Keystone (archivio)
La sede di Credit Suisse a Manhattan.
SVIZZERA
11.07.2020 - 10:100

Credit Suisse, risolta la controversia americana

La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.

La questione riguardava il deprezzamento da un miliardo di dollari che la grande banca elvetica aveva effettuato su prestiti a rischio all'inizio del 2016

ZURIGO - Il Credit Suisse (CS) ha concordato un pagamento di 15,5 milioni di dollari in una controversia legale con gli azionisti negli USA. Lo si apprende dagli atti pubblicati ieri da un tribunale di New York.

La questione riguardava il deprezzamento da un miliardo di dollari che la grande banca elvetica aveva effettuato su prestiti a rischio all'inizio del 2016.

I ricorrenti, guidati da quattro fondi pensione, si ritenevano ingannati dal management del Credit Suisse dell'epoca, in quanto, prima del deprezzamento, avevano ancora parlato di «estesi» controlli dei rischi sui crediti in sofferenza.

Il Credit Suisse ha sempre respinto le accuse di inganno. La risoluzione della controversia con un pagamento di 15,5 milioni di dollari non è un'ammissione di colpa, sottolinea la banca. La risoluzione deve ancora essere avallata da un tribunale federale a Manhattan.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-26 22:57:59 | 91.208.130.89