Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
9 min
«Voleremo con la mascherina per anni»
È un elemento importante del piano di protezione sugli aerei, secondo il CEO di Swiss Dieter Vranckx
SVIZZERA
1 ora
Farmaco di Roche presto in azione sui pazienti Covid americani
Le autorità statunitensi preposte hanno dato l'approvazione di emergenza al medicamento.
SVIZZERA
1 ora
Accordo quadro: «Tocca a Berna decidere cosa vuole»
È quanto sostiene l'ambasciatore dell'Ue, secondo cui «lo status quo non è un'opzione»
SVIZZERA
1 ora
Ecco quanto guadagna il tuo capo in più di te
Si presenta così, secondo un recente studio, la differenza salariale tra impiegati e dirigenti.
FOTO GALLERY
SVIZZERA
11 ore
Incidenti e feriti: la Svizzera ancora sott'acqua
Il maltempo colpisce duro oltre Gottardo. Stazioni e negozi allagati, i pompieri lavorano senza sosta
SVIZZERA
13 ore
Chiarezza sul 5G: «Berna faccia la sua parte»
Gli operatori di telefonia chiedono al Governo federale di contribuire a «oggettivare la discussione»
VALLESE
15 ore
Il Vallese mette al bando i proiettili di piombo
Il Cantone dà l'ultimatum ai propri cacciatori: «Cinque anni per cambiare l'attrezzatura».
SVIZZERA
15 ore
«Sui grandi eventi tante domande restano aperte»
La Taskforce Cultura si aspetta chiarezza su chi debba sostenere i costi per le infrastrutture dei test.
SVIZZERA
16 ore
«Ci aspettiamo una nuova ondata tra i non vaccinati»
Berset dopo l'incontro con i direttori cantonali della sanità: «La situazione è da tenere sotto controllo»
SVIZZERA
17 ore
La pandemia ha pesato di più sulle persone con un reddito basso
A sottolinearlo è un nuovo studio commissionato dalla Confederazione ed effettuato durante la prima ondata.
SVIZZERA
17 ore
Un anno di SwissCovid
Era il 25 giugno 2020 quando l'applicazione di tracciamento elvetica venne messa a disposizione della popolazione.
SVIZZERA
17 ore
I bonus dei manager sono più impopolari
Aumenti bocciati durante la pandemia: in aumento il malcontento tra gli azionisti in Svizzera
VAUD
17 ore
«Il mio licenziamento? Abusivo»
L'attacco a Unia Vaud da parte di Anaïs Timofte, che si è anche rivolta a un tribunale
SVIZZERA
18 ore
Finisce la lezione e sparisce una sostanza radioattiva
Un campione di radio-226 è stato sottratto in una classe liceale che stava effettuando degli esperimenti.
BERNA
18 ore
Un altro morto ripescato dal Wohlensee
Si tratterebbe di un uomo scomparso nel fiume Aare lo scorso 17 giugno
SVIZZERA
19 ore
Contagi settimanali in calo del 47%
In sette giorni nel nostro paese sono stati registrati 1'235 casi. La variante Delta è al 3,8%
SVIZZERA
28.05.2020 - 08:520
Aggiornamento : 10:31

Quando i ristoratori applicano un "supplemento corona"

C'è chi preferisce aggiungere al conto due franchi per coprire i costi aggiuntivi, e chi aumenta i prezzi sul menù.

Non sempre però una "tassa" potrebbe rivelarsi una mossa vincente per coprire i nuovi costi.

ZURIGO - Da quando i ristoranti hanno riaperto, il conto può riservare qualche sorpresa. Alcuni clienti si sono accorti dallo scontrino che gli era stato addebitato un "Supplemento Corona" di due franchi a persona. È quanto accaduto ad esempio a due amici in un ristorante della regione del Lago di Ginevra: «Abbiamo dovuto pagare due franchi ciascuno come contributo al costo del disinfettante» ha raccontato l'ospite a "24 Heures".

Anche nella città di Zurigo il ristorante asiatico Yen's richiede un "supplemento corona" di due franchi a causa delle misure intraprese dal locale per garantire la sicurezza. 

La direttrice del ristorante, Yen Nguyen, ha dichiarato di aver riflettuto a lungo sul supplemento prima di applicarlo: «Consideriamo due franchi a testa un importo equo. La crisi legata al coronavirus è stata molto pesante per la nostra azienda di famiglia, ma in questo modo non abbiamo dovuto alzare i prezzi del menù. Tuttavia è importante che gli ospiti siano informati del supplemento, che è indicato su tutti i tavoli e anche sul sito web». Secondo la proprietaria, gli ospiti hanno accettato di buon grado la tassa: «Hanno compreso la nostra situazione». 

