficace, può essere ritirato dal catalogo delle prestazioni rimborsate dall'assicurazione malattie di base o il suo rimborso da parte delle casse può essere limitato.

La Confederazione è tenuta a effettuare tali controlli sin dall'introduzione della Legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal) nel 1996. Il rafforzamento delle procedure di valutazione è poi stato definito nella strategia Sanità2020 adottata nel 2013.

Per il Consiglio federale sarebbe stato possibile risparmiare fino a 220 milioni di franchi all'anno eliminando o limitando le prestazioni obsolete dell'assicurazione obbligatoria. A sette anni di distanza però non è stato raggiunto alcun obiettivo, secondo l'audit del CDF pubblicato oggi.

Processi troppo lenti - Il numero di HTA condotte all'anno è basso. La procedura di individuazione del tema da valutare può richiedere fino a quattro anni, un periodo lungo nel raffronto con altri paesi europei che spesso preferiscono valutazioni più succinte, scrive il CDF.

La cooperazione internazionale permetterebbe di risparmiare tempo e denaro. Anche se inizialmente era stato previsto, l'UFSP non ha ancora sfruttato i risultati di altri Paesi.

Il CDF segnala inoltre una perdita di tempo nella consultazione delle parti interessate e delle commissioni. L'organo di controllo chiede anche che la rete di enti a cui vengono affidate le valutazioni sia ampliata.

Le prime cinque HTA, lanciate tre anni fa e che avrebbero dovuto portare a risparmi fino a 100 milioni di franchi all'anno, sono in ritardo rispetto ai piani. Due di esse sono state appena valutate dalla commissione federale competente e non hanno portato ad alcuna raccomandazione per l'abolizione o la limitazione dei rimborsi da parte delle casse malattia.

Nell'estate del 2019, l'UFSP stimava ancora l'importo massimo annuo che avrebbe potuto essere risparmiato grazie alle 15 HTA in corso a 602 milioni di franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tip75 1 anno fa su tio
fuori i politici dai cda
sedelin 1 anno fa su tio
@tip75 sì concordo, perché questa si chiama mafia.
sedelin 1 anno fa su tio
in questi pochi mesi l'ufficio ne ha combinate di grosse, oltre a quanto descritto sopra: i funzionari sono ancora tranquillamente in carica e non si sa nulla dei promessi provvedimenti di berset
Mah916 1 anno fa su tio
Abrogazione LAMal. Niente piu' cassa malati obbligatoria e privatizzazione sanita'. Pazienti liberi di scegliere dove farsi curare.
sedelin 1 anno fa su tio
@Mah916 cassa malati pubblica. per chi vuole assicurare il seno o il cambiamento di sesso cassa malati privata
Tato50 1 anno fa su tio
@Mah916 A parte il fatto che i costi dei premi stanno diventando quasi insostenibili, la tua idea, a meno che non sei figlio del CEO dell'UBS, credo che non abbia senso. Già ora ammalarsi è un lusso ma passare al tuo progetto è un disastro. Un intervento da 130'000 franchi lo paghi a rate o vendi terreni ? ;-))
Tato50 1 anno fa su tio
@sedelin Meglio in base al reddito; forse così pagheranno tutti e quelli benestanti non moriranno certamente di fame mentre il ceto medio sta scomparendo se andiamo avanti di questo passo;-((
fgreto 1 anno fa su tio
Risparmi risparmi e poi si muore davanti al pronto soccorso perche chiuso la notte. Sono cittadino svizzera ma la svizzera mi fa schifo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 12:23:25 | 91.208.130.89