BREAKING NEWS
Cassis: «Tutta la Svizzera è vicina al Ticino»
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
7 min
Puntualità e accessibilità, la Posta può sgarrare
La Posta ha ricevuto l'autorizzazione dalla Confederazione: potrà non rispettare alcune disposizioni di legge.
SVIZZERA
41 min
«I giovani sono spaventati dall'isolamento»
In molti si rivolgono al servizio di consulenza della Pro Juventute. La Fondazione lancia una campagna di comunicazione
COIRA
1 ora
Anche la Ferrovia retica sospende i collegamenti con l'Italia
Non ci saranno piu treni tra Campocologno e Tirano.
SVIZZERA
1 ora
Lidl premia i suoi dipendenti
La catena offre loro buoni per ringraziarli per «l'instancabile lavoro» prestato in questi momenti di emergenza.
SVIZZERA
2 ore
«Il sistema sanitario funziona bene. Le terapie intensive hanno ancora posti»
Koch: «La curva epidemica negli ultimi giorni è rimasta abbastanza costante»
ZURIGO
2 ore
Coronavirus: Zurigo vara un piano da 460 milioni
Il suo parlamento cantonale è il primo a riunirsi dopo le ordinanze sulla distanza sociale del Consiglio federale.
SVIZZERA
3 ore
I top manager di ABB rinunciano a parte dello stipendio
La decisione è stata presa per alleggerire l'impatto della crisi dovuta al coronavirus
SVIZZERA
3 ore
Abusò della figliastra: ecuadoregno sarà estradato
I fatti sarebbero avvenuti in Ecuador. Il Tribunale penale federale si è espresso sull'opposizione alla misura
SVIZZERA
3 ore
Più di 15'000 casi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'201 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece quasi 300
SVIZZERA
3 ore
A metà aprile un hotel su 2 avrà difficoltà a pagare le bollette
Non ci sono più viaggiatori e le strutture ricettive stanno finendo i soldi
ARGOVIA
4 ore
Uccise la moglie e la cognata: chiesti vent'anni
I fatti sono avvenuti all'inizio del 2018 ad Hausen. L'accusato parla di legittima difesa
FOTOGALLERY
SVIZZERA
4 ore
Sulla nave 259 svizzeri: «Bloccati fino a maggio»
La Costa Deliziosa stava facendo il giro del mondo. L'odissea per tornare a casa
GRIGIONI
4 ore
Ottanta milioni per le aziende grigionesi
È il pacchetto di aiuti previsto dal Governo cantonale, che va a integrare il sostegno della Confederazione.
BERNA
5 ore
Una spolverata di bianco nell'ultimo lunedì di marzo
Berna e San Gallo si sono risvegliata con uno o due centimetri di neve. E ora arriva il gelo
ZURIGO
5 ore
Furgone contro un albero: morto un trentunenne
L'incidente si è verificato nella notte a Schönenberg
SCIAFFUSA
5 ore
Coronavirus: due alsaziani curati a Sciaffusa
Le loro condizioni sono gravi
SVIZZERA
5 ore
La danza delle prospettive economiche
Da ultimo, anche il Centro di ricerca del Politecnico di Zurigo (KOF) ha pubblicato la sua previsione
SVIZZERA
6 ore
Il 20% degli indipendenti ha già chiesto aiuto
Le somme verranno versate da metà o fine aprile (mensilmente e a posteriori) dalle casse cantonali di compensazione.
SVIZZERA
6 ore
Il grappino fa bene contro il virus?
Pare di sì, secondo alcuni virologi. Ma comporta altri rischi, e non piccoli
SVIZZERA
8 ore
Dividendi: UBS tira dritto nonostante il coronavirus
Autorità federali e BNS avevano chiesto di valutare attentamente la loro entità in questo contesto di emergenza.
SVITTO
8 ore
Spara dalla finestra sulla polizia
Il folle gesto è avvenuto nel mezzo della notte. Arrestato un 40enne, dopo una lunga trattativa
ZURIGO
17 ore
Si schiantano contro un camion fermo sulla A1 e disintegrano l'auto
È successo domenica pomeriggio all'altezza di Hagenbuch, una 29enne è stata ricoverata in gravi condizioni
SVIZZERA
18 ore
In cerca degli anticorpi per tornare a una vita normale
Diversi paesi (tra cui la Svizzera) intendono scoprire chi ha superato la malattia senza saperlo
SVIZZERA
19 ore
La voce fuori dal coro: «Agli anziani fa bene uscire all'aria aperta»
E dovrebbero approfittarne ogni giorno, parola dell'esperto Beat Villiger: «Fa bene al cuore e alla circolazione»
ARGOVIA
23 ore
Fuga “imbranata”, nel fiume con il Cayenne
Un 38enne ha suo malgrado dato spettacolo a Rottenschwil: denunciato
SVIZZERA
26.03.2020 - 14:170
Aggiornamento : 16:36

Koch sul mandato a Swisscom: «Non si tratta di sorveglianza»

Il punto sull'epidemia: il DFAE riporta a casa 3'500 svizzeri per il 4 aprile. L'esercito schiera nuove truppe sanitarie

Da parte sua la protezione civile è pronta a svolgere i propri compiti. 42'000 aziende hanno nel frattempo richiesto il lavoro ridotto.