Meglio una mancia? «I supplementi non sono vietati, ma non sono molto simpatici» ha dichiarato a 20 Minuten il sorvegliante dei prezzi, Stefan Meierhans. «Tuttavia è importante che la tassa venga indicata in modo adeguato». 
Dello stesso parere anche Sara Stalder, direttrice dell'associazione per la tutela dei consumatori: «Non è possibile informare l'ospite del supplemento solo quando viene emesso lo scontrino. In quel caso ha il diritto di rifiutarla». Ma forse non sempre il supplemento è la risposta giusta alla situazione: «A causa del supplemento i ristoratori rischiano che l'ospite rinunci alla mancia, che potrebbe essere più alta della tassa». E Stalder non esclude che qualche ristorante possa aumentare i prezzi in segreto: «Alla fine l'ospite noterà la differenza di prezzo del proprio piatto preferito». 

Sondaggio - Gastro Suisse non ha formulato nessuna raccomandazione in merito: «Ogni imprenditore è responsabile dei propri prezzi» ha dichiarato il presidente Casimir Platzer. Tuttavia un sondaggio dell'associazione mostra che la stragrande maggioranza degli esercizi si farà carico dei costi aggiuntivi senza applicare un supplemento. E al momento circa l'87% dei ristoratori non ha adeguato i prezzi, mentre l'8% ha deciso di aumentarli. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
roma 1 anno fa su tio
...accidenti: allora meglio stare lontani da ristoranti e bar. Farò così.
klich69 1 anno fa su tio
Buon motivo per NON farsi spellare, NON andarci.
Maxy70 1 anno fa su tio
Se il ristoratore mi dice sinceramente e onestamente di aggiungere un paio di franchi per coprire le perdite subite a causa del COVID lo aiuto volentieri. Oltretutto anche il distanziamento dei tavoli comporta meno commensali e quindi guadagni ridotti. I costi fissi del locale rimangono uguali. Rimanere nel limite del ragionevole e della buona fede.
Loll 1 anno fa su tio
Già con le disposizioni attuali non possono avere tanti clienti ,se poi aumentano anche i prezzi ,la gente non va più volentieri.si tirano la zappa sui piedi.
sctaquet 1 anno fa su tio
Bandito976@ Se fosse per tè , i ristoratori morirebbero di fame.......complimenti
Bandito976 1 anno fa su tio
Fanno bene! Imparate a stare a casa e prepararvi il cibo in maniera sana. Altro che ristoranti, take away e quant’altro. Eh ma troppa fatica.
francox 1 anno fa su tio
Bravi, il momento giusto per aumentare i prezzi, si vede che siete afferrati in marketing. Che fessi....
don lurio 1 anno fa su tio
Consiglio basta andare in Francia ,Germania, Austria, Italia.
tazmaniac 1 anno fa su tio
ecco perchè frequento solo un paio di ristoranti qui in Ticino....poi hanno pure il coraggio di lamentarsi...
Africa Twin 1 anno fa su tio
Chissà perché in Svizzera interna sotto il passo dell'Oberalp ci sono i ristoranti che praticano uno sconto Covid-19 del 20% senza aggiunta di prezzi. In Ticino ci lamentiamo sempre di tutto, consiglio ai nostri ristoratori di prendere esempio dai nostri amici confederati che di sicuro non danno 1'500.- al loro personale. Saluti da uno che ha girato tutta la Svizzera
don lurio 1 anno fa su tio
Spero che tutti abbino imparato a stare a casa senza andare al ristorante. bar, ecc... ecc. Le pulizie del locale pubblico quando le hanno fatte in certi locali i WC venivano e vengono puliti alla bene e meglio 1 volta al giorno. Se poi parliamo del servizio: vedi presenza del personale come servono , ecc... ecc.. meglio stare a casa. Andate da Aldi Lidl, Migros Denner Coop le bibite costano meno Se li pagano loro gli affitti del locale.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@don lurio Perché bisogna sempre generalizzare? Non capisco. Io conosco ristoranti e ristoratori che si comportano in maniera ineccepibile. Questa crisi dovrebbe servire a premiare la qualità. Bisogna saper scegliere e conoscere i posti che si frequentano. Poi se tu preferisci stare a casa puoi farlo senza problemi.
gigipippa 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Per scegliere bisogna prima provare, chiaramente a spese del cliente. Purtroppo quelli che non si comportano in maniere ineccepibile rovinano tutta la categoria, specialmente in un cantone con tanti ristoranti.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@gigipippa Chiaro, io alla mia età di ristoranti ne ho frequentati parecchi, di conseguenza sono in grado di scegliere senza fare ulteriori test. Generalizzare comunque è sempre sbagliato. Poi lo facciamo un po’ tutti, pure io.
8Paola3 1 anno fa su tio
Che brutta piega state prendendo! Già siete cari e ora applicate le tasse? Vi state avvicinando all’assurdità mentale!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@8Paola3 Il popolo gli ha richiesto la chiusura, il popolo gli pretende 1/3 della capacità totale e il governo gli rema contro. Direi che i ristoratori hanno di tutto meno che problemi di psiche, immagino che affitto, stipendi, corrente, acqua ecc. siano molto peggio.
Yoebar 1 anno fa su tio
Non è un mio problema, io sto a casa, mangio meglio e più sano. Per me potrebbero chiudere tutti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 09:54:57 | 91.208.130.86