keystone
ZURIGO
12.03.2020 - 12:220

Studenti da zone a rischio? «State a casa»

L'università di Zurigo chiude le porte a chi è stato in Italia e in Cina nelle ultime due settimane

Scattano misure straordinarie, dopo che i contagi nell'ateneo sono saliti a 10

ZURIGO - L'Università di Zurigo ha deciso che chiunque ha soggiornato in una zona a rischio per il coronavirus dovrà restare a casa per un periodo di 14 giorni. Fino ai ieri l'ateneo zurighese aveva registrato 10 contagi.

Le aree a rischio includono l'Italia settentrionale, la Cina, Hong Kong, la Corea del Sud, l'Iran, il Giappone e Singapore. Il divieto di accesso agli edifici e alle strutture universitarie vale per studenti e dipendenti, come pure per i visitatori esterni, si legge sul sito web dell'ateneo.

Fino a martedì, all'interno dell'Università di Zurigo si sono verificati 10 casi di persone positive al coronavirus. Visto che non è più previsto di sottoporre al test tutte le persone con sintomi della malattia, l'ateneo non pubblicherà più il bilancio dei contagiati.

Oltre al divieto per le persone rientrate da zone a rischio, l'Università ha deciso di cancellare fino al 5 aprile tutti gli eventi pubblici che esulano dal normale programma dei corsi universitari.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-27 11:56:17 | 91.208.130.85