BERNA - Con la consueta conferenza stampa delle 14.00, le autorità elvetiche hanno voluto fare il punto della situazione per quanto riguarda la pandemia di coronavirus. I dati - comunicati poco fa dall'Ufficio federale della sanità - mostrano come l'epidemia stia prendendo sempre più vigore in tutto il Paese. I casi confermati sono infatti saliti a 10'714 (+1'002), mentre i morti sono almeno 170.  Proprio per commentare queste cifre e per discutere delle questioni prettamente sanitarie riguardanti il Covid-19, il primo a prendere la parola è stato Daniel Koch. Il capo della divisione malattie trasmissibili dell'UFSP ha subito fatto una precisazione riguardo a Swisscom e alle rilevazioni dei raggruppamenti di persone tramite il telefonino: «Non si tratta di sorveglianza». I dati - assicura Koch - verranno usati in maniera anonima e non in tempo reale. «Vogliamo solo controllare i movimenti della popolazione nei luoghi pubblici. Per questo guarderemo i dati del giorno precedente». Per quanto riguarda l'aumento dei casi Koch è chiaro: «La pandemia si sta espandendo nel Paese. La fluttuazione dei dati è provocata dal fatto che i laboratori hanno molto lavoro».

Dati ticinesi non ancora interpretabili - Sulle cifre ticinesi, il capo della divisione malattie trasmissibili non si sbilancia: «I dati non sono ancora interpretabili. Bisogna essere molto prudenti e attendere almeno ancora sette giorni prima di poter intravvedere una tendenza».

«Picco non ancora raggiunto» - Koch ha poi aggiunto che non è ancora il momento di mollare in quanto il picco dell'epidemia non è ancora stato raggiunto. «È importante che la popolazione capisca che le misure restrittive e di distanziamento sociale vanno mantenute così come sono per contenere il più possibile la pandemia». Koch, interrogato da alcuni giornalisti, parla poi della tanto chiacchierata immunità di gregge: «L'efficacia di questa forma di protezione è un'ipotesi. Ma eticamente non vogliamo mettere a rischio la popolazione».

Rimpatri - Il secondo a prendere la parola è stato Johannes Matyassy. Il direttore della Direzione consolare del DFAE ha riferito degli aggiornamenti sui rimpatri degli svizzeri all'estero. « Entro il 4 aprile circa 3'500 cittadini elvetici che attualmente si trovano in giro per il mondo, saranno riportati a casa». Il loro rientro si è svolto in tre distinte fasi. La prima si è basata sulla responsabilità personale: «Tanti sono tornati con i loro mezzi». Nella seconda fase sono stati organizzati diversi voli charter per andare a prendere quegli svizzeri che non erano riusciti a organizzare il loro viaggio di rientro. «Circa 1'400 persone sono rientrate. Altri voli sono programmati. Ad esempio alcuni aerei voleranno a Bangkok». La terza fase, invece, riguarda quegli svizzeri che non possono essere rimpatriati immediatamente. «Il DFAE dà loro sostegno, anche finanziario, in base alla protezione consolare».  Il Dipartimento diretto da Cassis è a conoscenza di diversi casi di malattia fra i turisti svizzeri, con un decesso.

Protezione civile ed esercito - Christoph Flury, capo della protezione civile, dice che i suoi uomini sono pronti a svolgere i compiti prestabiliti. «Sono circa 5'500. La maggior parte di essi agiscono in Ticino e Romandia». Da parte sua il Capo di Stato maggiore dell’esercito Raynald Droz precisa che nuove truppe di sanitari sono state mobilitate per contrastare l'avanzata del virus e altre lo saranno in futuro. «Dobbiamo addestrare i soldati e integrarli nelle truppe. È una cosa nuova. Molti militi erano già stati congedati e dovranno recuperare tutto il materiale che già avevano restituito». In totale l'esercito ha mobilitato finora dai 3.800 ai 4'000 soldati sanitari. «Ora - precisa Droz - siamo alla ricerca di quei militi con formazione sanitaria che prestano servizio in tutti gli altri settori dell'esercito». 

