Archivio Tipress
SVIZZERA
30.05.2020 - 23:000

«Non ci metteremo a contare le persone»

Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità

Le considerazioni di Stefan Blättler, presidente dei comandanti cantonali di polizia

BERNA - Fino a ieri si stava in gruppi da cinque persone. Da oggi sono nuovamente permessi gli assembramenti spontanei con fino a trenta persone. E se sono di più, scattano le multe. Perlomeno in teoria, visto che in realtà si tratta di un provvedimento di difficile applicazione. «Sicuramente la polizia non si metterà a contare le persone presenti negli spazi pubblici e a distribuire sanzioni: sarebbe un comportamento sproporzionato» afferma Stefan Blättler, presidente dei comandanti cantonali di polizia, in un'intervista rilasciata al Bund.

 

Nel caso di assembramenti con la presenza di troppe persone, le autorità continueranno innanzitutto a cercare il dialogo. «Così come il Consiglio federale, di base anche la polizia fa appello alla responsabilità individuale dei cittadini» dice ancora Blättler. L'obiettivo resta la tutela della salute della popolazione.

Le chiusure a mezzanotte - Anche per quanto riguarda la disposizione che prevede la chiusura di tutti i locali entro la mezzanotte, secondo Blättler «la polizia dovrà valutare attentamente ogni singolo caso». Ma è certo che «a mezzanotte non ci metteremo a controllare sistematicamente tutti i bar».

Blättler resta invece vago su eventuali manifestazioni con oltre trecento persone: «Se si verificasse una situazione del genere, si interverrà sul posto e con procederà col buonsenso».

Polizia più presente - In questi mesi la polizia era molto più presente sul territorio. Una situazione, questa, che fa piacere a Blättler: secondo lui la presenza degli agenti sarebbe stata percepita positivamente anche dai cittadini. «Fosse per me, la polizia potrebbe essere sempre così presente» conclude.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 1 anno fa su tio
Un grande plauso alla polizia e tanto peggio per i soliti delatori che telefonavano alla polizia se vedevano due persone in giro per una passeggiatina.
seo56 1 anno fa su tio
Se si fanno delle regole e praticamente si dice che non ci saranno controlli a che servono??
Coripp_Monte_Corgell 1 anno fa su tio
Viva la libertà, speriamo anche in Ticino. Gobbi e Cocchi restate a Nante per favore.
8Paola3 1 anno fa su tio
Eh no non si conta ormai la pandemia è finita. Esiste solo no spesa in Italia perchè dobbiamo jngrassare ancora Migros Coop e Manor! Siete dei buffoni ridicoli ed è vergognoso far passare migliaia di frontalieri dove possono fare i loro porci comodi e noi ticinesi in gabbia!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 22:54:33 | 91.208.130.85