Lavoro ridotto per 42'000 - Boris Zürcher, Capo della direzione del lavoro alla SECO, ha poi fatto il punto sul lavoro ridotto. «Circa 42'000 aziende lo hanno richiesto per un totale di 570'000 dipendenti. Circa l'11% degli impiegati in Svizzera lavora attualmente a tempo ridotto. In Ticino questa percentuale sale al 34%», ha precisato Zürcher. Passando invece alle fideiussioni, sono già oltre mille le aziende che ne hanno ricevuto una. «Un bel risultato se si pensa che il sistema è attivo solo da questa mattina alle 8.00». Il formulario - precisa ancora la SECO - è già stato scaricato oltre settantamila volte.

Coprifuoco? «Stiamo analizzando l'ipotesi» - Susanne Kuster, vicedirettrice dell'Ufficio federale di giustizia, è stata interpellata sull'eventuale possibilità di mettere in atto un coprifuoco. «È un'ipotesi che l'Ufficio federale di giustizia sta valutando. Per ora si tratta solamente di un'analisi preventiva. Per avere qualcosa in mano nel caso si dovesse arrivare fino a quel punto». Attualmente, però, non vi è alcun sentore che un simile provvedimento possa essere varato. 

Alla conferenza stampa hanno presenziato Daniel Koch, capo della divisione malattie trasmissibili dell'UFSP; Johannes Matyassy, direttore della Direzione consolare del DFAE; Christoph Flury, capo della protezione civile (UFPP); Raynald Droz, Capo di Stato maggiore dell’esercito; Barbara Büschi, direttrice supplente alla Segreteria di Stato della Migrazione (SEM); Susanne Kuster, vicedirettrice dell'Ufficio federale di giustizia; Boris Zürcher, Capo della direzione del lavoro alla SECO; Erik Jakob, Capo della direzione per la promozione della piazza economica alla SECO; Martin Godel, Capo del servizio Politica a favore delle PMI.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 3 gior fa su tio
Koch, spieghi al mondo intero, la differenza tra essere spiati ed essere sorvegliati.
Heidi Bisi 3 gior fa su fb
Ecco per chi ama uno stato poliziesco e controllore, tanti commenti trasudano di un bisogno di bacchettare, giudicare, punire, tipo pena di morte per chi tossisce.....contenti ora ?
Ervis Egro 3 gior fa su fb
Non si tratta di sorveglianza ma effettivamente e sorveglianza! No?
Jon Campagna 3 gior fa su fb
Sfruttare il covid per abituare le persone ad esser controllate ✔️ fatto Controllare è meglio che informare? Fate qlc servizio in più sulla situazione reale (stile Falò) e vedrete che sarà più utile che cercare di rincorrere i restiii
Sergio Romanelli 3 gior fa su fb
Adriano Fattorini 3 gior fa su fb
Perse altre occasioni di tacere!
seo56 3 gior fa su tio
Chiudete le frontiere!
seo56 3 gior fa su tio
Ma chi vi crede!!!
sedelin 3 gior fa su tio
come no! se gli assembramenti sono rintracciabili lo sono pure i numeri degli abbonati (swisscom). le bugie hanno le gambe corte!
Massimiliano Verdaglia 3 gior fa su fb
Mi sa che Swisscom perderà dei clienti ..!!!🤮🤮🤮🤮🤮🤮
tip75 3 gior fa su tio
destituite questo buffone, prende per i fondelli la nazione da un mese, un incapace attaccato ai soldi un po’ come cassis, speditelo a casa!
miba 3 gior fa su tio
@tip75 Già che hai lanciato lo spunto.... Ma Cassis dov'è?? Adesso con il coronavirus si è imboscato del tutto in qualche ufficio di palazzo federale? Abbiamo un consigliere federale ticinese (pro forma...) ma qualcuno l'ha visto in Ticino dopo l'avvento del coronavirus se non altro almeno per un gesto? Uno peggio di così a palazzo federale proprio non poteva arrivarci! L'ex cassamalataro è decisamente la vergogna del Ticino in Svizzera e della Svizzera all'estero
Vecio Onboard 3 gior fa su fb
Noi sempre a pensar male ! A pensarci bene secondo me e solo a scopo di aiutare l'economia dovrebbero autorizzare un rialzo delle tariffe. I classici due piccioni con una fava.
Mino Gabo 3 gior fa su fb
a male estremo, estremo rimedio :o ! state a casa ...
Giorgio Gori 3 gior fa su fb
Questo non tace mai!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-30 16:16:30 | 91.208.130.85